Lombardia, “status negato al 70% dei richiedenti asilo”

Loading

MILANO – “Almeno il 70% dei richiedenti asilo politico degli ultimi sei mesi, quasi certamente non avrà  diritto allo status di rifugiato”. Parole che suonano come uno schiaffo per i profughi fuggiti dalla Libia quelle pronunciate da Romano La Russa, assessore alla Protezione civile della Regione Lombardia, ai giornalisti Lorenzo Bagnoli e Marco Billeci, autori della videoinchiesta “Vacanze forzate” sul sistema milanese di accoglienza profughi, realizzata dallo street magazine Terre di mezzo con la partecipazione di Bros e di Rockit. Oltre alle voci di politici e operatori sociali, il documentario raccoglie le testimonianze dei migranti in fuga dalla guerra ospitati al Residence Ripamonti di Pieve Emanuele, un “parcheggio dorato” alle porte di Milano dove le stanze hanno la tivù satellitare, ma di assistenza psicologica e di accompagnamento nella ricerca di casa e lavoro non c’è traccia. La videoinchiesta verrà  presentata martedì 13 settembre, alle 18, in occasione della IV edizione dell’Immigration day, organizzata dall’associazione Naga nell’ambito del Milano film festival, presso il Teatro Studio in via Rivoli 6.

Una giornata ricca di appuntamenti, cinematografici e non. Si comincia alle 12 con il film “Kineserna Kommer” (2010) della regista di origine cinese Ronja Yu. A seguire, “Abusados: la Redada de Postville” (2010) del guatemalteco Luis Argueta, previsto alle 15, e “Black diamond” (2010) della francese Pascale Lamche, alle 17. L’ultimo lungometraggio in programma è “The Journals of Musan” (2010)  del sudcoreano Park Jung-Bum (ore 20.15). Oltre all’inchiesta “Vacanze forzate” verrà  proiettato anche un lavoro del Naga con le testimonianze dei 100 profughi scappati dalle coste nordafricane e confinati sulle montagne di Montecampione, in Valcamonica (Bs), a 1.800 metri di altitudine e a 20 chilometri dal centro abitato più vicino.

Oltre alle emozioni del grande schermo, il pubblico dell’Immigration day potrà  assistere al concerto di Fatoumata Diawara, musicista del Mali che si esibirà  alle 18.30 sul piazzale antistante al Teatro Studio e ascoltare i canti interpretati dall’orchestra di rifugiati “Naga Harchestra”. Per informazioni, http://www.naga.it/. (Chiara Daina)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Francia. La polizia violenta piega il ministro dell’Interno

Loading

Proteste delle forze dell’ordine dopo che i giudici chiedono la detenzione provvisoria per i 4 che hanno massacrato Hedi. I medici hanno dovuto asportargli un pezzo della scatola cranica, danneggiata dalle violenze dei poliziotti

La pista dei detective italiani “ Ucciso per le sue idee ”

Loading

Il team inviato in Egitto non crede all’ipotesi della criminalità comune. L’articolo per il Manifesto era stato pubblicato su un sito 11 giorni prima della sua scomparsa

I disabili e l’art. 3 violato

Loading

C’era una volta l’articolo 3 della Costituzione italiana. Adesso non c’è più. Almeno a scuola. Dopo l’introduzione negli anni settanta dei bambini disabili all’interno della scuola pubblica – un fatto non solo di civiltà , ma che ha riscontri anche di risparmio economico e, per questo, fino a qualche anno fa era studiato in tutto il mondo – ora il Pdl propone di affidare ai privati il sostegno degli studenti disabili. Cosa c’è di meno economico di uno studente disabile? Nulla.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment