La Cina impone il segreto di Stato sull’inquinamento

Loading

PECHINO — In Cina anche l’inquinamento del sottosuolo diventa «segreto di Stato». Che la terra e le falde siano avvelenate da decenni di sfruttamento industriale è fuori discussione. Fino a che punto però per il governo deve restare un mistero. Il ministero dell’Ambiente si è rifiutato così di rendere pubblici i risultati di uno studio quinquennale che ha testato 200mila campioni di terreno, di acque sotterranee e di prodotti agricoli, fornendo milioni di dati sullo stato drammatico in cui versa l’ambiente nella seconda economia del mondo. Il segreto, secondo Pechino, è «necessario a causa della sensibilità  politica della ricerca ». Avvocati, ecologisti e scienziati denunciano invece «l’alto rischio dell’atteggiamento delle autorità », che accusano di aver tradito le promesse perché la situazione «è ben peggiore di quella ipotizzata». «La decisione — ha detto l’avvocato Dong Zhengwei — pone a rischio la salute di milioni di persone».
I veleni che in Cina impregnano intere regioni non sono visibili dagli abitanti. Accade così che i contadini coltivino campagne tossiche, che acque avvelenate vengano usate per l’irrigazione, o considerate potabili. «Nascondere la mappa delle aree a rischio — ha detto il direttore dell’Istituto per gli affari ambientali — espone la gente a conseguenze tragiche, come il boom delle patologie cancerogene». Gli «interessi collettivi» sarebbero dunque prevalenti sul «segreto di Stato» e a far aumentare l’allarme è il diverso atteggiamento del governo in occasione dei picchi di smog registrati nella capitale e nelle maggiori metropoli del Paese. Dopo anni di censura, la nuova leadership ha consentito anche ai media di Stato di denunciare come traffico, riscaldamenti a carbone ed emissioni industriali abbiamo fatto schizzare le polveri sottili a livelli «inadatti alla vita umana». Una scelta in realtà  obbligata, considerato che i rilevatori dell’ambasciata Usa e gli apparecchi di organizzazioni indipendenti certificavano da tempo come in Cina la qualità  dell’aria abbia superato la soglia della respirabilità .
Il dubbio che opprime ora i cinesi è che il segreto sia calato sull’inquinamento del suolo perché il suo livello è ancora peggiore di quello dell’aria. Le ultime ricerche disponibili, del 2006, dimostrano che oltre il 10% dei terreni cinesi erano inquinati e che 12 milioni di tonnellate di cereali erano state contaminate da sostanze tossiche. Gli scienziati calcolano che nel frattempo i numeri siano quintuplicati e pongano la Cina al vertice delle potenze economiche più inquinate. La sostenibilità  della crescita diventa così uno dei problemi cruciali per la nuova leadership. L’arricchita popolazione urbanizzata non accetta più di morire avvelenata per alimentare la crescita di export e Pil. Sul fronte della corruzione, altra piaga del partito, il prossimo presidente Xi Jinping ha promesso il pugno di ferro. La lotta contro l’inquinamento si rivela più difficile e costosa, ma trasformare i veleni in un segreto si profila come una soluzione destinata al fallimento. Nascondere la verità  non pulisce la terra e tantomeno rende i cinesi più tranquilli.


Related Articles

La rivoluzione del «bene in comune»

Loading

La straordinaria vittoria di Luigi de Magistris a Napoli ha radici profonde. Non ha nulla, così come vuol far credere qualcuno, di improvvisato, non è una mera espressione di rabbia, protesta e antipolitica, ma piuttosto si basa sulla valorizzazione del lavoro svolto da anni da comitati, associazioni, movimenti, in particolare per quanto riguarda la battaglia per la difesa dei beni comuni e della giustizia sociale.

La beffa del Ponte che non c’è così appalti e assunzioni hanno già  bruciato 400 milioni

Loading

La decisione di Bruxelles non la fermato le spese folli quasi 500mila euro stanziati per la formazione di personale.  È stato pagato uno studio sull’impatto emotivo dell’opera ma c’è anche una ricerca sugli uccelli migratori della zona.  Le procedure di acquisto dei terreni procedono spedite ma su quelle aree probabilmente non sarà  costruito nulla  Inchiesta italiana.  Business nello Stretto anche dopo lo stop dell’Ue.   Per 42 anni è stato sperperato denaro della collettività . Ma chi ha favorito e chi ancora favorisce questo scialo infinito? Quanto abbiamo speso per le ricerche sulle evoluzioni di falchi e poiane nel cielo fra Reggio e Messina? Se ci sta costando così tanto e ancora non c’è, quanto ci costerà  se davvero dovessimo vedere unite Calabria e Sicilia? 

Terremoto, il Nord trema ancora 15 secondi di paura: tutti in strada si bloccano i treni ad alta velocità 

Loading

Epicentro in Emilia, magnitudo 5,4. Danni a chiese e monumenti   Niente scuole oggi nei comuni più colpiti: Lucca, Massa, Carrara e Parma 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment