Escalation. Gli Usa dettano la linea a NATO e UE: è l’ora dei carri armati

Escalation. Gli Usa dettano la linea a NATO e UE: è l’ora dei carri armati

In Germania l’incontro tra i membri della Nato e della Ue sulla guerra in Ucraina. Washington preme su Berlino perché invii i Leopard. Scholz: «Rischio guerra mondiale»

 

«Prima di Ramstein ci siamo preparati a fondo, abbiamo tenuto decine di conversazioni importanti. Ci sono Paesi ai quali ci inchiniamo, perché danno tutto ciò che hanno per permetterci di mantenere tutto ciò che è nostro, cioè il nostro popolo. Le aspettative sono positive», ha detto il presidente Volodymyr Zelensky a proposito dell’incontro in Germania di oggi.

I RAPPRESENTANTI degli stati membri della Nato, dell’Ue e di altri alleati dell’Occidente sono stati convocati nellla base aerea dell’Alleanza atlantica a Ramstein per discutere i prossimi passi. Ufficialmente, si legge sul sito della Nato, «l’incontro è ospitato dal segretario alla Difesa degli Usa, Lloyd J. Austin III, e si concentrerà sulla crisi in corso in Ucraina e sulle relative questioni di sicurezza che gli alleati e i partner della Nato devono affrontare». A margine della riunione, il segretario generale Stoltenberg terrà degli incontri bilaterali con Oleksii Reznikov, ministro della Difesa ucraino e «altri alti funzionari» non meglio specificati.

Il clima di attesa stavolta è molto alto, sia da parte del governo di Kiev sia dagli altri attori coinvolti. Il primo incontro del genere si era tenuto a due mesi dall’inizio della guerra, il 26 aprile 2022, quando Usa e Ue si erano rese conto che i piani della Russia rispetto alla «vittoria lampo» erano oramai naufragati.

In quella sede si era deciso di creare un «gruppo di contatto» globale per coordinare le forniture volte a rafforzare le capacità di difesa dell’Ucraina. L’ultimo summit si era tenuto in via telematica lo scorso novembre, poco dopo il cambio di strategia russa e l’inizio dei bombardamenti sistematici alle grandi città ucraine.

DRONI, MISSILI da crociera e missili balistici di Mosca hanno determinato una fase nuova del conflitto e segnato il cambiamento della strategia comunicativa di Kiev. Da quel momento i politici ucraini hanno iniziato a chiedere sistemi antiaerei, missili a più lungo raggio e, soprattutto, carri armati.

Su questi ultimi quasi sicuramente si incentrerà il dibattito di oggi. E l’osservato speciale è la Germania. I carri armati Leopard 2, considerati tra i migliori al mondo, sono diventati il pomo della discordia tra gli alleati europei dell’Ucraina. La Polonia vorrebbe fornirne un intero squadrone, i Paesi baltici premono affinché si doti Kiev di «ogni armamento necessario».

IERI SU TWITTER il consigliere presidenziale di Zelensky, Mikhaylo Podolyak, ha ribadito che «da Washington a Londra, da Parigi a Varsavia, si dice una cosa: l’Ucraina ha bisogno di carri armati. Carri armati: la chiave per porre fine alla guerra in modo appropriato. È ora di smettere di tremare davanti a Putin e fare il passo finale».

Lo stesso passo finale che il cancelliere tedesco Olaf Scholz in un intervento di mercoledì diceva di non voler compiere in quanto «bisogna a tutti i costi evitare una guerra tra Russia e Nato». Secondo l’agenzia Reuters un anonimo funzionario tedesco avrebbe dichiarato che il suo Paese acconsentirà alla fornitura dei Leopard se gli Usa invieranno i loro tank Abrams. Ma Washington finora non si è mai sbilanciata sui suoi mezzi.

Tuttavia, le dimissioni del ministro della Difesa di Berlino, Christine Lambrecht, da molti sono state interpretate come una reazione al clima di forti pressioni interne e internazionali proprio sulla fornitura di tank al governo di Zelensky. E sempre ieri la delegazione statunitense capitanata da Lloyd Austin III è volata in Germania, in anticipo, per incontrare faccia a faccia il nuovo ministro Boris Pistorius.

In molti credono che tale incontro bilaterale servisse a chiarire la linea prima della plenaria di oggi. Così come da più parti si valuta la chiamata Usa a Ramstein come un modo per serrare i ranghi o per «dettare la linea».

L’INFLUENZA della strategia di Joe Biden sull’orientamento dell’Unione europea è evidente fin dai primi mesi di guerra e oggi potrebbe far registrare un nuovo picco. Se la Germania (o chi possiede i suoi tank) dovesse cedere sarebbe difficile non ammettere una volta per tutte che chi decide sulla strategia estera dell’Europa risiede oltreoceano.

* Fonte/autore: Sabato Angieri, il manifesto

 



Related Articles

Fmi e Tesoro Usa all’attacco “La Germania investe poco così frena lo sviluppo di tutti”

Il Fondo monetario difende le politiche monetarie della Bce dalle critiche dei falchi

Naufragio nell’Egeo, morte quattro donne e un bambino

Grecia. Amnesty: a Lesbo e Chios profughi «in condizioni agghiaccianti». E i 16 arriva il papa

I 5+1 a Ginevra, in ballo la fine delle sanzioni Usa

IRAN-NUCLEARE
Si riapre la partita per il nucleare iraniano dopo il tiepido riavvicinamento telefonico del mese scorso tra Obama e Rohani, dopo 34 anni di gelo diplomatico. Inizia così una due giorni di trattative a Ginevra con i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite e la Germania.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment