Forum terzo settore: “Lampedusa, spettacolo indegno”

ROMA – “La situazione di Lampedusa è una vergogna italiana ed europea”. Lo denunciano le associazioni aderenti al Forum Nazionale del Terzo Settore. “Si poteva e si doveva evitare questa situazione” – dice Andrea Olivero, Portavoce del Forum -“Si potevano trasferire da subito le persone nei Centri di accoglienza. Si potevano attrezzare delle tendopoli dignitose. Tutto sarebbe stato meglio di questo spettacolo indegno di un paese civile, usato come arma impropria di pressione nei confronti del Paese e dell’Europa”. “Noi volontari – continua Olivero – siamo pronti a collaborare con le istituzioni per accogliere e sostenere queste persone”. Un’emergenza umanitaria di fronte alla quale nessuno si può tirare indietro: tutte le regioni, dal nord al sud, devono fare la propria parte. C’è poi la situazione gravissima dei minori soli che sono arrivati in numero imprecisato e che la nostra legislazione non permette che siano rimpatriati.

Le istituzioni devono mettere in atto tutti gli strumenti per garantire il diritto di asilo, sancito dall’art 10 della Costituzione, e  costruire condizioni dignitose di accoglienza per coloro che non possono usufruire di questo diritto ma che abbandonano il loro paese per altri motivi. Il Forum denuncia inoltre la grave inadempienza del governo che ha tagliato ulteriormente i fondi per la cooperazione allo sviluppo, solo lo 0,13 % a fronte dello 0,75 sottoscritto negli impegni internazionali, facendo venir meno il sostegno proprio per quei paesi dai quali vengono i maggiori flussi migratori. Il Forum è solidale con la popolazione di Lampedusa e con i funzionari dello Stato, lasciati soli ad affrontare un’emergenza che chiede il sostegno e il coinvolgimento di tutti.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Olanda. Il tribunale sentenzia: la polizia può fermare le persone in base all’etnia

Giustizia. Un tribunale de L’Aia ha giudicato legittimo il fermo di polizia eseguito in base alle sembianze etniche del fermato. Sdegno delle associazioni che si battono per i diritti civili, che annunciano ricorso

“Regeni preso in piazza Tahrir” ecco le prove contro la polizia

Il ricercatore fermato nella zona controllata dagli agenti guidati dal generale Shalaby E spunta l’articolo di un giornale egiziano: “Il 25 gennaio arrestato uno straniero in un caffé”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment