Venezia, dai volontari parte l’appello per Lampedusa: “No all’indifferenza”

Loading

VENEZIA – Da Venezia, dove è in corso la conferenza sul volontariato (vedi lanci precedenti), parte un appello alla “solidarietà  nazionale” e al rifiuto dell’indifferenza. Il riferimento è alla situazione di Lampedusa e dei migranti tunisini: una situazione che non poteva passare sotto silenzio secondo i partecipanti ai lavori di gruppo, che nella giornata di ieri hanno manifestato il desiderio di prendere posizione con un documento ufficiale, che sarà  consegnato in serata al ministro Sacconi: “L’Italia vive momento di grande allarme sociale – spiega la portavoce Emma Cavallaro, presidente di ConVol, leggendo il documento -. Non possiamo tacere di fronte alla grande violazione della dignità  umana di queste persone che fuggono da violenze e persecuzioni o che semplicemente cercano di raggiungere il traguardo di un futuro possibile. Oggi le condizioni di vita dei migranti sono inaccettabili”. L’ordine del giorno contiene anche un invito esplicito all’Unione europea affinché affronti globalmente il problema e, allo stesso tempo, lancia parole di condanna verso quegli stati che non accolgono ma rifiutano i migranti.

“Noi volontari, provocati dalla presente situazione, rivolgiamo un appello accorato a tutta la società  italiana – continua la portavoce -: non macchiamoci di omissione di solidarietà , non permettiamo che vinca l’indifferenza. Apriamo all’accoglienza i nostri territori, sperimentando forme di integrazione, respingiamo le parole di intolleranza e combattiamo la paura del diverso”. Secondo i promotori del documento, questa circostanza difficile può e deve fornire l’occasione per “avviare un nuovo cantiere di solidarietà  è giustizia, che renda il paese migliore anche per tutti noi”. (gig)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Un male antico tornato d’attualità  colpisce al Nord e nelle metropoli

Loading

In Italia ogni anno 4600 malati, la metà  sono stranieri.   Nel mondo la tubercolosi uccide ogni dodici mesi circa un milione e 700 mila persone Il 90-95% delle infezioni rimane allo stato latente. Ancora inefficace il vaccino

Un fiume di 56 miliardi di euro sospetti Lombardia e Campania in cima alla lista

Loading

Nel 2015, le segnalazioni inviate dalla Dia alla Superprocura perché «potenzialmente attinenti alla criminalità organizzata» sono state 18.396

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment