LA MARCIA DELLE DONNE PER VINCERE LA DISCRIMINAZIONE

Loading

Eppure, ancora non molto tempo fa per una giovane americana la pratica degli sport universitari era un sogno quasi irraggiungibile. Praticamente non c’erano finanziamenti per le squadre femminili, che il più delle volte dovevano accontentarsi di strutture scadenti e di uniformi di seconda mano.
Oggi le cose sono cambiate. Quarant’anni fa in ogni parte del Paese molte donne si mobilitarono contro chi negava loro l’accesso a questa o quella attività , e riuscirono a ottenere che il Congresso mettesse al bando le discriminazioni di genere nelle nostre scuole pubbliche. Il «Titolo IX» è il risultato dei loro sforzi. Questa settimana abbiamo celebrato il 40° anniversario di quella legge, che da quarant’anni assicura la parità  agli alunni e studenti dei due sessi, all’interno e fuori dalle aule.
Ho ricordato questa pietra miliare il mese scorso, quando ho consegnato a Pat Summitt la «Presidential Medal of Freedom» (medaglia presidenziale della libertà ). All’inizio della sua attività  di allenatrice di basket, Pat lavava le uniformi delle ragazze nella lavatrice di casa sua e guidava personalmente il furgoncino della squadra quando c’era da giocare fuori sede. Una volta le ragazze dovettero accamparsi nella palestra delle avversarie, perché non c’era di che pagare un albergo. Eppure hanno tenuto la testa alta e la mente lucida nel gioco. In 38 anni di attività  all’università  del Tennessee Pat vinto ben otto campionati nazionali e più di mille partite: un record tra gli allenatori di squadre universitarie, sia maschili che femminili. Ma la cosa più importante è che tutte le ragazze provenienti dalle sue squadre si sono laureate, o stanno per laurearsi.
Oggi, in buon parte anche grazie alla determinazione e alla fiducia in se stesse conquistate attraverso la pratica di uno sport competitivo, così come all’etica del lavoro appresa nel gioco di squadra, le sportive hanno oltre tutto maggiori probabilità  di ottenere risultati eccellenti anche negli studi. Di fatto, le ragazze che conseguono un titolo di studio universitario sono oggi più numerose dei loro colleghi maschi. E’ un grande risultato, non soltanto in relazione a un dato tipo di sport o a una data università ; e non è solo un successo per le donne, ma per l’America. Un risultato da ascrivere al «Titolo XI», alla legge sulla parità .
Non dimentichiamo che questa norma non si riferisce solo allo sport ma abolisce le discriminazioni in senso più generale, ad esempio per quanto riguarda l’insegnamento di determinate materie, come la matematica o le scienze; e prevede inoltre misure contro le aggressioni sessuali nei campus, nonché un adeguato finanziamento delle attività  sportive. In altri termini, questa norma garantisce la parità  tra i giovani dei due sessi in tutti i gli ambiti della formazione. È un trampolino per il successo. Ed è in parte grazie a leggi come questa che sono sempre più numerose le giovani laureate in grado di affermarsi in ogni campo, ad esempio nell’ingegneria o in varie discipline tecnologiche. Ho già  detto, e ribadisco con convinzione che saranno loro a forgiare il futuro di questo Paese. Quanto più numerose saranno le donne capaci e determinate che entreranno nei nostri consigli d’amministrazione, nelle aule dei tribunali, negli ospedali, nelle sedi politiche e legislative, tanto maggiore sarà  la forza degli Stati Uniti d’America.
Questo risultato, lo abbiamo fin d’ora davanti agli occhi. Non solo le donne siedono intorno ai tavoli, ma spesso dirigono le riunioni e stabiliscono le condizioni per arrivare al successo. È anche grazie al «Titolo IX» che oggi molte donne sono alla testa di progetti innovativi di ricerca scientifica, guidano aziende dinamiche, governano Stati, e naturalmente allenano squadre universitarie. Ed è grazie a loro che le ragazze si sentono dire sempre più raramente: «Questo, tu non lo puoi fare». E più numerose sono le voci che le esortano: «You can». Siamo dunque a buon punto; ma c’è ancora molto spazio per andare avanti. Vi sono sempre nuove barriere da abbattere. Come presidente, farò la mia parte per preservare la forza e la vitalità  al «Titolo IX» e far sì che le scuole rimangano porte aperte alle opportunità  per tutti i giovani; e come padre, farò quanto occorre affinché in questo Paese chiunque si impegna, indipendentemente dal genere, dall’aspetto e dall’origine, possa arrivare al successo.
(Questo articolo del presidente americano, scritto per Newsweek, è stato diffuso dalla Casa Bianca. Traduzione di Elisabetta Horvat)


Related Articles

La sfida del Sultano ai leader d’Europa divisi

Loading

L’ungherese Orbán è il portavoce dell’Est che non vuole sentire parlare di obblighi di asilo Roma teme che il traffico degli irregolari si sposti su altre strade ma sempre verso di noi

Monsieur Hol­lande à la guerre

Loading

La Francia interviene nei cieli siriani, prima aerei di ricognizione, poi attacchi. E’ una svolta. Svolta anche sui rifugiati: sfidando i sondaggi, tutti contrari, Hollande annuncia l’accoglienza di 24mila profughi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment