L’ultima predica di Draghi: «Manovra mirata, subito»

Loading

In sei anni nulla è cambiato – se non in peggio – per l’economia italiana: era «insabbiata» nel 2006, è insabbiata oggi. Con l’aggravante di una crisi mondiale che in due anni ha tagliato del 7% il prodotto lordo del paese facendo precipitare i redditi pro capite ai livelli di oltre 10 anni fa. «Tornare alla crescita» è l’invito pressante e conclusivo che il governatore ha rivolto alle forza politiche e sociali. Ma il problema della crescita pervade tutte le «Considerazioni finali» di Draghi.
Certo, si può discutere su che modello di crescita necessita all’Italia per uscire dalle sabbie. Ai sostenitori della crescita zero, del Pil che non è il solo indicatore del livello di benessere di un paese, Draghi ha implicitamente risposto parlando di una crescita diversa nella quale privilegiare gli aspetti della solidarietà  sociale, la formazione e l’istruzione, la partecipazione femminile al lavoro e la fine della precarietà . Sia ben chiaro: Draghi è un teorico del capitalismo (non a caso la sua relazione è piaciuta e molto alla Confindustria) e per questo è stato nominato governatore di Bankitalia. D’altra parte, eccetto Che Guevara, è difficile trovare governatori di banche centrali comunisti. Però Draghi non è un liberista forcaiolo,ma un liberal sociale che crede nei valori del mercato e in quelli della solidarietà  sociale come valore senza il quale anche l’economia è destinata a bloccarsi. Insomma, Draghi è un riformista, che ha fatto sua una affermazione di Cavour «le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l’autorità , la rafforzano». Ma di riforme, il governo Berlusconi non ne ha realizzate e il paese, sostiene il governatore, vive in un coacervo di intrecci di interessi corporativi che in più modi l’opprimono. Mentre occorrerebbe «unire solidarietà  e merito, equità  e concorrenza, per assicurare una prospettiva di crescita al Paese».
La cura proposta da Draghi non è indolore: suggerisce di tagliare di oltre il 5% in termini reali nel triennio 2012-2014 la spesa primaria corrente. Con una accortezza: i tagli non vanno fatto in maniera «uniforme», cioè in modo indiscriminato come fatto finora da Tremonti, e la manovra per il 2013-2014 va anticipata a giugno di quest’anno. Cosa che anche Tremonti sa, ma finora ha taciuto per non interferire sulla tornata elettorale.
E ancora: va ridotta la pressione fiscale sui lavoratori e le imprese, intensificando la lotta all’evasione fiscale. «Il federalismo fiscale può aiutare» ma a due condizioni: che i nuovi tributi locali siano compensati da tagli a quelli decisi «centralmente» e che il governo centrale preveda «un serrato controllo di legalità  sugli enti a cui il decentramento affida ampie responsabilità  di spesa».
La crescita è troppo bassa, la produttività  ristagna «perché il sistema non si è ancora adattato alle nuove tecnologie e alla globalizzazione», le dinamiche retributive sono ferme da 10 anni, la crescita dei consumi delle famiglie è meno di un terzo di quella di paesi concorrenti come la Francia. La soluzione per crescere di più viene sintetizzata in otto punti che vanno dalla giustizia (ma solo quella civile) all’istruzione; dalla «concorrenza regolata» e «non privatizzazioni senza controllo», allo sviluppo delle infrastrutture; dal riequilibrio della «flessibilità  del lavoro» alla maggiore partecipazione femminile al lavoro stesso; dalle regole certe nella rappresentanza sindacale a un efficace sistema di protezione sociale. Per realizzare tutto questo, Draghi fa un appello alla «unità  di intenti sulle linee di fondo delle azioni da intraprendere» perché «ciò che può unire è più forte di ciò che divide». Insomma, Draghi sembra delineare un governo di salvezza nazionale, di chi ci sta. Ma è praticamente sicuro che Berlusconi non ci starà . E Draghi ne è consapevole.


Related Articles

IL BARATRO FISCALE DELL’AGENDA MONTI

Loading

Non ci sono solo gli Stati Uniti. Anche l’Italia ha il suo baratro fiscale, come quello Usa di natura politica prima che economica. L’agenda Monti vi dedica ampio spazio, sebbene usi altri termini. In realtà  il baratro l’ha aperto il Parlamento quando ha ratificato mesi fa – su proposta del governo Monti – il Trattato sulla stabilità , sul coordinamento ecc. imposto da Consiglio europeo, Commissione e Bce.

Il denaro non misura la feli­cità nazionale

Loading

Dal «paradosso di Easterlin» agli studi di psicologia cognitiva, tutti i tentativi (e le difficoltà) di misurare il piacere collettivo

L’anno uno della Bolivia di Evo Morales

Loading

Molti successi e qualche intoppo celebrati con un discorso fiume del primo presidente indigeno. Opposizione di destra e ambasciatore Usa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment