I prigionieri politici baschi continuano a morire

I prigionieri politici baschi continuano a morire

Ancora un caso, l’ennesimo, di morte ingiusta e prematura di un giovane prigioniero politico basco. Almeno ufficialmente, un suicidio. Quanto meno indotto dalla brutalità del sistema carcerario spagnolo. La notizia era apparsa su GARA del 7 marzo, suscitando non poca commozione tra gli abitanti di Euskal Herria. Scarso o nullo invece il rilievo su altri organi di informazione della penisola iberica.

Xabier Rey era stato ritrovato cadavere nella sua cella del carcere Puerto III, situato a El Puerto de Santamaria (Cadice). Una prigione a oltre mille chilometri da Pamplona, la città del giovane abertzale. Da due anni il militante di ETA si trovava in regime di isolamento e in precedenza aveva denunciato di essere stato sottoposto a tortura.

Dopo la dichiarazione definitiva di ETA sull’abbandono della lotta armata, (e mentre l’organizzazione indipendentista sta portando a compimento il dibattito interno sulla sua prossima, definitiva, autodissoluzione) la situazione del Paese Basco sembra essere precipitata in un limbo mediatico. Sicuramente Euskal Herria attualmente gode di minor visibilità rispetto alle tragicomiche (sia detto affettuosamente) vicende dell’indipendentismo  catalano.

La questione dei prigionieri politici, già fondamentale in altri processi di pacificazione (Irlanda, Sud Africa…) rimane il maggior ostacolo alla prosecuzione del Processo di Pace, un processo avviato dalla società basca, ma osteggiato apertamente dall’indifferenza spagnola. Al solito, di fronte alle istanze di autodeterminazione, Madrid sceglie la scorciatoia repressiva, sicuramente più congeniale per i degni eredi del franchismo.

E quindi perché stupirsi se sulla morte di Xabier Rey è calato un impietoso silenzio?

Non così per il popolo basco, naturalmente. In migliaia hanno dato l’estremo saluto al compagno scomparso. Con il suono della txalaparta e l’Eusko gudariak.



Related Articles

Presentato a Milano Global Rights

E’ stato presentato il 29 marzo a Milano, nell’ambito di Book Pride, il nuovo progetto Global Rights, che va ad ampliare e ad affiancarsi al Rapporto sui Diritti Globali, pubblicazione annuale che ha 12 anni di vita

Dalla Corsica alla Baviera l’Europa si spacca nelle piccole patrie

Dopo la vittoria alle regionali in Catalogna dei partiti indipendentisti riprendono forza i movimenti autonomisti o separatisti. Mettendo in imbarazzo la Ue

Francia: la progresión del coronavirus

La respuesta de cada Estado a la pandemia del coronavirus COVID19, declarada como tal por la OMS tan solo el pasado 11 de marzo, ha sido muy variada, observando con temor lo que ocurrió en China y en Italia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment