Quel pasticciaccio brutto di Cornovaglia Cameron inguaiato dal piatto del popolo

Loading

LONDRA – David Cameron si è cacciato in un pasticcio. Di guai, il primo ministro britannico ne aveva già  abbastanza: lo scandalo delle cene a Downing street offerte ai più grandi uomini d’affari del regno in cambio di donazioni milionarie al partito conservatore, così in grado di influenzare la politica del governo; l’Horsegate, ovvero la vicenda dei suoi week-end di equitazione con l’amministratrice delegata dei giornali di Rupert Murdoch, su un cavallo da lei ricevuto in prestito dalla polizia, ennesima dimostrazione di un legame corrotto fra potere, politica e l’editore; la sua gaffe sulla necessità  di riempire i serbatoi di benzina nell’eventualità  di uno sciopero degli autotrasportatori, che sta provocando code colossali in tutti i distributori del paese; il budget che “tassa i nonni”, ossia i pensionati, per ridurre (dal 50 al 45 per cento) le imposte ai ricchi; senza dimenticare le statistiche appena uscite secondo cui il Regno Unito è entrato (di nuovo) in recessione, avendo registrato due trimestri consecutivi di contrazione economica. Un giornale gli consigliava di chiudersi in un uovo di Pasqua e passarci le vacanze dentro, per riprendersi. Ma il premier ne ha combinata un’altra, forse la più grave di tutte, perché sembra la prova della sua ipocrisia, mandando in frantumi gli sforzi da lui fatti per apparire un uomo comune, normale, medio, anziché un rampollo “posh” e privilegiato.
È successo che, per smentire il presunto favoritismo del governo a favore delle classi benestanti, Cameron ha detto di avere una passione per il “Cornish pasty”, il pasticcio di carne della Cornovaglia, prelibatezza (de gustibus) di cui il popolo non riesce a fare a meno, da queste parti. «Ricordo benissimo l’ultima volta che l’ho mangiato, caldo, da Greggs, dopo un comizio che ero andato a fare di recente a Leeds», ha detto il primo ministro ai giornalisti. «E magari», ha aggiunto in tono di sfida, «ora andrete pure a controllare se è vero». I giornalisti sono andati a controllare. Ed è risultato che Greggs, catena di ristoranti specializzata nel suddetto pasticcio, a Leeds ha chiuso nel 2007. Bè, poteva trattarsi di un altro ristorante? No, perché nella zona in cui Cameron si trovò non esistono altri ristoranti che servano il “Cornish pasty”. Forse, ha provato a obiettare a quel punto un portavoce di Downing street, non si trattava di Leeds, magari il primo ministro si è confuso, ne fa tanti di viaggi e di comizi. Ma ormai il danno, anzi il pasticcio, era fatto. Ieri tutti i media del regno non parlavano d’altro che del pasticcio della Cornovaglia. Ed Miliband, leader dell’opposizione laburista, ha invitato un gruppo di deputati del suo partito in un caffè di Londra e indovinate cosa hanno ordinato, ridendo a crepapelle fra un boccone e l’altro? Il pasticcio della Cornovaglia. Dai titoloni dei tabloid, inclusi quelli filo-conservatori, ai vignettisti, è un coro di feroci sarcasmi. Qualcuno, parafrasando Maria Antonietta al tempo della rivoluzione francese, mette in bocca a Cameron questa battuta, rivolta a disoccupati e pensionati: «Il popolo ha fame? Che mangi il pasticcio».
Insomma, un disastro. Perché dà  l’impressione che l’operazione di spostare i Tories al centro (analoga a quanto fece Blair con il Labour un decennio or sono), grazie alla quale Cameron è andato al potere, fosse puramente cosmetica: sotto la maschera rinnovata ci sono i soliti conservatori, il partito dei ricchi, di gente che ha studiato a Eton e Oxford (come Cameron), abituata a pasteggiare con caviale e champagne, non con una pinta di birra e un “Cornish pasty”. Due giorni fa, un sondaggio ha dato dieci punti di vantaggio al Labour sui Tories, 43 a 33 per cento. Non succedeva da tre anni. E il premier non si era ancora cacciato in un pasticcio.


Related Articles

Malia e Sasha, la nuova arma di Obama le due figlie in campo per la rielezione

Loading

Dopo essere state tenute lontane dai riflettori, le ragazze compaiono in un poster elettorale “per i diritti dell’America che lavora”   Michelle gode del 73% dei consensi “Più conosci la famiglia, più è difficile attaccarla” 

Un patto tra Obama e Putin “Ora spazzeremo via l’Is” I caccia francesi in Siria guidati dall’intelligence Usa

Loading

Prove di coalizione nel faccia a faccia in Turchia. La svolta del presidente americano: “Importante l’intervento militare russo”. E su Parigi: “Attacco al mondo civilizzato”

Se è tede­sco lo spazio ordoliberista

Loading

Centro decisionale. Il punto essenziale della riforma è la segmentazione «gerarchizzata» del mercato del lavoro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment