Crollano le assunzioni di stranieri: -23,6%

Loading

VENEZIA – Quasi un quarto di assunzioni in meno rispetto all’anno precedente: crollano le opportunità  lavorative per gli immigrati nel 2011. Secondo le stime della Fondazione Moressa, che ha elaborato i dati Excelsior-Unioncamere sulle previsioni di assunzione per l’anno in corso, saranno 138 mila le nuove assunzioni di stranieri nelle aziende italiane, cioè il 23,6% in meno del 2010, che copriranno il 16,3% delle assunzioni complessive.

Secondo l’indagine, a cercare manodopera straniera sono soprattutto le imprese sopra i 50 dipendenti (40,1%), mentre le mansioni più richieste sono nell’ambito delle costruzioni (18,2%). L’offerta di lavoro, inoltre, si concentra soprattutto sugli operai specializzati (26,9%) e maschi (45,3%). In larga parte le assunzioni riguarderanno lavori non stagionali (83mila), mentre 55mila nuovi posti saranno destinati a mansioni stagionali, che subiscono un calo rispetto al 2010 del 26,6%. “Questi dati sono un chiaro segnale del periodo di crisi attraversato dal mondo produttivo italiano – commentano i ricercatori della fondazione -. L’assunzione di 138 mila stranieri contribuirà  solo in maniera marginale ad alleviare le perdite occupazionali dell’ultimo biennio”. Infatti, secondo le previsioni la maggior parte dei 304 mila disoccupati stranieri registrati nel primo trimestre 2011 difficilmente riuscirà  a trovare a breve una nuova occupazione.

In numeri assoluti, le assunzioni più consistenti si registreranno in Lombardia (22.740, di cui 18.240 non stagionali), Emilia Romagna (17.590 di cui  11.080 non stagionali), Veneto e Lazio (entrambi 13.480). Il calo più consistente riguarderà  invece le regioni del Sud, a cominciare da Basilicata (-44,4%), Sardegna (-40,7%) e Sicilia (-38,1%). Brusco crollo, a Nord, per il Trentino Alto Adige, che si assesterà  su un -42,9%. Il settore delle costruzioni spingerà  per nuove assunzioni di stranieri soprattutto in Abruzzo, Campania e Sicilia (47,6%, 40,3% e 35,6%). I servizi di supporto alle imprese e alle persone saranno catalizzatore di lavoratori stranieri in Lazio (26,3%), Trentino Alto Adige (22,4%) e Friuli Venezia Giulia (21,2%). La Toscana avrà  bisogno di introdurre manodopera straniera nel settore tessile, dell’abbigliamento e calzaturiero (18,9%), mentre in Emilia Romagna l’offerta sarà  soprattutto nel settore dei servizi di alloggio e ristorazione e dei servizi turistici (14,3%).
Il report completo dell’indagine è disponibile nel sito www.fondazioneleonemoressa.org/. (gig)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Bambini uccisi in Siria, Gaza e Israele. L’Unicef: “Difficile venire a patti con tale ferocia”

Loading

Calivis: “Chiediamo con urgenza a tutte le parti coinvolte in questa crisi di non venire meno alla loro responsabilità  di salvaguardare i bambini e di mettere fine alle violenze”

Sabato 21 l’Italia antirazzista scende in piazza a Roma

Loading

Siamo di fronte ad un passaggio cruciale, in cui serve un’assunzione di responsabilità collettiva per contrastare il clima di intolleranza diffusa

Stati uniti. Altri 911 bambini migranti separati dai genitori da giugno

Loading

In un solo mese quasi mille casi dopo la sentenza della corte che chiedeva di ridurli. Le separazioni familiari iniziate nella primavera del 2018: è la politica della «tolleranza zero» di Trump

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment