INTERNAZIONALE

Back to homepage

Myanmar. Il golpista Min Aung Hlaing si proclama premier, stato di emergenza sino al 2023

Il neo premier di un governo isolato internamente e sul piano internazionale ha anche reiterato la promessa di tenere elezioni nell’arco di quello stesso anno, senza fare una data. Allarme Covid anche a causa degli sfollati interni: oltre quota 200mila

Read More

Golfo. Due vittime nella battaglia navale tra Iran e Israele

Uccisi da un drone iraniano due membri dell’equipaggio di una petroliera israeliana, un britannico e un rumeno. Prosegue così lo scontro a distanza tra i due paesi, mentre Teheran si prepara al passaggio di poteri tra il moderato Rohani e il conservatore Raisi

Read More

Etiopia. La guerra si amplia dal Tigray all’Afar, gli aiuti umanitari in ostaggio

Etiopia. Il fuoco incrociato tra ribelli tigrini e militari regionali avrebbe ucciso almeno 20 civili e costretto 54mila persone ad abbandonare le proprie case. Quattro milioni senza cibo. Addis Abeba accusa: alcune agenzie umanitarie portano armi ai ribelli

Read More

Siria. Lo scudo protettivo del Rojava è il suo popolo

Viaggio nel modello dell’autodifesa popolare, cardine del confederalismo democratico della Siria del Nord-est. Formazione politica prima che militare, unità multietniche e due linee del fronte: l’Isis e la Turchia. Mentre il mondo resta a guardare

Read More

Intervista al giurista Yadh Ben Achour: «A Tunisi l’ultimo atto del colpo di stato»

Intervista al giurista e padre costituente Yadh Ben Achour: «Il presidente Saied viola la Costituzione da mesi. La società civile è la vera resistenza. Le istituzioni sono gusci vuoti e il partito islamista si comporta da predatore. Questo spiega il giubilo popolare che si è scatenato quando è stato dichiarato lo stato di emergenza»

Read More

Perù, oggi il maestro Pedro Castillo diviene presidente

Il leader di Perú Libre inaugura oggi il suo mandato quinquennale, tra speranze e timori. La sfida più difficile è la convocazione dell’Assemblea costituente, ma prima c’è da affrontare la crisi sanitaria e la povertà dilagante

Read More

Tunisia. Il presidente Saied prende tutti i poteri, governo e parlamento sospesi

Nord Africa. Dopo le ingenti manifestazioni di domenica, il presidente Saied dichiara l’emergenza e si arroga i poteri dello Stato. Nella “giornata della rabbia” in diverse città prese d’assalto le sedi dell’islamista Ennahda che parla di colpo di stato

Read More

El Salvador, l’ex presidente-guerrigliero Ceren colpito da mandato di cattura

La vendetta di Bukele, sempre più uomo solo al comando. Il rispettatissimo “comandante Lionel” accusato di corruzione. Ma il suo successore si è impadronito anche della magistratura

Read More

Cyperspionaggio. La Nso sotto accusa il Bds, Israele ora teme l’effetto boomerang

Cyperspionaggio. Spyware Pegasus, la Francia apre un’inchiesta. Londra: «Ci eravamo già lamentati». La società si difende parlando di hackeraggio. Gli esperti: «La cyber diplomacy di Tel Aviv sta causando più danni che benefici»

Read More

Amnesty offre uno scudo contro lo spyware Pegasus, mentre Israele corre ai ripari

Cyberspionaggio. Tel Aviv crea un team speciale per gestire le accuse di complicità con la società Nso e le intelligence straniere che ne hanno usato il software. Intanto l’associazione per i diritti umani offre gratuitamente uno strumento per verificare se il proprio telefono è stato attaccato

Read More

Intervista a Philip Di Salvo: «Mercato degli spyware immenso e molto poco regolamentato»

Il caso Pegasus. Intervista a Philip Di Salvo. Trovo sia significativo, per inquadrare il livello di segretezza e non trasparenza del settore, che queste inchieste siano possibili per lo più grazie a leak di varia natura

Read More

Pegasus, cyberspionaggio globale contro dissenso e giornalisti

Pegasus Project. Forbidden Stories e 80 giornalisti, con l’assistenza tecnica di Amnesty International, hanno dato vita al Pegasus Project per denunciare quanto lo spyware israeliano sia un’arma a disposizione di governi che vogliono stroncare il dissenso e ridurre al silenzio la stampa

Read More

Giordania. In carcere due accusati di «golpe» anti re Abdallah

Giordania. Carcere per due delle 18 persone arrestate lo scorso aprile per un colpo di stato che molti giudicano solo un intrigo di palazzo

Read More

Proteste sociali a Cuba, un morto, arresti e guerra di informazioni

America Latina. Un uomo di 36 anni è morto lunedì durante una manifestazione nel quartiere periferico di Arroyo Naranjo, uno dei più poveri e turbolenti dell’Avana. La storica Ivette García González: «Proteste prevedibili, ma le cause sono profonde»

Read More

Francia. Guerra nel Sahel, Macron punta sul Niger con la missione Takuba

Macron lascia parzialmente le basi in Mali per lanciare da Niamey con l’Italia al fianco la nuova missione Takuba. La battaglia continua nella zona dei «tre confini», l’esercito nigerino annuncia l’uccisione di 40 miliziani

Read More

I beduini del Neghev, il Piano Prawer e la gentrificazione del deserto

Israele. Circa 200mila beduini che vivono nel deserto del Neghev si battono per il riconoscimento dei loro villaggi e contro i piani governativi di spostarli nelle township

Read More

Dopo l’omicidio del presidente, Haiti chiede l’aiuto USA

Caos politico. Tre litiganti per il potere privi di legittimità e molti interrogativi sull’omicidio del presidente Moïse. Washington per ora si limita a inviare servizi d’intelligence, vaccini e soldi

Read More

Sudafrica, l’ex presidente Zuma si consegna: «Sarà trattato come gli altri prigionieri»

Mai visto in Sudafrica. L’ex presidente rinuncia al muro contro muro. Ora dovrebbe scontare 15 mesi di reclusione per essersi rifiutato di presentarsi davanti ai giudici che indagano su di lui

Read More

Haiti non piange Moïse: «La violenza si ritorce contro chi la genera»

Dopo l’assassinio-choc del presidente, è il caos. Stato d’emergenza e due presunti primi ministri in campo che rivendicano il potere. Uccisi quattro «mercenari» del commando omicida. Gli Usa pronti a «operare»

Read More

Haiti, assassinato il presidente Moïse, riesplode una crisi endemica

Il presidente, oggetto da mesi di forti proteste popolari, ucciso in casa da un commando. La sua elezione nel 2017 era stato l’ultimo capitolo di una lunga storia di ingerenze statunitensi

Read More