Ucraina. Secondo l’intelligence Usa, «500 russi morti o feriti al giorno»

Ucraina. Secondo l’intelligence Usa, «500 russi morti o feriti al giorno»

Sembra che la Russia al momento stia pagando la scelta di dislocare un numero ingente di truppe al sud, ovvero nella stessa zona dove gli ucraini potrebbero tentare la controffensiva

 

I soldati russi morti o feriti ogni giorno in Ucraina potrebbero essere circa 500. La cifra, impressionante se si considera che la fine del conflitto non appare affatto vicina, è stata diffusa ieri dal New York Times che a sua volta cita funzionari militari e dell’intelligence statunitense. Al di là del numero, che appare oltremodo elevato, è significativo notare che anche se i morti e i feriti russi quotidiani fossero la metà, addirittura se si trattasse di un quarto, sarebbero comunque tantissimi per un’ «operazione speciale» che si sta trasformando sempre di più in una guerra di attrito.

Senza contare che ben presto le grandi avanzate di Mosca potrebbero lasciare il posto al peggiore incubo di ogni reparto di fanteria del mondo: la guerra di posizione. Anche per questo, i funzionari americani citati dal Nyt, avrebbero dichiarato che Putin «potrebbe non essere in grado di conquistare l’intera parte orientale del Paese entro quest’anno». Si consideri, come termine di paragone, che nel momento in cui l’offensiva russa nell’est dell’Ucraina era al suo culmine, alcuni funzionari di Kiev si lasciarono sfuggire che in Donbass morivano almeno 100 soldati ucraini al giorno.

Ora, le notizie fornite da una parte o dall’altra, soprattutto quando si tratta di intelligence, non sono mai neutrali. Tuttavia, sembra che la Russia al momento stia pagando la scelta di dislocare un numero ingente di truppe al sud, ovvero nella stessa zona dove gli ucraini potrebbero tentare la controffensiva. Giovedì notte il presidente Zelensky ha rimproverato proprio quei generali e funzionari che “parlano troppo”, affermando che la guerra non è «assolutamente il momento per la vanità e le dichiarazioni altisonanti».

* Fonte/autore: Sabato Angieri, il manifesto



Related Articles

«Modello Kosovo », il drone del silenzio

«Modello Kosovo». Serbia-Albania, altro che partita di calcio. Parliamo di crimini Uck. Per l’inchiesta Ue, Nato e Onu sono complici di «violazione dei diritti umani»

Il Regno unito degli ultimi

Londra Spenti i roghi dei «riots», la capitale si interroga su che cosa sia davvero accaduto. La «big one society», la grande società  unita, ora non esiste più

L’unico mondo di sottrarre le telecamere dalla telenovela dei Windsor sembra sia mettere la «cool Britannia» a ferro e fuoco. Viaggio nelle periferie dove i tagli alla spesa sociale chiudono ogni luogo di formazione o aggregazione. E le «madam» caricatevoli scendono per farsi fotografare con i bobbies Bambini felici, signore caritatevoli, dolcetti… Reportage dalle strade che i «riots» hanno messo a ferro e fuoco

Cercando l’Europa nella notte di Kiev

Il baratro dell’Ucraina è una sfida aperta per le democrazie europee

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment