Chà¡vez e il tumore «Vivrò e vincerò»

Loading

Ha parlato per telefono con il vicepresidente Elais Jaua e con la tv statale assicurando tutti: «sto bene e sto recuperando velocemente». Secondo l’agenzia cubana Prensa latina, il presidente venezuelano segue da vicino la situazione del paese e lavora dalla stanza d’ospedale, dove lo accompagnano «i suoi famigliari». Il ministro Jorge Arreaza, che lo ha seguito a Cuba, ha fatto sapere che Chà¡vez ha anche visto in tv la partita di calcio Venezuela-Spagna, rammaricandosi per i 5 gol (a zero) incassati dalla «Vinotinto».
Chà¡vez e il governo venezuelano stanno facendo di tutto per tranquillizzare un’opinione pubblica scossa rispetto all’operazione e al decorso post-operatorio, e anche per contrastare i maliziosi e infausti rumours diffusi «dall’ultra-destra»: un medico venezuelano emigrato negli Usa («anticomunista», aggiunge su Twitter) assicura, senza specificare le sue fonti, che qualsiasi intervento per Chà¡vez ormai «è inutile e la malattia completamente diffusa»; i blog di un giornalista brasiliano di o Globo e di uno venezuelano di El Universal, anti-chavisti, grazie a «indiscrezioni» assicurano che Chà¡vez ha «un’emorragia interna» e che «la situazione è più grave» di quel che si dice. Rumours o desideri?
LA MISERIA DEL PD – «Una mostra a Roma sul dittatore Chà¡vez in collaborazione con il Comune?». Lo chiede indignato deputato Pd, Giulio Santagata annunciando un’interrogazione al ministro degli esteri. Vuole sapere «se si ritenga opportuno celebrare un dittatore condannato da tutte le ong che si occupano di diritti civili, con una mostra ospitata a Roma, città  da sempre simbolo di democrazia». E bravi il compagno Santagata e il Pd…


Related Articles

Snowden alla Ue: «Gli Stati uniti vi hanno trasformato in un bazar»

Loading

Datagate. L’ex agente risponde alle domande del parlamento di Bruxelles

Tomà¡s Borge, contraddittorio e imprescindibile

Loading

Tomà¡s Borge Martà­nez, morto lunedì scorso in un ospedale militare di Managua dopo un’operazione ai polmoni dell’inizio di aprile, è una della figure imprescindibili, nel bene e nel male, della cruenta e gloriosa lotta di liberazione contro la dinastia dei Somoza prima, poi del decennio di potere sandinista fra il 1980 e il 1990.

Gli «uomini rossi» della foresta e le frecce spezzate dai narcos

Loading

Allarme in Brasile: spariti gli ultimi indios isolati dalla civiltà 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment