Gaza. Nel centro di detenzione israeliano di Sde Teiman stupri, sevizie e silenzio

Gaza. Nel centro di detenzione israeliano di Sde Teiman stupri, sevizie e silenzio

Loading

Un articolo della testata +972 che riporta la testimonianza dell’avvocato Khaled Mahajneh: era stato contattato da una rete tv per cercare un giornalista detenuto nel «campo della morte»

 

«La situazione lì è più orribile di qualsiasi cosa abbiamo sentito su Abu Ghraib e Guantanamo». È così che Khaled Mahajneh descrive il centro di detenzione di Sde Teiman in qualità di primo avvocato a visitare la struttura. Più di 4.000 palestinesi arrestati da Israele a Gaza sono stati detenuti presso la base militare nel Naqab/Negev dal 7 ottobre; alcuni di loro sono stati successivamente rilasciati, ma la maggior parte rimane in detenzione.

MAHAJNEH, cittadino palestinese di Israele, è stato inizialmente contattato da Al Araby tv, che cercava informazioni su Muhammad Arab, un giornalista della rete arrestato a marzo mentre copriva l’assedio israeliano dell’ospedale Al-Shifa a Gaza City. «Ho contattato il centro di controllo dell’esercito israeliano e, dopo aver fornito loro una foto e una carta d’identità del detenuto, oltre al mio documento ufficiale di procura, mi è stato comunicato che era detenuto a Sde Teiman e che poteva essere visitato». Quando Mahajneh è arrivato alla base il 19 giugno, gli è stato richiesto di lasciare l’auto lontano dal sito, dove una jeep dell’esercito era in attesa per trasportarlo all’interno. «Una cosa del genere non mi era mai capitata in nessuna visita che avevo fatto in precedenza a una prigione», dice a +972. Hanno guidato per circa 10 minuti attraverso la struttura, una vasta rete di roulotte, prima di arrivare a un grande magazzino, che conteneva una roulotte sorvegliata da soldati mascherati. «Hanno ripetuto che la visita sarebbe stata limitata a 45 minuti, e qualsiasi azione che potesse danneggiare la sicurezza dello stato, del campo o dei soldati avrebbe portato alla sua immediata cessazione. Ancora non capisco cosa intendessero», afferma Mahajneh.

I soldati hanno trascinato fuori il giornalista detenuto con le braccia e le gambe legate, mentre Mahajneh rimaneva dietro una barriera. Dopo che i soldati gli hanno rimosso la benda, Arab si è sfregato gli occhi per cinque minuti, non più abituato alla luce intensa. «Dove sono?» è stata la prima domanda che ha fatto a Mahajneh.

LA MAGGIOR parte dei palestinesi a Sde Teiman non sa nemmeno dove si trova; con almeno 35 detenuti morti in circostanze sconosciute dall’inizio della guerra, molti lo chiamano semplicemente «il campo della morte». «Ho visitato detenuti politici e di sicurezza e prigionieri nelle carceri israeliane per anni, anche dopo il 7 ottobre», osserva Mahajneh. «So che le condizioni di detenzione sono diventate molto più dure e che i prigionieri vengono maltrattati quotidianamente. Ma Sde Teiman è diversa da qualsiasi cosa abbia mai visto o sentito prima».
Mahajneh racconta che Arab era quasi irriconoscibile dopo 100 giorni nella struttura di detenzione; il suo viso, i capelli e il colore della pelle erano cambiati, ed era coperto di sporco e di escrementi di piccioni. Il giornalista non riceveva nuovi vestiti da quasi due mesi, e gli era stato permesso di cambiare i pantaloni per la prima volta quel giorno a causa della visita dell’avvocato.
A detta di Arab, i detenuti vengono continuamente bendati e legati con le mani dietro la schiena, costretti a dormire rannicchiati sul pavimento. Le loro manette di ferro vengono rimosse solo durante una doccia settimanale di un minuto. «Ma i prigionieri hanno iniziato a rifiutare di fare la doccia perché non hanno orologi, e superare il minuto assegnato li espone a punizioni severe, fra cui venire lasciati all’esterno per ore sotto il sole o la pioggia», dice Mahajneh.

LE CONDIZIONI di salute di tutti i detenuti, nota l’avvocato, si sono deteriorate a causa della scarsità della loro dieta quotidiana: una piccola quantità di labaneh e un pezzo di cetriolo o pomodoro. Soffrono anche di grave stitichezza, e per ogni 100 prigionieri viene fornito solo un rotolo di carta igienica al giorno». Ai detenuti è proibito parlare tra loro, anche se più di 100 persone vengono tenute in un magazzino, alcuni di loro anziani e minori, dichiara Mahajneh. «Non è permesso loro pregare o persino leggere il Corano».
ARAB ha anche testimoniato al suo avvocato che le guardie israeliane hanno violentato sei prigionieri con un bastone davanti agli altri detenuti per aver violato degli ordini. «Quando ha parlato di stupri, gli ho chiesto, ’Muhammad, sei un giornalista, sei sicuro di questo?’» ricorda l’avvocato. «Ha risposto che l’ha visto con i suoi occhi e che ciò che mi stava raccontando era solo una piccola parte di ciò che sta accadendo lì».

Diversi media, tra cui Cnn e New York Times, hanno riportato casi di stupro e violenza sessuale a Sde Teiman. In un video circolato sui social, un prigioniero palestinese recentemente rilasciato dal campo di detenzione ha detto di aver assistito personalmente a molteplici stupri e a casi in cui i soldati israeliani hanno fatto in modo che i cani violentassero i prigionieri. Solo nell’ultimo mese, secondo Arab, diversi prigionieri sono stati uccisi durante interrogatori violenti. Altri detenuti feriti a Gaza sono stati costretti all’amputazione di arti o alla rimozione di proiettili dai loro corpi senza anestesia, e sono stati curati da studenti di infermieristica.
Le squadre di difesa legale e le organizzazioni per i diritti umani sono state in gran parte incapaci di contrastare queste gravi violazioni dei diritti dei prigionieri a Sde Teiman, e alla maggior parte di loro è persino vietato visitare la struttura, per evitare un maggiore controllo. «Dopo dure critiche, l’ufficio del Procuratore dello Stato ha detto che il centro di detenzione sarebbe stato chiuso, ma non è successo nulla», dice Mahajneh. «Anche i tribunali sono pieni di odio e razzismo contro il popolo di Gaza».

LA MAGGIOR PARTE dei prigionieri, nota l’avvocato, non è formalmente accusata di appartenere a nessuna organizzazione o di aver preso parte a attività militari; lo stesso Arab non sa ancora perché è stato detenuto o quando potrebbe essere rilasciato. Da quando è arrivato a Sde Teiman, i soldati delle unità speciali dell’esercito israeliano lo hanno interrogato due volte. Dopo il primo interrogatorio, gli è stato comunicato che la sua detenzione era stata prolungata a tempo indeterminato, sulla base del «sospetto di affiliazione a un’organizzazione la cui identità non gli è stata rivelata».

Negli ultimi mesi, diversi media internazionali hanno pubblicato testimonianze di prigionieri rilasciati e di medici che hanno lavorato a Sde Teiman. Per il medico israeliano Yoel Donchin, che ha parlato con il New York Times, non era chiaro perché i soldati israeliani tenessero in stato di prigionia molte delle persone che ha curato, ed era «molto improbabile» che alcune di loro «fossero combattenti» a causa di malattie fisiche preesistenti o disabilità. Il Times ha anche riportato che i medici della struttura erano stati istruiti di non scrivere i loro nomi sui documenti ufficiali, e di non rivolgersi l’un l’altro per nome in presenza dei pazienti, per paura di essere successivamente identificati e accusati di crimini di guerra presso la Corte penale internazionale.

«Li hanno spogliati di tutto ciò che assomiglia all’umanità» ha detto alla Cnn un testimone che ha lavorato come medico presso l’ospedale improvvisato della struttura. «Le percosse non erano inflitte per raccogliere informazioni, ma per vendetta», ha detto un altro testimone. «Era una punizione per ciò che avevano fatto il 7 ottobre e per il comportamento nel campo».
La visita a Sde Teiman ha suscitato in Mahajneh profonda frustrazione e rabbia, ma soprattutto orrore. «Faccio questo lavoro da 15 anni. Non mi sarei mai aspettato di sentire parlare di stupri o umiliazioni di questo tipo. E tutto questo non per interrogarli, dato che la maggior parte dei prigionieri viene interrogata solo dopo molti giorni di detenzione, ma come atto di vendetta. Vendicarsi di chi? Sono tutti cittadini, giovani, adulti e bambini. Non ci sono membri di Hamas a Sde Teiman perché sono nelle mani dello Shabas (Servizio carcerario israeliano)».

Nella sua risposta alle domande per questo articolo, l’esercito israeliano ha dichiarato: «L’Idf respinge le accuse di maltrattamenti sistematici dei detenuti, comprese violenze o torture. Se necessario, vengono aperte indagini della polizia militare quando vi è il sospetto di comportamenti anomali che lo giustificano». L’esercito ha negato i racconti di Arab e Mahajneh e ha insistito che ai detenuti vengono forniti abiti e coperte sufficienti, cibo e acqua («tre pasti al giorno»), accesso a toilette e docce («tra 7 e 10 minuti») e altre comodità. L’esercito ha anche aggiunto: «Dall’inizio della guerra, ci sono stati decessi di detenuti, inclusi detenuti che sono arrivati feriti dal campo di battaglia o in condizioni mediche problematiche. Ogni morte viene indagata dalla polizia militare. Al termine delle indagini, i risultati vengono inoltrati all’ufficio dell’Avvocato generale militare ».

Mahajneh ha trasmesso un messaggio chiaro da Sde Teiman: «Muhammad Arab e gli altri prigionieri nel centro fanno appello alla comunità e i tribunali internazionali perché agiscano per salvarli. È inconcepibile che tutto il mondo parli degli ostaggi israeliani, e nessuno parli dei prigionieri palestinesi». Mahajneh non sa cosa sia successo al giornalista dopo la sua breve visita di 45 minuti. «L’hanno attaccato? L’hanno ucciso? Ci penso continuamente».

L’articolo originale al link https://www.972mag.com/sde-teiman-prisoners-lawyer-mahajneh/

* Fonte/autore: Baker Zoubi, il manifesto



Related Articles

Un marocchino in Italia guadagna quanto 5,5 lavoratori in patria

Loading

Ricerca della Fondazione Moressa: la differenza con lavoratori italiani è di circa 300 euro mensili. Le donne immigrate prendono meno di 800 euro. “La necessità  del permesso di soggiorno può portare all’accettazione di condizioni marginali”

Via ai flussi 2007. Saranno ammessi 80 mila lavoratori stagionali

Loading

Il decreto del presidente del Consiglio dei ministri sarà pubblicato il 12 marzo in Gazzetta ufficiale. Prevede anche l’ammissione di

Don Colmegna: abbiamo cercato il dialogo, ma il clima è peggiorato

Loading

“Stufi di tensioni e insulti ma la nostra non è una fuga” (la Repubblica, 11 febbraio 2007, ed. Milano, Pagina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment