La manovra diventa legge dall’Imu alle addizionali tasse il 90% delle misure

Loading

La manovra è legge dello Stato, con una correzione da 20 miliardi sulla quale le tasse pesano per circa il 90%. Il presidente della Repubblica, Napolitano, ha firmato in serata il decreto licenziato nel pomeriggio dal Senato e votato da una maggioranza schiacciante: 257 sì e 41 no. La pressione fiscale salirà , secondo il governatore della Banca d’Italia Visco, verso il 45%. Piatto forte, sia per l’impatto popolare che per il gettito, è l’arrivo della Super Imu, costituita dal ritorno dell’Ici sulla prima casa e dall’aumento delle basi imponibili (10 miliardi). Circa 5 miliardi vengono dall’aumento della benzina, mentre 2 arriveranno dall’addizionale Irpef regionale e 3 (se non si taglieranno le agevolazioni, ma anche in questo caso si tratterebbe di un aumento della pressione fiscale) dall’incremento dell’Iva. 
L’altro pilastro è la riforma delle pensioni con l’abolizione di fatto dell’anzianità  e la soglia fissa di 41-42 anni al di sotto della quale non si potrà  più uscire. Peserà  il blocco delle indicizzazioni: il prossimo anno dalle pensioni che stanno sopra i 1.400 euro si spremeranno circa 2 miliardi. Intorno al tema delle tasse gira anche la lotta all’evasione e la mini-patrimoniale (0,1 per 1000 nel 2012). Per la lotta all’evasione oltre alla misura che impedisce l’uso del contante sopra i mille euro, c’è la novità  della costituzione della grande banca dati del Fisco alla quale, con le nuove norme, gli istituti di credito dovranno riversare i movimenti quotidiani di tutti i correntisti. Restano al palo le liberalizzazioni (taxi, farmacie e servizi pubblici locali) che saranno recuperate nella cosiddetta «fase due», ma anche l’avvio della spending review della spesa pubblica e un po’ di ossigeno a famiglie e disoccupati.


Related Articles

Lo sciopero delle tute blu: «Aumento per tutti o noi non ci fermiamo»

Loading

Contratto. Fim, Fiom e Uilm manifestano in cento città e dicono no al “modello Storchi”. Secondo il presidente di Federmeccanica gli incrementi non dovrebbero essere più “erogati a pioggia” ma solo a livello aziendale

Germania, il paradiso delle diseguaglianze

Loading

Tra minijob e minisalari, il mercato del lavoro dopo la riforma Schröder-Hartz è tra i più iniqui d’Europa. Tanto che il Belgio ha denunciato Berlino alla commissione Ue Un’analisi dei mutamenti recenti del mercato del lavoro in Germania non può non partire ricordando la riforma del mercato del lavoro Schröder- Hartz avviata nel 2003 e sottolineando i suoi effetti sulla situazione economica e sociale del paese.

«Senza accordo, riforma in Parlamento»

Loading

Fornero: Fiat non può fare ciò che vuole. Monti: è l’Italia che l’ha resa grande

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment