Riforma del Fisco: ipotesi tre aliquote Irpef e innalzamento dell’Iva dell’1%

Loading

MILANO – Tre aliquote Irpef – al 20, 30 e 40% – e innalzamento dell’Iva di un punto per le aliquote più alte (10 e 20%): sono queste alcune delle grandi novità  contenute nella bozza di riforma fiscale allo studio del governo, secondo le indiscrezioni che circolano in queste ore. Sarebbe contemplato anche l’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie già  dal 2012 con l’introduzione di un’aliquota unica al 20% per finanziare la riduzione delle tasse, mentre dalla riduzione della selva di bonus e agevolazioni fiscali il governo punta a incassare fino a 16 miliardi.

L’ABOLIZIONE DELL’IRAP – Nel documento di riforma – appena tre paginette – viene anche prevista l’abolizione dell’Irapp, l’imposta regionale sulle attività  produttive, a partire dal 2014 e la soppressione dell’Ice, l’Istituto per il commercio estero. Per quanto riguarda l’Irap, si tratta di un’imposta che vale quasi 40 miliardi di euro l’anno. Il provvedimento si dovrebbe inserire inoltre nelle novità  relative all’attuazione del federalismo. È di fatto una novità  anche l’innalzamento delle aliquote Iva, dopo le assicurazioni di non aumento dell’imposta che erano state date dal ministro per lo Sviluppo economico, Paolo Romani, all’assemblea di Confcommercio. Sarebbe una conferma delle indiscrezioni, invece, la riduzione delle aliquote Irpef dalle attuali cinque a tre con un livello del 20%, 30%, 40%. In questo caso pesa, nel futuro decreto delegato di attuazione, il livello degli scaglioni che verranno affiancati a ciascuna delle tre nuove aliquote.

LE MISURE: 3 ALIQUOTE E 5 IMPOSTE – Per riassumere, dalle attuali cinque aliquote Irpef si dovrebbe arrivare a tre (20%, 30% e 40%), mentre le imposte dovrebbero essere ridotte a cinque (Irpef, Iva, Ires, Irap e Imu). L’esatta definizione di scaglioni e aliquote sarà  messa a punto in funzione delle risorse disponibili.

RIORDINO AGEVOLAZIONI FISCALI – Gli attuali 476 bonus che costano allo Stato oltre 161 miliardi saranno classificati in base a 11 criteri e la priorità  verrà  data alle voci lavoro, famiglie e giovani. Nella migliore delle ipotesi lo Stato incasserà  16 miliardi di euro.

SCAMBIO IVA-IRPEF – L’aumento dell’Iva resta tra le ipotesi di copertura per finanziare il taglio dell’Irpef. La soluzione potrebbe essere l’innalzamento all’11% dell’aliquota agevolata del 10% e al 21% di quella ordinaria del 20% oppure si ipotizza di portare al 6% l’aliquota del 4%. Ma non è escluso che si possa decidere di aumentare soltanto l’aliquota più alta.

RENDITE FINANZIARIE – Dovrebbe essere introdotta dal 2012 un’aliquota unica per le rendite finanziarie, probabilmente al 20% con l’esclusione dei titoli di Stato. Il regime attuale prevede il prelievo del 12,5% su obbligazioni, titoli di Stato e guadagni di borsa, mentre sui depositi postali si applica il 27%.

BONUS FIGLI – Dalla razionalizzazione di bonus e assegni, sul tavolo dei gruppi di lavoro sulla riforma fiscale, potrebbero essere tolti alcuni benefici per rafforzare l’assegno per i figli.

MARCEGAGLIA: «PIANO INTERESSANTE» – Il piano disegnato dal ministro Tremonti è stato definito «interessante» dalla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. La leader degli industriali ha anche detto che per dare un giudizio di merito «bisognerà  entrare nei dettagli e vedere dove si taglia»: «Ci sono cose interessanti come le tre aliquote Irpef e l’eliminazione graduale dell’Irap – ha spiegato la Marcegaglia – è un menù ampio, poi bisognerà  entrare nei dettagli e vedere dove si taglia. Comunque è un piano di lavoro interessante». Sulla necessità  della riforma fiscale si è espresso invece Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio di Milano, a margine dell’assemblea generale dell’Associazione: «La riforma fiscale, incrociandosi con il federalismo fiscale, deve raggiungere due obiettivi – ha detto Sangalli – La semplificazione burocratica e la riduzione delle tasse». Preoccupata invece per il ventilato aumento delle aliquote Iva è invece Federdistribuzione, l’associazione che raggruppa le principali aziende della grande distribuzione: «Voglio ricordare – ha detto il presidente, Giovani Cobolli Gigli – che una manovra sull’Iva come quella prospettata indurrebbe una maggiore spesa per le famiglie italiane di circa 6 miliardi, coinvolgendo prodotti fondamentali ed essenziali nella spesa abituale, come carni, salumi, zucchero (aliquota al 10%) e abbigliamento bambini, prodotti per la casa e la cura della persona (aliquota al 20%)».


Related Articles

Ntv punta su garanzie e welfare nasce il contratto dei ferrovieri privati

Loading

Siglato l’accordo tra i sindacati e il gruppo di Montezemolo e Della Valle

Come rispondere alla crisi “dal basso”. Se ne discute all’università di Torino

Loading

Domani e dopodomani a Torino un convegno su cooperazione sociale e welfare dal basso. Intervista a Giacomo Pisani, uno degli organizzatori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment