“Liberalizziamo la cannabis” E in Lombardia la Lega si spacca

Loading

MILANO — La Lega si spacca sulla liberalizzazione della cannabis. A fare il primo passo ieri è stato il maroniano Gianni Fava, assessore regionale all’Agricoltura del Carroccio. «Credo che valga la pena cominciare a parlarne seriamente — ha cinguettato su Twitter — Il proibizionismo ha fallito». A sorpresa, la sua frase è stata subito ritwittata dall’ex segretario federale leghista e governatore Roberto Maroni. Passa una manciata di minuti è arriva, però, la doccia fredda del nuovo segretario federale del Carroccio Matteo Salvini: «La liberalizzazione della cannabis non è una nostra priorità — precisa — Semmai dovessimo impegnarci per una battaglia contro l’ipocrisia, scegliamo la prostituzione. Entro quest’anno proporremo un referendum per far diventare la prostituzione un mestiere regolamentato. Sulla cannabis ognuno può pensarla come vuole, ma per il momento non vedo spazi di discussione».
A questo punto arriva anche il retromarcia di Maroni, che precisa: «Un mio collaboratore ha per errore ritwittato Fava sull’antiproibizionismo. Giusto discutere di tutto, ma non condivido questa apertura». Fava, però, insiste. All’Huffington post chiarisce il suo pensiero. «La mia è una posizione personale che non coinvolge il partito. Sono sempre stato contrario al proibizionismo. In gioventù votavo per la Lega antiproibizionista. Se sto dentro la Lega è perché mi sento un uomo del Nord, non posso dire di condividere tutta la linea del mio partito. È anche normale che sia così». Aggiunge: «Trovare marijuana è facilissimo per tutti, ovunque…Vietarla dunque non serve a niente se non a riempire le carceri e le tasche dei trafficanti. La cannabis fa male? Questo argomento lo lascerei ai medici. Anche alcol e tabacco fanno male, ma nessuno pensa di proibirli». Non è la prima volta che qualcuno nella Lega apre alla liberalizzazione nonostante il Carroccio abbia contribuito nel 2006 all’approvazione della legge Fini-Giovanardi che equiparò le sanzioni sulle droghe leggere e quelle pesanti. Il leghista veneto Matteo Toscani nel 2012 ha promosso una legge che ha consentito la distribuzione di farmaci a base di cannabinoidi. Caustico il Pd Alessandro Alfieri: «La
Lega è ormai alla frutta».


Related Articles

Ecstasy e coca, l’ultima notte di Amy

Loading

La madre: «Mi aspettavo questa fine» La famiglia: siamo disperati, era una figlia stupenda. Oggi l’autopsia

Confermato il maxi-taglio ai Fondi sociali

Loading

Il Fondo Politiche sociali perderà oltre 200 milioni, 50 in meno alla non auto-sufficienza. Saranno colpiti asili nido, centri anti-violenza, assistenza domiciliare, sostegno ai disabili e agli anziani

Emergenza sfratti, aumentano quelli per morosità

Loading

GLI EFFETTI DELLA CRISI
Non siamo ancora ai livelli della Spagna dove, il 17 luglio, un uomo di 62 anni si è sparato alla testa davanti all’ufficiale giudiziario che gli aveva appena notificato un provvedimento di sfratto per morosità, e dove nell’ultimo anno sono stati ben 15 i suicidi di persone che, non potendo più pagare l’affitto, si sono viste mettere per strada.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment