Archivio dei Rapporti sui Diritti Globali

L’archivio on line del materiale dei Rapporti sui Diritti Globali.

20° RAPPORTO SUI DIRITTI GLOBALI

 
Copertina 2022

20° Rapporto sui Diritti Globali

Stato dell’impunità nel mondo 2022
Senza pace, senza giustizia

PREFAZIONI Pier Antonio Panzeri e Luca Visentini
INTRODUZIONE Sergio Segio

A cura di Associazione Società INformazione Onlus

promosso da Association Against Impunity and for Transitional Justice

Con la partecipazione di CES-ETUC (Confederazione Europea dei Sindacati-European Trade Union Confederation)

TESTI Kristen Anna, Maria Arena, José Miguel Arrugaeta, Orsola Casagrande, Roberto Ciccarelli, Silvia Contrafatto, Giovanna Cracco, Javier El-Hage, Chantal Meloni, Manfred Nowak, Alessandro Rettori, Susanna Ronconi, Sergio Segio, Gianni Tognoni, Alberto Zoratti

Milieu Edizioni

Il Rapporto sui diritti globali è una pubblicazione annuale sui processi connessi alla globalizzazione e alle sue ricadute, sotto i vari profili economici, sociali, geopolitici e
ambientali. È ideato e realizzato dalla Associazione Società INformazione Onlus, con la partecipazione della Confederazione Europea dei Sindacati e con l’adesione di molte associazioni impegnate a vario titolo sui grandi temi trattati nel Rapporto.
Dal 2020 il Rapporto è pubblicato anche in lingua inglese e si focalizza sui diritti umani e sulla lotta contro l’impunità, a partire dalla collaborazione con Fight Impunity (Association Against Impunity and for Transitional Justice), che  promuove il volume.
La fotografia che esce dalla edizione 2022, la ventesima dalla nascita del Rapporto e del progetto sui diritti globali, è quella di un mondo che sta cambiando rapidamente e drammaticamente, nella quotidiana escalation della guerra in Ucraina. Un conflitto – la cui prima responsabilità è della Federazione Russa e dell’aggressione territoriale portata avanti – che non si è saputo e voluto prevenire, frenare, mediare e fermare da parte occidentale, degli Stati Uniti e dell’Unione Europea in particolare, accettando la pericolosa strategia di allargamento della NATO sino ai confini russi e talvolta favorendone la drammatizzazione e i concreti rischi di ulteriore degenerazione.
Come ogni guerra, comprese le tante altre in atto però nascoste e dimenticate, quella in Ucraina ha visto crimini e violazioni dei diritti umani sui territori direttamente colpiti, ma, al contempo, ha contribuito a nasconderli e “normalizzarli” in tante altre parti del mondo, così come a indurre ovunque processi di ulteriore vulnerazione dello stato della democrazia e del diritto.

Crisi economica, crisi sociale, crisi pandemica/sindemica e crisi climatica, già intrecciate e interdipendenti, sono ora aggravate dalla crisi negli equilibri geopolitici e nell’ordine globale e dal precipitare di una guerra in Europa da cui si alimentano, moltiplicano e diffondono nuovi squilibri: crisi dell’energia, crisi delle catene di approvvigionamento globale, crisi del cibo, crisi dell’inflazione, rischi di  recessione e di crisi del debito, così come rinnovate ed estese lesioni ai sistemi democratici, allo Stato di diritto e ai diritti umani.

La crisi di sistema si evidenzia così come un sistema della crisi.

Materiali scaricabili

L’EDIZIONE INTERNAZIONALE DEL RAPPORTO ANNUALE

 

In allestimento