Si decide il destino di Termini Imerese Gli operai verso la mobilitazione

Loading

PALERMO – Domani dallo stabilimento di Termini Imerese uscirà  l’ultima Lancia Y. Finirà  così la storia della Fiat in Sicilia iniziata nel 1970 dall’avvocato Gianni Agnelli: il Lingotto di Sergio Marchionne ha già  pronte le valigie per tornare a Torino e non mettere più piede nell’isola. Le 1.600 tute blu sperano adesso nel buon esito dell’incontro previsto per oggi al ministero dello Sviluppo economico tra i manager Fiat e chi dovrebbe prenderne il posto, la Dr Motors di Massimo Di Risio che a Termini vorrebbe assemblare la sua auto cinese. Se andrà  male questo ennesimo vertice, gli operai sono pronti a fare le barricate: «Il clima in fabbrica è teso, i lavoratori da mesi assistono a continui incontri e promesse sul loro futuro, adesso vogliono certezze», dice Roberto Mastrosimone, segretario della Fiom Cgil di Palermo.
Oggi a Roma si gioca una partita decisiva per il futuro dello stabilimento siciliano. Al ministero dello Sviluppo economico si dovrebbe firmare l’intesa sul passaggio delle aree e delle linee di produzione dalla Fiat alla Dr Motors. Ma resta da definire il nodo delle mobilità  per l’accompagnamento alla pensione. Il Lingotto è pronto a cedere al prezzo simbolico di un euro tutto, ma dal primo gennaio 2012 non vuole assolutamente farsi carico dei lavoratori. La Dr Motors però non può da sola assumere tutti i 1.600 dipendenti, visto che tra l’altro il suo traballante piano industriale, che punta a produrre 80 mila auto all’anno da piazzare su un mercato sempre più stretto, prevede nel 2013 assunzioni fino a un massimo di 900 unità . Il resto dovrebbe quindi andare in prepensionamento grazie a scivoli contributivi, ma la Fiat non ha intenzione di pagare i circa 20 milioni di euro necessari. I sindacati, sul fronte opposto, non vogliono firmare nulla senza certezze per tutti i dipendenti: «Se c’è l’accordo sulla mobilità  finalmente firmeremo l’intesa che consentirà  di salvaguardare il polo industriale di Termini Imerese e l’occupazione, in caso contrario no», avverte Vincenzo Comella, segretario provinciale della Uilm di Palermo. Se invece arriverà  l’intesa, la Dr Motors potrà  contare su aiuti economici per 350 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Siciliana, tra sgravi fiscali sulle assunzioni e contributi per investimenti e formazione degli operai.
Domani comunque sarà  una giornata molto calda a Termini Imerese. I sindacati hanno già  indetto un’assemblea di fabbrica, alla quale parteciperà  anche il segretario nazionale della Fiom, Maurizio Landini: «Senza accordi con la Dr Motors cosa diremo ai lavoratori?», dice Mastrosimone. In questo quadro così incerto, l’unica cosa sicura è che da domani la Fiat non realizzerà  più auto in Sicilia, mettendo fine a un’avventura iniziata nell’aprile del 1970 con la mitica “500” e che ha visto produrre nell’isola auto che hanno segnato la storia del Lingotto, dalla “126” alla Panda.


Related Articles

Licenziati il giorno di natale. O in presidio alla vigilia. 68 espulsi dalla Ball, migliaia in presidio in fabbrica

Loading

Natale Operaio. La crisi colpisce ancora lungo la penisola per colpa del Jobs act non risolto dal governo: Pernigotti, Piaggio Aerospace, Bombardier, Almaviva, ex Alcoa

Il piano Renzi, una ricetta che non cura

Loading

L’Italia ha perso 150 mld di Pil tra il 2004 e il 2013, il 20% di pro­du­zione indu­striale, cioè 1/5 del pro­prio tes­suto pro­dut­tivo, alzando il tasso di disoc­cu­pa­zione reale al 22%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment