La Cia con le stellette

Loading

La nomina del generale David Petraeus alla direzione della Cia, al posto di Leon Panetta che passa a capo del Pentagono, è il coronamento – come osserva il New York Times – del processo di fusione tra apparato militare e spionistico avviato negli Stati Uniti dopo l’11 settembre 2001.

La militarizzazione dell’intelligence Usa, mal vista da chi ha sempre considerato la Cia come potere civile indipendente dai militari, è iniziata con Bush. Ma è stato Obama, su consiglio di Petraeus e con la collaborazione del fido Panetta, ad accelerarla con l’escalation delle operazioni militari clandestine della Cia in Pakistan (i bombardamenti aerei dei droni e le missioni segrete di forze speciali e contractors).

Parallelamente Petraues, con la benedizione della Casa Bianca, ha portato avanti la ‘secretizzazione’ delle forze militari Usa, firmando nel settembre 2009 – quando ancora dirigeva il Comando centrale – una direttiva che autorizzava le forze speciali a condurre operazioni segrete di intelligence in Yemen, Iran e in tutto il Medio Oriente allo scopo di ”infiltrare e distruggere” le forze nemiche e ”preparare il terreno” a futuri interventi militari.

La cooperazione sul terreno tra Cia e Pentagono non è certo una novità  assoluta: fin dagli ’80 gli operativi paramilitari della Divisione attività  speciali (Sad) del Servizio clandestino della Cia hanno condotto operazioni clandestine assieme alle unità  militari del Comando congiunto operazioni speciali (Jsoc/Socom) del Pentagono addette alle operazioni antiterrorismo. Negli ultimi anni, però, questa estemporanea collaborazione è diventata la strategia centrale della politica di difesa e sicurezza di Washington.

Una strategia, quella della fusione tra apparato militare e spionistico Usa, dettata inizialmente da un nuovo tipo di sfida, la guerra globale al terrorismo, e successivamente imposta dalle mutate esigenze politiche e finanziarie: la fine delle campagne militari ‘classiche’ (ieri in Iraq e domani in Afghanistan), l’esigenza di interventi più agili e meno visibili in quelli e in nuovi paesi e, non ultima la necessità  di diminuire le spese militari.


Related Articles

I populisti anti-Ue sfondano in Finlandia

Loading

 Vincono di un soffio i conservatori, ma l’ultradestra ora potrebbe boicottare il salvataggio del Portogallo

Stati Uniti leaks. Primo arresto per la fuga dei segreti

Loading

21enne della Guardia nazionale aerea, «razzista e appassionato di armi». Pubblicando i leaks voleva far colpo sugli utenti Discord

Sorrisi e cordialità , ma il vecchio amore è solo un ricordo

Loading

ISRAELE-USA. Il primo ministro israeliano, Menachem Begin, giudicò unashutzpah, insolenza in ebraico, il perentorio invito di Jimmy Carter. Il presidente americano gli aveva intimato di firmare gli accordi di Camp David, riguardanti la riconsegna all’Egitto del Sinai occupato durante la guerra del ‘67.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment