Suicidio assistito, un altro malato grave costretto a morire in Svizzera

Suicidio assistito, un altro malato grave costretto a morire in Svizzera

 Il signor Romano ha chiesto aiuto a Marco Cappato. Che si autodenuncerà oggi a Milano, rischia 12 anni di carcere

 

«Mio papà ha appena confermato la scelta di morire. Io sono arrivata dalla California per essere qui con lui in questi giorni. In California, la scelta che ha fatto mio papà è legale e, nel caso di una malattia come la sua, avrebbe potuto scegliere di morire in casa, circondato dai suoi cari e dalla sua famiglia. Noi abbiamo dovuto fare questo viaggio per venire in Svizzera perché lui potesse fare questa scelta e io spero che in Italia, presto, sia possibile per le persone poter fare questa scelta a casa propria e morire a casa propria, circondate dalle persone care». Con queste parole la figlia Francesca ha dato notizia del suicidio assistito di suo padre, il signor Romano, 82 anni, di origini toscane e residente a Peschiera Borromeo, affetto da Parkinson atipico dal 2020.

Il signor Romano non era tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale, pertanto era escluso dalla possibilità di accedere al suicidio assistito in Italia poiché privo di uno dei requisiti della sentenza della Consulta emessa sul caso Cappato/Dj Fabo. Ed è proprio a Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, che si era rivolto l’uomo, ex giornalista e pubblicitario, da anni costretto a letto dalla malattia tra forti dolori muscolari, in una condizione irreversibile che gli impediva di leggere, scrivere e fare qualsiasi cosa in autonomia, «una malattia – come spiegava sua moglie – molto aggressiva che gli ha paralizzato completamente gli arti e che ha prodotto una disfagia molto severa che lo porterà a breve a una alimentazione forzata. Ma mio marito non vuole più soffrire».

Il signor Romano non voleva neppure creare problemi legali ai suoi famigliari, «visto che nel nostro Paese non esiste un quadro legislativo chiaro sulla scelta del fine vita che è un diritto fondamentale dell’uomo». E infatti Cappato, che si autodenuncerà questa mattina ai Carabinieri di Milano, rischia per la sua nuova disobbedienza civile ancora una volta 12 anni di carcere. «Sono passati quattro anni da quando la Corte costituzionale ha chiesto per la prima volta al Parlamento di intervenire – ha ricordato Cappato – Ritengo indegno di un Paese civile continuare a tollerare l’esilio della morte in clandestinità di persone che patiscono sofferenze insopportabili e irreversibili».

* Fonte/autore: Eleonora Martini, il manifesto



Related Articles

Droghe. Livelli di assistenza, il diritto di aver salva la vita

riproporre l’attenzione sulla Riduzione del danno, sulla necessità degli interventi salvavita, sui diritti delle persone consumatrici e dipendenti

Uno smartphone per l’ispettore

Il sospettato immobile, con le mani alzate, in attesa. Davanti a lui un poliziotto in divisa che gli punta contro uno smartphone. L’atavica e mai risolta rincorsa tra guardie e ladri si arricchirà  presto di una scena come questa. Perché nella fondina adesso trova posto una nuova arma. Che spara dati, recupera fedine penali in tempo reale, identifica volti, riconosce le impronte, annusa. E che potrebbe servire a svuotare le carceri. Succederà  presto, e qualcosa succede già .

Moby Prince, vent’anni fa la strage

Un momento della commemorazione della tragedia del traghetto Moby Prince

Sono passati vent’anni ma la tragedia del Moby Prince, il traghetto della Navarma a bordo del quale il 10 aprile 1991 morirono 140 persone dopo lo schianto contro la petroliera Agip Abruzzo, è rimasta senza colpevoli.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment