Studiosi e ONG categorici: «Il decreto Piantedosi è incostituzionale»

Studiosi e ONG categorici: «Il decreto Piantedosi è incostituzionale»

Ong, avvocati, docenti, un ex magistrato, un ammiraglio in congedo e la Cei contro il provvedimento che limita i soccorsi nel Mediterraneo. In corso le audizioni nelle commissioni parlamentari per i pareri tecnici

 

Il decreto Piantedosi sui flussi migratori «potrebbe essere dichiarato incostituzionale dalla Consulta in qualsiasi istante». A dirlo è il professore di diritto dell’università Bicocca Paolo Bonetti, ascoltato ieri durante le audizioni delle commissioni Affari costituzionali e Infrastrutture. Il provvedimento dovrà essere convertito in legge entro il 3 marzo, in questa fase i gruppi parlamentari stanno ascoltando soggetti qualificati a dare contributi tecnici. Gli inviti sono partiti soprattutto dalle opposizioni.

Dura condanna delle scelte del Viminale è stata ribadita da monsignor Gian Carlo Perego, presidente di Fondazione Migrantes e Commissione Cei per le migrazioni. «Il provvedimento va abrogato – afferma – Se si vuole combattere il traffico di esseri umani l’attenzione va portata sul rinnovo del memorandum con la Libia piuttosto che sull’azione delle Ong». Per Roberto Zaccaria, presidente del Consiglio italiano per i rifugiati (Cir), «non è emendabile e non può essere convertito in legge».

I punti problematici sono diversi, a partire dall’assenza dei requisiti di necessità e urgenza previsti dalla Costituzione per simili provvedimenti. Le critiche si concentrano su due elementi. «Il primo dubbio riguarda la territorialità del diritto», afferma l’avvocato Stefano Greco, per la Casa dei diritti sociali, riferendosi alla mancanza di giurisdizione italiana sulle navi straniere che navigano in acque internazionali.

Un aspetto su cui insiste anche la docente di diritto internazionale dell’università Cattolica Francesca De Vittor: «Non si possono imporre competenze al capitano della nave di un altro paese che si trova in alto mare». Una di queste sarebbe informare i naufraghi sull’asilo e, nel caso, raccoglierne le domande. Unhcr, per bocca di Chiara Cardoletti, è d’accordo sul primo aspetto ma ritiene problematico che la procedura possa essere avviata a bordo. L’agenzia Onu sostiene però che la responsabilità sugli sbarchi dalle navi Ong debba essere condivisa tra Stati costieri e di bandiera. Un tema molto caro al governo Meloni, anche se lo smacco ricevuto dalla Francia sul caso Ocean Viking sconsiglia di sfidare i partner Ue.

L’altro elemento critico del decreto è il divieto dei soccorsi multipli. Cioè l’idea del governo italiano che le navi si dirigano verso i porti assegnati dopo il primo soccorso «senza ritardo», nemmeno in caso di Sos aperti. «Non si può obbligare l’omissione di soccorso», avverte l’ex magistrato Armando Spataro, che poi smentisce le dichiarazioni di Piantedosi sui presunti rapporti Ong-trafficanti: «non esiste un solo caso in cui siano stati provati». Per Riccardo Magi, deputato di +Europa, «se un comandante farà salvataggi multipli a essere condannato sarà il decreto».

Filippo Miraglia, responsabile Arci immigrazione, ritiene che il provvedimento si basi su una «bugia pubblica»: l’Italia lasciata sola dall’Ue. In realtà si tratta di «un Paese che si fa carico di un numero di richiedenti asilo inferiore alla media europea». L’ammiraglio in congedo della guardia costiera Vittorio Alessandro, a nome del comitato per il diritto al soccorso di cui fanno parte anche De Vittor e Spataro, ha sottolineato come de facto il decreto «non abbia ancora trovato applicazione, sebbene sia stato emanato in via d’urgenza. Si tratta di un strumento sostanzialmente sanzionatorio».

Infatti, prima della sua introduzione, a cambiare le carte nel Mediterraneo è stata la nuova prassi del Viminale: porti subito dopo il primo soccorso ma lontanissimi. Una tattica che rimarrebbe in vigore anche se il decreto andasse a sbattere contro la Costituzione o le Convenzioni internazionali. Per Spataro, però, il governo deve stare attento: spedire le navi Ong, e solo loro, a centinaia di chilometri apre a possibili richieste di risarcimento danni.

* Fonte/autore: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Nascere donna in Arabia Saudita

  Donne saudite con l’Hijab integrale – Foto: lettera43.it

Di certo non sta avendo luogo in Arabia Saudita una “svolta rosa”, come l’AGI ha battuto alcuni giorni fa e come diversi giornali hanno rilanciato dalle loro colonne. Sicuramente va però riconosciuta la portata storica dell’apertura alle donne del Consiglio della Shura, l’organo consultivo della monarchia wahabita, finora ad esclusivo appannaggio degli uomini. La quota del 20% riservata alla componente femminile è pari a 30 dei 150 membri, designati ogni 4 anni per sottoporre proposte di legge al sovrano (che continua ad accentrare in sé il potere legislativo), esprimere pareri anche su temi di politica estera, dare interpretazioni alle leggi e infine interpellare i ministri sulla loro azione politica.

Lampedusa, la prigione dei bambini

 

Hanno pochi anni, a volte perfino pochi mesi. Sono venuti dall’Africa sui barconi. Adesso sono rinchiusi a centinaia nel centro di detenzione dell’isola. Dove restano per settimane tra malattie, incidenti e un caldo infernale. L’inviato dell’Espresso è riuscito a entrare in questo carcere di cui nessuno vuole parlare

Profughi tra due fuochi, caccia all’uomo con lacrimogeni e proiettili al confine greco-turco

Lacrimogeni e proiettili di gomma contro migliaia di migranti, respinti da entrambi gli eserciti. Ankara: c’è un morto. Erdogan: «La Ue viola i diritti». Oggi vede Putin per ottenere la tregua nella siriana Idlib

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment