Si riapre il caso Sakineh «Rischia l’impiccagione»

Loading

La sentenza era stata sospesa nel luglio scorso in seguito alla mobilitazione mondiale per salvarla. «Non c’è fretta… I nostri esperti islamici stanno riesaminando la sentenza per vedere se è possibile giustiziare con impiccagione una persona condannata alla lapidazione», ha detto ieri il capo della magistratura della provincia dove Sakineh, 43 anni, è incarcerata.


Related Articles

Stragi negli USA. Congresso corrotto e prigioniero delle lobby delle armi

Loading

Stati uniti. La paralisi del sistema politico americano sulla questione delle armi. Siamo alle statistiche: quello di domenica a Sutherland Springs

Putin rinuncia al gasdotto con l’Eni

Loading

South Stream non si farà: «L’Unione Europea ci ha boicottati, andremo in altre regioni» Ma il progetto «alternativo» potrebbe essere irrealizzabile se non sarà tolto l’embargo

Papa in Madagascar: «Non c’è ecologia senza giustizia sociale»

Loading

Clima. Bergoglio nel Paese più povero al mondo, minacciato da deforestazione, estrattivismo selvaggio, alluvioni e carestie da riscaldamento globale, depredamento di risorse, corruzione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment