Slitta il nuovo piano Fiat ora diventa un po’ più americana

Loading

ROMA — Il progetto Fabbrica Italia è morto ma non ce ne sarà  un altro. Almeno non per ora. Il cda convocato per il 30 ottobre esaminerà  i conti del 2012 ma non indicherà  il futuro produttivo dei cinque stabilimenti italiani. Tutto fermo fino al 2014. Il governo, intanto, è al lavoro sugli incentivi all’export.
Navigare a vista. Questo è ritornato ad essere il motto della Fiat dopo il vertice di sabato a Palazzo Chigi. Tradotto vuol dire: nessuna sostituzione del defunto progetto “Fabbrica Italia” da 20 miliardi di investimenti. Insomma il Consiglio di amministrazione del gruppo convocato per il prossimo 30 ottobre esaminerà  i conti del terzo trimestre del 2012 ma non dirà  quale potrà  essere il futuro produttivo dei cinque stabilimenti italiani. Tutto fermo fino almeno al 2014 quando il mercato — secondo l’amministratore delegato di Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne — potrebbe dare segnali di ripresa.
D’altra parte nessuno crede a un cambio di prospettiva. «Non è cambiato nulla», ha commentato il leader della Cgil, Susanna Camusso. «Il caso resta aperto», ha detto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. E dubbi sono arrivati da Angelino Alfano (Pdl) e da Pier Ferdinando Casini (Udc). Freddo Luigi Angeletti (Uil). Unica eccezione Raffaele Bonanni (Cisl): «I gufi sono stati smentiti ».
Da oggi i tecnici del ministero dello Sviluppo apriranno il dossier incentivi all’export. Perché Marchionne ha detto che non chiuderà  le fabbriche ma le userà  per produrre per il mercato americano dove solo la Chrysler ad agosto ha segnato un + 14 per cento rispetto ad un anno prima. Dalle piattaforme italiane usciranno auto per gli americani: la Fiat chiede una riduzione dei costi di produzione per compensare i dazi doganali che dovrà  sostenere Oltreoceano. Non è ancora chiaro quali saranno le carte che potranno essere giocate e che siano anche compatibili sia con le regole europee sia con quelle del Wto (l’organizzazione mondiale del commercio). Il Lingotto ha ipotizzato, tra l’altro, una riduzione del cuneo fiscale magari facendo leva su un taglio dell’Irap per i prodotti destinati all’export. Si studiano anche facilitazioni sul credito. Va da sé che non potrà  essere un pacchetto tagliato su misura per la Fiat. E serviranno risorse. Anche per sostenere l’eventuale patto per la produttività  tra sindacati e Confindustria di cui potrebbe beneficiare la stessa Fiat, con gli sgravi sulla retribuzione collegata ai risultati aziendali così come sugli straordinari. Per mantenere gli impianti fermi (le agevolazioni per l’export sono ancora tutte da scrivere) ci sarà  bisogno ancora di tanta cassa integrazione. Il sostegno al reddito dei lavoratori, non può che essere il corollario del patto di collaborazione tra il governo di Monti e il manager del Lingotto. Ha detto Pier Luigi Bersani, segretario del Pd. «Nonostante gli sforzi del governo, mi pare che il problema Fiat rimanga tutto aperto. Al tavolo c’era un convitato di pietra e cioè una nuova stagione di ammortizzatori sociali costosi per i lavoratori e per lo Stato, senza una prospettiva sicura».


Related Articles

“Cig, 3,3 miliardi di ore dall’inizio della crisi”

Loading

Cgil: colpito mezzo milione di lavoratori con una perdita di salario di 22mila euro a testa.  Da ottobre 2008 la maggior parte degli interventi fatti con cassa straordinaria e quella in deroga 

Legge di bilancio: emendamenti col contagocce, Sì all’Ape social

Loading

Manovra. Ritardati al weekend i voti sui contratti e i licenziamenti, approvata l’estensione dell’anticipo pensionistico per il 2018

l’Industria, i Servizi e il Gap con i Tedeschi

Loading

A segnare la differenza tra noi e la Germania non è la qualità  delle imprese ma il gap di competitività  che affligge i servizi. È uscito finalmente su «Economia italiana», la rivista edita dall’Unicredit, l’atteso saggio di Innocenzo Cipolletta e Sergio De Nardis sulla riorganizzazione dell’industria negli anni della moneta unica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment