Iran. Mahsa uccisa per il velo da un regime che odia le donne

Iran. Mahsa uccisa per il velo da un regime che odia le donne

Mahsa Amini è stata fermata dalla polizia religiosa perché portava male il foulard. Mentre era in commissariato è entrata in coma per tre giorni, e non ce l’ha fatta. Il presidente Raisi ordina un’inchiesta dopo l’ondata di indignazione in patria e all’estero

 

Mentre il presidente iraniano Ebrahim Raisi è sulla via del ritorno a Teheran dopo aver partecipato al vertice di Samarcanda, un’altra notizia corre veloce e soppianta quella dell’ingresso dell’Iran nella Shanghai Cooperation Organization (SCO) volto a rompere l’isolamento dovuto alle sanzioni statunitensi. A distogliere l’attenzione dal successo iraniano sulla scena internazionale è la morte della giovane Mahsa Amini mentre era in commissariato a Teheran. Ventidue anni, martedì Mahsa era stata fermata per strada dalla polizia religiosa che perseguita le badhejabì, ovvero le donne che non rispettano il severo codice di abbigliamento imposto alle iraniane che dalla Rivoluzione del 1979 hanno l’obbligo di coprire i capelli con il foulard quando si trovano fuori casa.

VENERDÌ la televisione di Stato ha dato notizia della morte di Mahsa dopo tre giorni di coma. Sono due i brevi video mandati in onda per dimostrare che non ci sarebbe stato contatto fisico tra gli agenti e la ragazza. Nel primo, in quello che è verosimilmente un commissariato di polizia, si vedono numerose donne; una di loro, presentata come Mahsa Amini, si alza per discutere con una poliziotta in merito al proprio abbigliamento; dopodiché sviene. In un altro video il corpo della giovane viene trasportato verso un’ambulanza. Nel frattempo, visto che la sua morte sta suscitando indignazione tra gli iraniani in patria e all’estero, oscurando i successi in politica estera, il presidente Ebrahim Raisi ha incaricato il ministero degli Interni di aprire un’inchiesta. Il capo dei medici legali di Teheran ha dichiarato alla televisione di Stato che le indagini sono in corso, ma ci vorranno tre settimane.

IERI MAHSA AMINI è stata seppellita a Saghez, la sua città natale nel Kurdistan iraniano, nel nordovest del Paese. Dopo il funerale, diverse persone hanno scandito slogan chiedendo un’inchiesta approfondita. I manifestanti si sono riuniti davanti agli uffici governativi e a quel punto le forze di sicurezza li hanno dispersi utilizzando i lacrimogeni. La ventiduenne Mahsa è l’ultima vittima di un regime che perseguita le donne. Donne che sfidano l’obbligo del foulard, anche perché secondo anche il versetto coranico «non c’è costrizione nella fede», tant’è che il Corano non lo impone. E, di questi tempi, anche attiviste per i diritti Lgbtqia+ come Zahra Sedighi Hamedani (31 anni) e Elham Chubdar (24), condannate a morte dal tribunale di Urmia (nel nord-ovest dell’Iran) per «corruzione sulla terra», il reato più grave previsto dal codice penale dell’Iran.
Secondo informazioni ottenute da Amnesty International, «il verdetto di colpevolezza e le sentenze si basano su ragioni discriminatorie legate all’orientamento sessuale reale o percepito e/o all’identità di genere delle due donne e, nel caso di Zahra, al suo pacifico attivismo per i diritti Lgbtqia+».

LE AUTORITÀ hanno sempre chiuso un occhio sull’omosessualità femminile: per le donne è sempre stato possibile condividere un appartamento e fare una vita in comune, senza attirare l’attenzione. Nel caso di Zahra e Elham, a metterle nei guai sono l’aver fatto proselitismo, per il cristianesimo, e l’aver «rilasciato dichiarazioni a media nemici». Il cristianesimo non è vietato in Iran: vi sono chiese aperte al culto e in parlamento due seggi sono riservati ai cristiani, ma fare proselitismo è reato. Il mezzo di comunicazione percepito come nemico è l’emittente britannica Bbc: nel maggio 2021 Zahra era apparsa in un documentario sulle persecuzioni nel Kurdistan iracheno delle persone con un diverso orientamento sessuale.

* Fonte/autore: Farian Sabahi, il manifesto



Related Articles

MAREK HALTER: “Ma nessuno si batte contro i muri”

L’INTERVISTA. L’INTELLETTUALE FRANCESE MAREK HALTER: “PER RILANCIARE IL PROGETTO DI UNIONE RIPARTIAMO DALLA SCUOLA”

Migranti, Rotta Balcanica

Lojane, nel nord della Macedonia, è la Lampedusa dell’est. I migranti dormono nelle case abbandonate a causa degli scontri etnici. A controllare i loro movimenti una rete di «smugglers», trafficanti d’uomini

Nel cimitero dei clandestini dove le lapidi sono di carta

La tomba al migrante ignoto. C’è un angolo del cimitero di Scicli, città  barocca celebrata da Elio Vittorini («Forse è la più bella di tutte le città  del mondo. E la gente è contenta nelle città  che sono belle…» ), dove il visitatore s’imbatte in alcune lapidi rudimentali— lastre sottili di marmo sormontate da una tavoletta di legno con un foglio scolorito e strappato— che testimoniano la sepoltura dei clandestini senza nome. Naufraghi dei viaggi della speranza, in quel braccio di Mediterraneo, solcato dai barconi stipati all’inverosimile.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment