Forum terzo settore: “Lampedusa, spettacolo indegno”

Loading

ROMA – “La situazione di Lampedusa è una vergogna italiana ed europea”. Lo denunciano le associazioni aderenti al Forum Nazionale del Terzo Settore. “Si poteva e si doveva evitare questa situazione” – dice Andrea Olivero, Portavoce del Forum -“Si potevano trasferire da subito le persone nei Centri di accoglienza. Si potevano attrezzare delle tendopoli dignitose. Tutto sarebbe stato meglio di questo spettacolo indegno di un paese civile, usato come arma impropria di pressione nei confronti del Paese e dell’Europa”. “Noi volontari – continua Olivero – siamo pronti a collaborare con le istituzioni per accogliere e sostenere queste persone”. Un’emergenza umanitaria di fronte alla quale nessuno si può tirare indietro: tutte le regioni, dal nord al sud, devono fare la propria parte. C’è poi la situazione gravissima dei minori soli che sono arrivati in numero imprecisato e che la nostra legislazione non permette che siano rimpatriati.

Le istituzioni devono mettere in atto tutti gli strumenti per garantire il diritto di asilo, sancito dall’art 10 della Costituzione, e  costruire condizioni dignitose di accoglienza per coloro che non possono usufruire di questo diritto ma che abbandonano il loro paese per altri motivi. Il Forum denuncia inoltre la grave inadempienza del governo che ha tagliato ulteriormente i fondi per la cooperazione allo sviluppo, solo lo 0,13 % a fronte dello 0,75 sottoscritto negli impegni internazionali, facendo venir meno il sostegno proprio per quei paesi dai quali vengono i maggiori flussi migratori. Il Forum è solidale con la popolazione di Lampedusa e con i funzionari dello Stato, lasciati soli ad affrontare un’emergenza che chiede il sostegno e il coinvolgimento di tutti.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Ucraina. L’omicidio di Andrea Rocchelli alla Corte penale internazionale

Loading

Andrea Rocchelli era un fotoreporter del collettivo Cesura. È stato ucciso dall’esercito ucraino nel 2014 mentre era al lavoro nel Donbass con l’attivista russo Andrei Mironov, anch’egli morto nell’agguato

Migranti in fuga dalla Turchia, nel 2019 70 mila hanno raggiunto l’Europa

Loading

La maggior parte sbarca in Grecia: il 30% delle richieste di asilo presentate da afghani

Oltre 400 migranti sulla Ocean Viking, salvati anche 12 donne incinta e molti bambini

Loading

In attesa di un porto sicuro. L’Oim: «Più di 2.000 persone ancora rinchiuse nei centri in condizioni atroci»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment