Iran. Sedicenne uccisa, timori per l’atleta che ha gareggiato senza velo

Iran. Sedicenne uccisa, timori per l’atleta che ha gareggiato senza velo

La 16enne Asra Panahi picchiata a morte per aver rifiutato di cantare. Studenti in corteo a Teheran. Dopo la gara a Seul, la scalatrice Elnaz Rekabi sarebbe diretta nel temuto carcere di Evin

 

Nella Repubblica islamica dell’Iran alle donne è vietato cantare in pubblico. Paradossalmente, in certe circostanze sono invece obbligare a cantare e, se rifiutano, rischiano di essere uccise.

È successo alla liceale Asra Panahi, 16 anni, assassinata dalle forze di sicurezza: l’hanno picchiata a sangue perché, con altre compagne di classe, si era rifiutata di cantare un inno dedicato alla Guida suprema, l’ayatollah Khamenei.

LO DENUNCIA su Telegram il Consiglio di Coordinamento del sindacato iraniano degli insegnanti, secondo cui varie ragazze sono state trasferite in ospedale dopo il pestaggio in una scuola nella città azerbaigiana di Ardebil (nord ovest), teatro di proteste di larga portata.

Ed è proprio qui, nelle province dell’Azerbaigian, che i vertici di Teheran temono il fermento, dopo i disordini nelle province iraniane del Kurdistan (ovest) e Sistan e Balucistan (sud est).

Avvocato e vicepresidente della Commissione per i diritti umani dell’Ordine degli avvocati nella provincia dell’Azerbaigian orientale, giovedì scorso Sina Yousefi aveva dichiarato che le persone arrestate nel capoluogo Tabriz sono oltre 1.700 e nulla si sa del loro destino.

Tra questi, lo studente Aysan Adibek e sua sorella Siddika Adibek: spariti la settimana scorsa, non hanno contattato la famiglia e non hanno un avvocato. Yousefi aveva quindi dato avvio a un comitato di difesa per i manifestanti arrestati, ma venerdì è stato fermato dalle forze di sicurezza e non si sa dove sia finito.

SE IERI POMERIGGIO a Teheran su viale Enqelab, il viale della Rivoluzione, c’erano cortei pacifici di studenti che camminavano in gruppo, passando davanti alle forze di sicurezza, a preoccupare è Elnaz Rekabi.

Domenica pomeriggio la scalatrice iraniana ha gareggiato in una competizione di arrampicata a Seul senza velo. Per questo motivo – scrive IranWire, sito di giornalisti dissidenti iraniani – sarà trasferita direttamente da Seul nella famigerata prigione di Evin a Teheran.

La giovane sarebbe stata ingannata dal capo della Federazione di arrampicata iraniana: obbedendo agli ordini dei pasdaran, l’avrebbe condotta dall’albergo di Seul all’ambasciata iraniana.

Ieri pomeriggio l’atleta ha scritto un post su Instagram per dire che il copricapo le è caduto «inavvertitamente»: «Mi scuso per avervi fatto preoccupare, sto tornando a Teheran insieme alla squadra». Se Elnaz Rekabi torna in Iran, senza chiedere asilo politico, è perché suo marito è lì.

Il suo caso è stato sollevato dalle Nazioni unite con le autorità iraniane: «Seguiremo la vicenda da molto vicino – ha dichiarato Ravina Shamdasani, portavoce dell’Ufficio dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani con sede a Ginevra – Le donne non dovrebbero mai essere perseguite per ciò che indossano e non dovrebbero mai essere sottoposte a violazioni come la detenzione arbitraria o altre violenze per come sono vestite».

IN IRAN, LE DONNE praticano sport fin dai tempi dello scià quando, in pantaloncini corti o minigonna, servivano a dare l’immagine di un paese moderno: erano un tassello nella propaganda di regime.

Nella Repubblica islamica, praticare sport rispettando le regole non è facile: il velo è sempre obbligatorio, così come un abbigliamento che copra il corpo e ne nasconda le forme.

Per le iraniane, lo sport è stato e resta uno strumento di emancipazione, ma non tutte le storie sono a lieto fine: campionessa nei 20 km rana femminile in acque aperte, quando Elham Asghari decise di fare il giro dell’isola di Kish, nel Golfo persico – dandosi tre giorni di tempo – venne investita da una barca della polizia. Un trauma fisico e psicologico. A convincerla a non mollare era stato il padre, ex lottatore olimpico.

La speranza è che – in questa battaglia per maggiori diritti – gli uomini siano accanto alle donne.

* Fonte/autore: Farian Sabahi, il manifesto

 

 

Photo by ANF News



Related Articles

Lampedusa e Tarifa, Ceuta e Melilla: disperazione e speranza camminano insieme

   Ceuta (ma il muro c’è) – Foto: wikipedia.it

Da Lampedusa alla Tunisia (Ras Kaboudja) vi sono 167 Km. Da Lampedusa a Tripoli, in Libia, 355 Km. Con una latitudine Nord di 35° 29′ 58”, l’isola siciliana costituisce il centro abitato più meridionale d’Italia ma si posiziona anche ben più a Sud di diversi territori della sponda africana che si affacciano sul Mediterraneo, come Tunisi e Algeri. Non sorprende dunque che siano numerose le carrette del mare cariche di profughi che fanno rotta verso Lampedusa.

Dreamers e muro col Messico, i repubblicani affossano la legge di Trump

Alla Camera il partito si spacca e respinge la proposta su tre punti per le politiche migratorie, sintomo di una più ampia divisione interna

Sicurezza? Mattarella convalida Salvini e firma. Sindaci e Regioni in allarme

Diritto incivile. Già cominciate le espulsioni dai centri di accoglienza. Previsti 50 mila nuovi irregolari

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment