La Redazione

LA REDAZIONE DEL RAPPORTO SUI DIRITTI GLOBALI

José Miguel Arrugaeta: è nato a Bilbao, nel Paese Basco. Storico e giornalista, ha conseguito la seconda laurea in storia all’Universitá dell’Avana. Ha lavorato come professore di Storia e di Storia della cultura cubana per la stessa università. Collabora con i siti www.dirittiglobali.it e www.globalrights.info e scrive per diversi giornali e riviste, tra cui i baschi “Gara”, “Berria”, il catalano “La Directa”, lo spagnolo “Rebelión”, “The Oslo Times” e il kurdo “Ozgur Gundem”. Ha curato per l’editrice inglese Comma Press (www.commapress.co.uk) con Orsola Casagrande il libro The Book of Havana, raccolta di 10 racconti di scrittori cubani contemporanei. Ha curato inoltre i volumi Historia de la Revolucion Cubana e Fidel Castro Ruz: Seleccion de Discursos.

Orsola Casagrande:

nata a Venezia. Ha lavorato dal 1990 al 2013 al quotidiano “il manifesto” per il quale è stata corrispondente dall’Irlanda e dal Regno Unito. Si occupa di guerre di liberazione e segue come inviata Irlanda, Turchia, Kurdistan. Con Sergio Segio dirige coordina il sito www.globalrights.info e l’omonima rivista.
Collabora con i quotidiani catalano “La Directa”, basco “Berria”, kurdo “Ozgur Gundem” e con il quotidiano “The Oslo Times”.
Ha pubblicato i libri: Minatori (Odradek, 2004), Europa domani. Conversazioni con Tariq Ramadan (Jouvence, 2008), Berxwedan (Punto Rosso, 2009).
Ha scritto e diretto i film: Ira (con Luca Pastore, 1993), Berxwedan (con Bibi Bozzato, 2008), 301 (con Bibi Bozzato, 2009).
Ha tradotto i libri di Gerry Adams, Ronan Bennett, Joseph O’Connor, per Gamberetti Editrice. Nel 2010 è stata co-curatrice del padiglione kurdo, Planet K, evento collaterale della 53ª Biennale d’Arte di Venezia.
Per il governo d’Irlanda ha curato gli eventi culturali della “Giornata irlandese” alla Fiera del Libro dell’Avana 2017, in occasione della visita del Presidente d’Irlanda, Michael Higgins, a Cuba.

 

roberto-ciccarelli

Roberto Ciccarelli: è filosofo e giornalista. Ha scritto, tra l’altro, Potenza e beatitudine. Il diritto nel pensiero di Baruch Spinoza (Carocci, 2003); Immanenza. Filosofia, diritto e politica della vita dal XIX al XX secolo (Il Mulino, 2008); La furia dei cervelli (con Giuseppe Allegri, Manifestolibri, 2011); Il Quinto Stato. Perché il lavoro indipendente è il nostro futuro. Precari, autonomi, free lance per una nuova società (con Giuseppe Allegri, Ponte alle Grazie editore, 2013); Capitale disumano – La vita in alternanza scuola lavoro (Manifestolibri, 2018); Forza lavoro – Il lato oscuro della rivoluzione digitale (DeriveApprodi, 2018).

 

Massimo Franchi: bolognese, laureato in Scienze Politiche con esperienza annuale in Erasmus alla Sussex University di Brighton (UK), è giornalista professionista dal 2004. Ha lavorato per “la Repubblica”, “l’Unità” e “il manifesto”. Collabora con la rivista “LiberEtà”. Si occupa di questioni economiche, del lavoro e sindacali. Nel 2006 è stato insignito di un riconoscimento dalla rivista “Ancora in marcia” dei macchinisti delle Ferrovie dello Stato per la «dimostrata capacità e correttezza dell’informazione». Per “l’Unità” ha seguito tutte le più importanti trattative tra governo e sindacati, ha pubblicato inchieste sulla sicurezza sul lavoro e le condizioni di lavoro negli stabilimenti FIAT e FCA. Ha pubblicato: L’inganno delle pensioniCome l’austerità previdenziale è stata usata per fare cassa alimentando lo scontro generazionale (Imprimatur, 2018); Il sindacato al tempo della crisi, analisi e proposte per un cambiamento necessario (Ediesse, 2015); Di lotta e di memoria, perché il sindacato ha ancora un ruolo (con Carla Cantone, Manni 2014); Nei panni degli operai, Maurizio Landini e 100 anni di FIOM – e di FIAT (Fuorionda 2011). Ha iniziato la carriera giornalistica occupandosi di sport e collaborando con l’UISP (Unione Italiana Sport per tutti) pubblicando: Sulla cresta dell’onda, personaggi del nuoto al femminile alla vigilia dei Mondiali 2009 (con Barbara Liverzani, Riccardo Viola editore, 2007) e La riabilitazione del pallone, il metodo UISP – vent’anni del campionato dei dipartimenti di salute mentale a Roma (con Andrea Sabbadini, Riccardo Viola editore, 2012).

 

  Sandro Gobetti: svolge attività di ricerca in diversi progetti europei e per altre istituzioni. Coordinatore e socio fondatore dell’associazione Basic Income Network Italia, nodo della rete mondiale Basic Income Earth Network (BIEN). Autore di numerosi articoli, studi, curatele e pubblicazioni sulle trasformazioni del mondo del lavoro e del welfare, tra cui i “Quaderni per il Reddito”. Esperto degli schemi di reddito minimo in Europa, ha collaborato alla realizzazione della legge 4/2009 per un reddito minimo garantito nella Regione Lazio. Autore, nel 2018, insieme a Luca Santini, del volume Reddito di base tutto il mondo ne parla (GoWare editore).

 

 

Francesco Paniè: giornalista, lavora nell’ufficio comunicazione dell’associazione ambientalista “Terra!” e collabora con il quotidiano “La Stampa” e la rivista “La Nuova Ecologia”, occupandosi in particolare di ambiente, clima e commercio globale.

 

 

 

 

susanna_ronconi

Susanna Ronconi: si occupa di ricerca, formazione, supervisione e valutazione nel campo delle politiche sociali, dei servizi alla persona e del lavoro con le comunità locali. Si è occupata in modo specifico di dipendenze e promozione della salute, con attenzione a interventi rivolti ai gruppi sociali più fragili. È esperta nelle metodologie dell’autoaiuto, peer support e peer education e nell’approccio di empowerment individuale e di comunità. Svolge inoltre attività di ricerca sociale con il metodo autobiografico. È nel Direttivo di Forum Droghe.
Dal 2016 è tra i delegati italiani al CSF, Civil Society Forum on Drugs presso la Commissione Europea.
Nel 2008-2009 ha coordinato la ricerca In precario equilibrio. Vulnerabilità sociali e rischio povertà, a cura dell’Osservatorio delle povertà e delle risorse Caritas diocesana Torino (Edizioni Gruppo Abele, 2009). Nel 2010 ha condotto la ricerca La percezione dei consumatori di cocaina circa l’uso controllato e incontrollato – Una ricerca qualitativa a Torino, pubblicata nel volume Cocaina. L’uso controllato (a cura di Grazia Zuffa, Edizioni Gruppo Abele, 2010). Ha curato il libro Molti modi di essere uniche – Percorsi di scrittura di sé per re-inventare l’età matura (con Barbara Mapelli e Lucia Portis, Stripes edizioni, 2011), tratto da un percorso di con-ricerca autobiografica con 125 donne. Nel 2013 ha condotto per Società della Ragione e Regione Toscana, con Grazia Zuffa, la ricerca qualitativa con le donne detenute negli istituti penitenziari toscani, contenuta nel volume Recluse. Lo sguardo della differenza femminile sul carcere (Ediesse, 2014). È del 2017 l’ultimo libro, Droghe e autoregolazione (con Grazia Zuffa, Ediesse).

 

segio

Sergio Segio: ideatore e curatore dei sedici volumi del Rapporto sui diritti globali, ne coordina dall’inizio la redazione. Ha collaborato con la Fabbri Rizzoli-Grandi Opere: per l’Enciclopedia Universale Rizzoli-Larousse − XIX Aggiornamento (Rizzoli-Larousse, 1992) ha redatto le voci relative alla Politica nazionale; per l’Enciclopedia Rizzoli − Annuario 1996 (Rizzoli, 1996) ha redatto la monografia Partiti politici; per l’Enciclopedia Bompiani nel 1996 ha redatto la voce relativa alla Storia politica italiana nella prima metà degli anni Novanta; per l’Enciclopedia UTET nel 1997 ha realizzato il saggio Storia politica italiana 1988-1997. È tra gli autori e collaboratori per le voci storiche de L’Enciclopedia, pubblicata nel 2003 dal Gruppo Editoriale L’Espresso-la Repubblica.
Ha ideato e curato per il Gruppo Abele i cinque volumi (1997-2001) dell’Annuario sociale (Feltrinelli editore).
È inoltre autore o coautore dei libri: Scuola e carcere – Educazione, organizzazione e processi comunicativi (a cura di Renata Mancuso, Franco Angeli, 2001); La Bibbia dei non credenti (a cura di Francesco Antonioli, Piemme, 2002); Miccia corta (DeriveApprodi editore, 2005; nuova edizione ampliata Milieu, 2017); Una vita in Prima Linea (Rizzoli, 2006); Lampedusa non è un’isola (A buon diritto, 2012).
Sui temi trattati dal Rapporto sui diritti globali, ha scritto e realizzato i lavori teatrali Dormono, dormono sulla collina (2008) e Last minute – Cronache dal mondo diseguale (2009), entrambi andati in scena al Teatro Litta di Milano.
Nel 1991 e 1992 è stato segretario di redazione della rivista quadrimestrale di studi criminologici “Dei delitti e delle pene” diretta da Alessandro Baratta. Negli anni Novanta ha promosso e diretto le riviste mensili “Narcomafie” e “Fuoriluogo”.
Nel 2001, dopo i fatti del G8 di Genova, ha promosso e diretto l’Agenzia d’informazione on line “Testimoni di GeNova”.
Dal 2003 è direttore dell’Associazione Società Informazione Onlus, per la quale ha ideato e realizzato il Rapporto sui diritti globali.
Ha promosso e dirige i siti www.dirittiglobali.it e www.globalrights.info. Dal 2015 ha fondato il magazine internazionale online “Global Rights”, di cui è co-direttore assieme a Orsola Casagrande.
Ha collaborato con numerose testate giornalistiche, in particolare è stato collaboratore fisso del quotidiano “la Repubblica” ed è commentatore di “Vita”, rivista e sito del non profit.
Lavora da un quarto di secolo con l’associazione Gruppo Abele. È nel direttivo nazionale dell’organizzazione umanitaria Nessuno tocchi Caino, attiva a livello internazionale contro la pena di morte e per i diritti umani. È tra i soci fondatori dell’associazione UPRE ROMA, impegnata per i diritti delle popolazioni Rom e Sinti.

 

albertozorattiAlberto Zoratti: esperto di cambiamento climatico, transizione ecologica ed economia internazionale, è presidente dell’organizzazione dell’economia solidale Fairwatch. Giornalista freelance, collabora con “Altreconomia”, di cui responsabile per il blog “Ri(e)voluzione”; è responsabile comunicazione di Legambiente Liguria; è tra i fondatori del sito web di informazione indipendente Comune-info.
È autore di diverse pubblicazioni, tra cui WTO. Dalla dittatura del mercato alla democrazia mondiale (con Monica Di Sisto e Roberto Bosio, EMI, 2005); Il voto nel portafoglio (con Monica Di Sisto e Leonardo Becchetti, Il Margine edizioni, 2008) e I Signori della Green Economy. Neocapitalismo tinto di verde e Movimenti glocali di resistenza (con Monica Di Sisto, EMI, 2013) e Nelle mani dei mercati. Perché il TTIP va fermato (con Monica Di Sisto e Marco Bersani, EMI, 2015). Ha contribuito alla redazione dell’ultima edizione della Guida al Consumo Critico (EMI, 2011).

*****

COLLABORATORI

Marco Calabria: giornalista professionista, ha lavorato per molti anni come caposervizio presso “il manifesto”. Tra i fondatori del settimanale “Carta”, di cui è stato anche presidente dell’omonima cooperativa, fa parte della direzione del quotidiano on line “Comune” (http://comune-info.net) per il quale è anche docente di corsi di formazione al giornalismo presso istituti scolastici e presso la Scuola del Sociale della Città metropolitana di Roma Capitale.

Gianluca Carmosino: giornalista professionista, ha lavorato presso riviste (per dodici anni nel settimanale “Carta”), giornali web e nella redazione del “Dossier Statistico Immigrazione”. Fa parte della direzione del quotidiano on line “Comune” (http://comune-info.net), per il quale è anche docente di corsi di formazione al giornalismo presso istituti scolastici e presso la Scuola del Sociale della Città metropolitana di Roma Capitale.

Riccardo Troisi: economista, ha collaborato con Università e ONG. Fa parte della direzione del quotidiano on line “Comune” (http://comune-info.net), per il quale è anche docente di corsi di formazione al giornalismo presso istituti scolastici e presso la Scuola del Sociale della Città metropolitana di Roma Capitale.

 Hanno collaborato inoltre:

Caterina Amicucci: media-attivista, vive tra la Spagna e l’Italia, dopo aver trascorso molto tempo anche in diversi Paesi del Mediterraneo e in America Latina. Si è occupata di volontariato internazionale, istituzioni finanziarie, acqua, migranti, movimenti.

Marco Bersani: fondatore di Attac Italia, è stato tra i promotori del Forum italiano dei Movimenti per l’Acqua e fondatore di CADTM Italia. Tra le sue ultime pubblicazioni: Dacci oggi il nostro debito quotidiano – Strategie dell’impoverimento di massa (DeriveApprodi, 2017) ed Europa alla deriva. Una via d’uscita tra establishment e sovranismi (DeriveApprodi, 2019).

Roberta Ferruti: giornalista, si occupa in particolare di ecologia e di migrazioni. Coautrice di L’ecofemminismo in Italia. Le radici di una rivoluzione necessaria (con Laura Cima e Franca Marcomin, Il Poligrafo, 2016). Dal 2017 è operatrice ReCoSol, Rete dei Comuni Solidali. Collabora con il quotidiano web di comunicazione indipendente “Comune” (http://comune-info.net).

Marco Omizzolo: sociologo, direttore scientifico della cooperativa In Migrazione, presidente del Centro di ricerca Tempi Moderni e ricercatore Eurispes. È docente all’Università di Venezia Ca’ Foscari Venezia e all’Università di Pisa. La sua ricerca si concentra su mafie italiane e straniere in Italia, caporalato, agromafia ed ecomafia. Tra i suoi libri, La quinta mafia (Radici future, 2016). Collabora con Amnesty International Italia.

Daniela Patti: è un architetto italiano e britannico. Ha studiato a Roma, Londra, Porto e Vienna. Ha lavorato come ricercatrice presso l’Istituto di tecnologia dell’Europa centrale, dove è stata responsabile della gestione dei progetti di ricerca europei nella sezione Smart Cities e della rigenerazione urbana. Attualmente è amministratore delegato della ONLUS Eutropian.

Levente Polyak: è urbanista, ricercatore, difensore della comunità e consulente politico. Dopo aver studiato architettura all’Università della Tecnologia di Budapest, urbanistica all’Institut d’Urbanisme de Paris e sociologia all’ELTE Budapest e all’EHESS Parigi, è stato docente presso l’Università di Arte e Design di Moholy-Nagy, l’Università di Tecnologia di Budapest e TU di Vienna.

Carlo Francesco Ridolfi: è coordinatore nazionale della Rete di Cooperazione Educativa “C’è speranza se accade @”. Giornalista, esperto di cinema di formazione, collabora fin dall’inizio con il quotidiano di comunicazione indipendente Comune” (http://comune-info.net).

Carla Maria Ruffini: è docente presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna e formatrice in ambito pubblico. Si occupa da anni di diritti sociali e civili e di beni comuni; attualmente in particolare con Arsave-Laboratorio per la città che vogliamo, Università Invisibile e Forum dei movimenti per l’acqua. Femminista da sempre, è impegnata nel movimento Non Una Di meno. Collabora con il quotidiano di comunicazione indipendente “Comune” (http://comune-info.net).

Annarita Sacco: è sociologa e si occupa da diversi anni di consumo critico (ha avviato e gestito una bottega del commercio equo e solidale, partecipato alla nascita di diversi Gruppi di acquisto solidale, gestito una libreria specializzata sui temi sociali e ambientali; attualmente è corresponsabile di uno spazio sociale e culturale nella periferia romana) e di temi educativi (come AEC, Assistente Educativo Culturale, in diverse scuole e come formatrice sui temi dell’economia solidale). È autrice del libro Roma, acqua e sapone (Carta-Intra Moenia, 2010) dedicato agli spazi sociali e culturali di Roma.

 

LA REDAZIONE DEL MAGAZINE GLOBAL RIGHTS

editors: sergio segio – orsola casagrande
editorial team: maider varela – jm arrugaeta – bibi bozzato – azad evdike – ednan osman hesen – ersin çaksu – berna ozgencil – yado uzun – serkan demirel – giovanni giacopuzzi – vroni plainer – simona malatesta – marcia lynx qualey – petra probst – mauro guglielminotti – félix julio alfonso lópez – seamas carraher

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This