Le olimpiadi di Dow Chemical

Loading

Non solo: alcune centinaia di persone hanno portato cartelli con scritto «abbasso le olimpiadi di Londra» e «vogliamo giustizia». Protestano perché tra gli sponsor delle olimpiadi londinesi c’è Dow Chemical, la multinazionale della chimica che nel 2001 ha acquistato la Union Carbide ma rifiuta di assumersi responsabilità  circa la tragedia avvenuta nella notte tra il 2 e il 3 dicembre del 1984.
Quella notte nello stabilimento della Union Carbide India un impianto si è surriscaldato e una cisterna è esplosa, lasciando uscire 40 tonnellate di isocianato di metile e altre sostanze (ma questo i medici lo hanno capito dopo: i dirigenti dell’azienda si rifiutarono di dire alle autorità  che sostanze fossero in quella specie di bomba). Il gas, «sparato» ad alta pressione, investì in pieno la borgata di Jayaprakash Nagar, proprio di fronte ai cancelli della fabbrica, e altri slum limitrofi. Migliaia di persone sono morte soffocate quella notte stessa e il giorno seguente: 3.787 secondo il conto ufficiale, quasi 6.000 per le organizzazioni che si occupano delle vittime. Molti di più sono morti nei mesi e anni seguenti, consumati da tumori ai polmoni e altre malattie. Il bilancio supera le ventimila vittime. Tra i sopravvissuti molti hanno malattie croniche, anche gravi: tumori, malattie respiratorie, nervose, problemi renali. Nel 2006 il governo indiano ha ammesso che oltre 500mila persone sono malate, di cui 3,900 in modo grave, per cause riconducibili alla «gas tragedy». Ma solo una piccola parte di queste persone ha ricevuto risarcimenti che li aiutino ad affrontare una vita menomata. Al momento ad esempio le autorità  di Bhopal hanno inoltrato al governo centrale oltre 9.000 richieste di risarcimenti per persone affette da tumori o incapacità  renale – ma i risarcimenti non arrivano.
Il disastro di Bhopal ha lasciato poi un’altra eredità : tra le carcasse arrugginite infatti restano migliaia di tonnellate di residui tossici esposti alle intemperie, mentre altre tonnellate di reflui sono stoccati in vasche mal isolate. Le sostanze tossiche hanno contaminato i terreni su cui continuano ad abitare centinaia di migliaia di persone e le falde idriche da cui attingono acqua. Solo di recente il governo di New Delhi ha affidato al ministero della difesa la bonifica dell’area.
Sia sui risarcimenti che sulla bonifica, Dow Chemical ha sempre rifiutato ogni responsabilità . Afferma che gli obblighi legali di Union Carbide si sono esauriti quando l’azienda ha versato 470 milioni di dollari in risarcimenti al governo indiano quale rappresentante legale delle vittime, ben prima dell’acquisto da parte di Dow. Dopo anni di proteste da parte di diversi gruppi e sindacati delle vittime di Bhopal in effetti anche le autorità  indiane hanno accettato di riaprire la questione, e ora chiedono 1,7 miliardi di dollari per le vittime del disastro.
Per questo la presenza del simbolo Dow Chemical in bella mostra nello stadio olimpico che sarà  guardato da tutto il mondo ha fatto infuriare molti a Bhopal. Hanno protestato il capo del governo del Madhya Pradesh, stato di cui Bhopal è la capitale, e numerosi atleti. Mentre sabato scorso alcune centinaia di persone hanno bruciato, davanti ai cancelli della fabrica ormai in disuso, le effigi di Sebastian Coe, presidente del Comitato organizzatore delle prossime olimpiadi di Londra, e di Vijay Kumar Malhotra, capo del comitato olimpico indiano.


Related Articles

I colori-gioiello delle Cinque Terre traditi dall’incuria

Loading

Il racconto. Sopra i paesini un mondo vasto di foreste e di sentieri, di profumi e di solitudine. Non il cemento, ma l’abbandono al suo destino di un territorio così forgiato dall’uomo 

Quei palazzi costruiti per le Regioni che valgono un piano per l’ambiente

Loading

ROMA — Due bei palazzi su un’area di 154 mila metri quadrati. Con ogni comfort: spazi ricreativi, caffetteria, ristorante, nursery e centro benessere. Il tutto per la modica spesa di 87 milioni di euro.

«I disastri ambientali non devono andare in prescrizione»

Loading

Il fatto che il reato di disastro ambientale non figuri nel testo sulla riforma della giustizia tra quelli per cui non scatta l’improcedibilità preoccupa Legambiente, il Wwf, Greenpeace Italia, Libera e Gruppo Abele, che lanciano un appello

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment