«Bersani rompa il sistema delle spartizioni al Nord»

 Le espulsioni sono «roba buona per i partiti stalinisti, fascisti, dipietristi e leghisti», anziché pensare «a nuove purghe» il Pd dovrebbe «rompere con la politica di complicità  con il potere formigoniano e di Comunione e lottizzazione». Marco Cappato, consigliere comunale radicale, a Milano è in maggioranza con il Pd ma ricorda che alle regionali in cui Penati era candidato del centrosinistra, i radicali non lo votarono: «Perché, lo abbiamo detto, non era alternativo al sistema di potere trasversale che c’è in Lombardia e nel Nord».

Faccia qualche esempio.
Da anni i grandi appalti delle infrastrutture, della sanità  e dei trasporti sono esclusiva di reti trasversali di affari della galassia di Cl e della Compagnia delle opere insieme alle cooperative rosse. Il presidente della Regione Formigoni è l’elemento forte. E il Pd, con Penati, si limita a occuparne la quota di minoranza. Non parlo di reati, parlo di una spartizione politica. Penati doveva essere il capo dell’opposizione alla Regione, e invece ha accettato di diventare vicepresidente del consiglio della Lombardia. Altro esempio: ci sono mille persone che hanno dichiarato alla Procura che le firme sulla candidatura di Formigoni sono false? È un potenziale attentato alla democrazia, ma il Pd non fa niente, se non per una cosa meno grave sotto il profilo democratico chiedere le dimissioni della Minetti. Sulla vicenda del limite dei due mandati di Formigoni, Penati ha aderito in anticipo alla tesi di Formigoni.
Il democratico Errani è nella stessa condizione.
Appunto. In Lombardia il Pd ha chiuso un occhio sulla inelegibilità  del consigliere Pdl Pozzi, che ha sottoscritto dimissioni tardive da aziende controllate dalla Regione, perché ne ha uno proprio, Costanzo, nelle stesse condizioni.
L’allontanamento di Penati dal Pd non basta?
No, né basta rottamare un pezzo di classe dirigente, o fare le scarpe allo stesso Bersani, se non cambia la politica. Ora nel Nord c’è un sistema di spartizione in cui le cooperative rosse sono forti in Emilia, quelle bianche e quelle verdi nel Veneto, quelle bianche di Cl in Lombardia. Se il Pd non cambia questo, e non si batte per regole di trasparenza, non cambia niente.
L’assessore comunale Maran, indicato come uomo di Penati, si deve dimettere?
No. Gli arrivano accuse indirette e fumose. Dimostri di essere fuori da questo sistema. Pensi subito per esempio a realizzare la volontà  popolare espressa nei cinque referendum ambientali.


Related Articles

I signori dei dossier

   Bisogna ascoltare la vittima. Interrogata, Emma Marcegaglia dice: “Ho sicuramente percepito l’avvertimento come un rischio reale e concreto per la mia persona e per la mia immagine (…) Il Giornale era piccato sia per le mie dichiarazioni contro l’operato del governo sia, soprattutto, per il fatto che io stessa e Confindustria ci siamo sempre filati poco il Giornale (…) Non mi era mai capitato che un quotidiano tentasse di coartare la mia volontà  con queste modalità “.

Milano, prima crepa nella giunta Pisapia

Il sindaco divorzia da Boeri: è un solista. I militanti arancioni: a rischio un sogno.   L’ultima lite sul Museo d’arte contemporanea “Pesa la sconfitta alle primarie” 

Qui comincia l’avventura di Giuliano Pisapia alle prese con i primi capricci di Sel e del Pd

Il passaggio delle consegne è veloce. Lei piange, lui saluta chiunque gli capiti a tiro. Le signore che lo aspettano in piazza della Scala con una gerbera arancione. Gli usceri. I vigili urbani con l’uniforme delle grandi occasioni. I fotografi. Anche lei si complimenta. Sembra sincera. Lui ricambia e la ringrazia per quello che lei ha fatto per Milano nei cinque anni precedenti. Poi si fanno fotografare insieme, mano nella mano, e sorridono felici. Letizia Moratti e Giuliano Pisapia, a vederli così rilassati sembra quasi che abbiano vinto tutti e due. Lei invece se ne sta andando, mentre lui è già  il sindaco più amato della storia della città .

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment