Gli speculatori tornano in borsa E a scuola bambini a stomaco vuoto

Loading

La Grecia precipita nel terzo mondo: i suoi bambini restano con lo stomaco vuoto, mentre i turisti che visitano il paese possono godersi a basso prezzo i souvlaki e le insalate greche al suono dei bouzouki. Le politiche di Papandreou, Papadimnos e della troika hanno fatto si che migliaia di bambini delle scuole elementari di Atene si ritrovano a stare in classe senza poter mangiare niente. In centinaia poi sarebbero costretti a restano a volte fino alla fine dell’orario prolungato, alle quattro di pomeriggio, con lo stomaco vuoto. 
Dopo le pressioni dei presidi delle scuole, delle associazioni di genitori e dei media, il ministero della Pubblica istruzione ha riconosciuto i casi di bambini malnutriti e ha annunciato ieri che dalla settimana prossima comincerà  la distribuzione di «piccoli pasti» a 18 istituti che hanno sede nei quartieri più disagiati di Atene e nel suo hinterland. Il programma si estenderà  in seguito ad altri quartieri abitati storicamente da operai e popolazione con bassi redditi, immigrati e zingari. 
I bambini vanno alle elementari dalle 8 fino alle 13 o alle 14. Ma possono fermarsi fino alle 16 su richiesta dei genitori. Solo che non sono previsti servizi di mensa. I bambini sono costretti così a portarsi il pranzo da casa. 
Ogni pasto costerà  al ministero tra 1 e 2 euro, mentre i ministeri della Sanità  e della Pubblica Istruzione stanno tardivamente pensando di assistere direttamente le famiglie disagiate che lamentano problemi di malnutrizione per i loro bambini. La ministra della Pubblica istruzione ed ex Commissaria Europea Anna Diamantopoulou aveva negato ripetutamente che in Grecia potessero esserci bambini malnutriti, pero i presidi di tante scuole hanno smentito l’esponente socialista, chiedendo l’intervento delle autorità  pubbliche. 
Intanto, l’ondata di freddo che in questi giorni sta colpendo anche la Grecia, ha costretto molte scuole prive di riscaldamento a chiudere i battenti e a lasciare i bambini a casa. Tre senzatetto e un immigrato sono morti assiderati nelle strade. L’aeronautica militare ha mandato ieri delle coperte ai senzatetto di Atene. 
Nel frattempo gli speculatori sono tornati nelle borse, aspettando la conclusione delle trattative per il taglio del debito greco. O, meglio, del salvataggio delle banche. La borsa di Atene ha guadagnato ieri il 6,13%, grazie alle banche che hanno guadagnato il 17,25%.


Related Articles

Afghanistan. I Talebani annunciano: «Preso il Panjshir la guerra è finita»

Loading

Ahmad Masud, da una località nascosta: «la resistenza continua» A Mazar-e-Sharif manifestazione di donne per istruzione e diritti

Ex Cecoslovacchia. Destini incrociati

Loading

Repubblica Ceca-Slovacchia durante i campionati del mondo di hockey sul ghiaccio 2012 Repubblica Ceca-Slovacchia durante i campionati del mondo di hockey sul ghiaccio 2012 Bongarts/Getty Images

Il 17 luglio 1992 il Parlamento slovacco proclamava la sovranità  della repubblica e spianava la strada al “divorzio di velluto” con la Repubblica Ceca. A distanza di vent’anni, gli slovacchi sono riusciti a superare le loro innate paure e ad adattarsi all’Europa. I cechi, invece, devono ancora farsi un esame di coscienza.

Estremisti di destra scatenati a Tel Aviv

Loading

Pericolo incombente. Così il governo e la Knesset stanno mettendo sotto assedio giustizia, informazione e associazioni per i diritti umani La parola Weimar sui muri d’Israele

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment