Il referendum cancellato

Loading

Un vero déjà  vu. Fitto era già  cofirmatario del decreto Ronchi, quello che (la maggior parte dei media sembrano averlo già  dimenticato), la maggioranza assoluta del popolo italiano ha abrogato due mesi fa rispondendo sì al primo quesito referendario. La struttura del nuovo provvedimento, che non porta più la firma di Ronchi soltanto perché quest’ultimo, grazie al cielo, non è più al governo, è identica a quella della legge abrogata dal popolo sovrano. Un obbligo di messa a gara a data certa, ossia proprio quella struttura che tutti in Italia hanno capito avere un impatto devastante sul valore di quanto si vuole vendere. Non più l’acqua ma cespiti importanti del patrimonio pubblico come i trasporti locali, l’organizzazione della raccolta rifiuti e tutti i restanti servizi locali di rilevanza economica che verrebbero svenduti con un impatto drammatico sul valore del nostro patrimonio pubblico. Con l’eccezione dell’acqua, il contenuto del nuovo provvedimento è a sua volta identico a quello del Ronchi che, come ben noto, non riguardava soltanto l’acqua ma (stava scritto sull’intestazione della scheda n. 1 cui hanno risposto sì circa 27 milioni di elettori) le «Modalità  di affidamento e gestione servizi pubblici locali a rilevanza economica. Abrogazione».
Insomma sta succedendo esattamente quanto temevo. L’esito referendario è stato svuotato (complici le opposizioni) del suo valore costituente e ridotto ad una mera questione tecnica legata alla sola gestione dell’acqua. La vera inversione di rotta relativa alle privatizzazioni (e liberalizzazioni camuffate) richiesta dal popolo non è stata interpretata politicamente da nessuno (ad eccezione del solo De Magistris a Napoli) L’esito di questo imperdonabile vuoto nell’interpretare il cambiamento di sensibilità  politica nazionale è che impunemente il governo Berlusconi (al posto di andarsene a seguito del voto sul legittimo impedimento) impone (pare sotto dettatura dei poteri forti europei) una manovra che, con scelta politica deliberata, fa strame del patrimonio pubblico e dei beni comuni, sacrificandoli sull’altare della crescita. Ma il popolo aveva detto che i trasporti pubblici ed i rifiuti, non meno dell’acqua, devono essere governati in modo ecologico, sociale e sostenibile, nell’interesse comune e non in quello dei soliti poteri finanziari.
Il governo si fa beffe, in modo palesemente incostituzionale, della volontà  sovrana chiara, espressa solo due mesi fa rispetto al primo (e più votato) quesito referendario che era contro il decreto Ronchi-Fitto. Che il referendum non fosse limitato all’acqua lo aveva abbondantemente detto anche il fronte del no in campagna elettorale!. Personalmente ho contribuito a redigerne il quesito e ho partecipato alla sua difesa di fronte alla Corte Costituzionale il 12 gennaio. La Corte era stata chiarissima nel ribadire che ogni quesito costituiva un referendum separato rispetto agli altri. La Corte aveva inoltre acclarato che Il primo quesito aveva come intento politico quello di riequilibrare il rapporto fra pubblico e privato nella gestione dei servizi pubblici locali che, ad avviso dei promotori, il decreto Ronchi-Fitto aveva stravolto tramite l’obbligo di messa a gara.
Quanto sta succedendo è di una gravità  politica giuridica e costituzionale inaudita. A soli due mesi da un voto popolare espresso si ripropone il provvedimento abrogato negli identici termini di forma e di sostanza. Sul piano giuridico, se il governo avesse deciso ieri di privatizzare l’acqua non ci sarebbe stata alcuna differenza. L’Europa non può imporre ad un paese membro provvedimenti incostituzionali. Questo si sarebbe dovuto rispondere a Trichet e Draghi.
Il Presidente Napolitano ha adesso un dovere costituzionale di intervenire su questo punto. Il fronte di difesa dei beni comuni non può fare lo sconto a nessuno.


Related Articles

22 maggio. Siamo tutti biodiversi

Loading

  L’albero della biodiversità  – Foto: unipd-centrodirittiumani.it

Se vi capiterà  di trovarvi all’Aeroporto di Heathrow e di salire su un pullman in direzione Gloucester, noterete che lungo l’area verde che costeggia la strada campeggia un cartello con la scritta “Preserve biological diversity”. Strano no? Scoprire un’attenzione alla bio-diversità  anche in un luogo così impersonale e artificiale come un aeroporto.

A caccia di tartarughe

Loading

L’appello viene dalla Marine Conservation Society, una di quelle solide istituzioni scientifiche che fanno parte della tradizione del Regno unito: andate «a caccia» di tartarughe. Caccia visiva, si intende.

Quei 52 miliardi persi nell’Italia che frana E il governo al territorio dà solo 30 milioni

Loading

I danni calcolati dal 1951 al 2009. Aree a rischio ospitano 6.251 scuole e 547 ospedali Ma è questo il modo di rendere omaggio alle vittime di quella strage provocata dall’insipienza, dalla sciatteria, dalla superficialità con cui fu trattata la natura? Non ci sono soldi per difendere oggi il fragile suolo nazionale, dice la legge di stabilità. Punto. Discussione chiusa. E la cosa pare non avere scandalizzato nessuno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment