Peugeot-Citroen, rosso record da 5 miliardi

Loading

PARIGI — Un 2012 da dimenticare, uno degli anni più delicati della lunga storia industriale del gruppo Psa Peugeot-Citroen: in dodici mesi la casa automobilistica ha perso 5 miliardi di euro, in parte a causa della svalutazione degli asset. Ma al di là  della perdita contabile, le altre cifre dimostrano la profondità  della crisi: il fatturato è sceso del 5,2% a 55,4 miliardi, ma quello della sola divisione auto è crollato del 10,3%; il risultato operativo è negativo per 576 milioni a livello di gruppo e per 1,5 miliardi nel settore automobilistico. L’azienda dovrebbe riuscire a raggiungere il pareggio di bilancio solo a fine 2014, ma la Borsa sembra credere nel suo piano di risanamento, tanto che ieri il titolo è salito del 7,29%. In ogni caso, il ministro delle Finanze, Pierre Moscovici, ha ribadito che non ci sarà  nessun intervento pubblico. Una nazionalizzazione, ha detto in un’intervista, «non è assolutamente di attualità ». La garanzia data dal Tesoro alla banca del gruppo sarà  l’unico aiuto pubblico: «Abbiamo fatto quel che doveva essere fatto». E adesso spetta al management risanare la società .
Anche Philippe Varin, presidente e amministratore delegato, ha escluso una partecipazione dello Stato al capitale, un’idea che del resto la famiglia Peugeot ha sempre scartato durante le crisi del passato. Il numero uno del gruppo è convinto di poter far uscire il gruppo dalla tormenta con una duplice strategia, a breve e a medio-lungo termine. Nell’immediato, Varin intende condurre in porto la ristrutturazione annunciata in estate, sulla quale si è arrivati a un accordo di massima con i sindacati, esclusa la comunista Cgt: saranno soppressi 8 mila posti di lavoro, 3 mila lavoratori che andranno in pensione non saranno sostituiti, lo stabilimento di Aulnay-sous-Bois, a nord della capitale, verrà  chiuso. Un piano necessario, ma insufficiente per ridare prospettive a più lungo termine.
Psa, infatti, soffre di alcuni mali strutturali: è troppo dipendente dalle vendite sui mercati europei (60% del totale), i due marchi si fanno a volte concorrenza fra di loro, la competitività , come in altri settori, è minata dalle debolezze strutturali dell’industria transalpina. Gli investimenti degli anni scorsi in Cina, Brasile e Russia dovrebbero cominciare a dare i primi risultati, ma soprattutto Varin punta su una riorganizzazione commerciale e industriale. Per quanto riguarda i modelli, le due case si coordineranno: alla linea Ds della Citroen l’alto di gamma, alla Peugeot il segmento medio-alto, alla linea C della Citroen il medio, senza però scendere ai livelli delle low cost, da cui il costruttore continua a tenersi lontano. Il lancio di 17 modelli nel 2013 è stato confermato, ma soprattutto l’azienda ha in cantiere una riorganizzazione industriale: entro il 2018, tutti i modelli del gruppo saranno assemblati su due sole piattaforme, di cui una concepita insieme alla Opel (General Motors controlla il 7% di Psa). Infine, la casa di Sochaux cercherà  di fabbricare modelli da commercializzare su tutti i mercati (in Europa come nei paesi emergenti) per ammortizzare meglio gli investimenti.


Related Articles

Studenti ancora in piazza contro il «lavoro gratuito». Poi si replica il 24 novembre

Loading

Proteste contro l’alternanza scuola-lavoro in tutta Italia nella giornata internazionale dello studente. A Milano azioni contro i «campioni dell’alternanza» Zara e McDonald’s

Il Ceta rimandato a settembre

Loading

Per il momento stoppata la corsa del Ceta, l’accordo di liberalizzazione commerciale tra Europa e Canada, verso la ratifica al Senato

Con moglie e due figli, colpito dalla crisi “Vi racconto come abbiamo perso la casa”

Loading

 Lui non è pagato da otto mesi e fa lavoretti in nero, lei prende 150 euro al mese. “Non ce l’abbiamo fatta a pagare il mutuo e il nuovo padrone ci ha affittato la nostra abitazione” Una ex famiglia media nella cintura di Torino che passa dagli aiuti dei genitori a quelli della Caritas “E sono stato anche costretto ad aprire una partiva Iva”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment