E tra slogan e applausi dei turisti gli operai Alcoa sbarcano a Roma

Loading

ROMA — Sono sbarcati ieri mattina a Civitavecchia e dal pomeriggio stanno manifestando davanti al ministero dello Sviluppo Economico i lavoratori dell’Alcoa di Portovesme. E rimarranno lì anche oggi in attesa del vertice che dovrà  decidere le sorti del loro stabilimento. Una lunga marcia verso Roma (il viaggio in traghetto da Cagliari è stato offerto dalla compagnia di navigazione) che i 56 dipendenti della fabbrica di alluminio, volevano percorrere a piedi per far conoscere alla gente il loro dramma. Dopo aver attraversato Civitavecchia, hanno imboccato l’Aurelia verso la capitale preceduti da uno striscione: «Lavoratori di Portovesme in lotta per l’occupazione ». Tanti i bagnanti che, lungo la strada, hanno espresso la loro solidarietà : «Non mollate, siamo con voi», gridavano i villeggianti. Strette di mano, applausi, molti bagnanti hanno raggiunto la strada per stringere la mano agli operai sardi o per offrire loro bevande e cibo. «La gente è con noi — hanno detto i sindacalisti — solo le istituzioni ci ignorano ». Alle porte di Santa Marinella, località  balneare a nord di Roma, però, i lavoratori sono stati fatti salire su un pullman: la polizia riteneva pericoloso camminare su una grande arteria come l’Aurelia. E, nel primo pomeriggio, i dipendenti dell’Alcoa sono arrivati a piazza Barberini e da qui, dopo un breve sit-in al grido «Lavoro, sviluppo, occupazione », hanno raggiunto a piedi l’ultima tappa del loro lungo viaggio, il ministero di via Veneto dove oggi è previsto l’incontro sul futuro dell’impianto Alcoa. «È inammissibile che il governo e le istituzioni locali siano arrivate a fine agosto prima prendere un’iniziativa per evitare la chiusura dell’unica fabbrica italiana d’alluminio prevista per il 3 settembre — ha spiegato Rino Barca della Cisl — Chiediamo all’esecutivo di raggiungere un accordo con la multinazionale ci si dice interessata a rilevare la fabbrica entro le prossime 48 ore».


Related Articles

Il Lingotto punta sugli sgravi all’export ma la carta coperta è la cassa in deroga

Loading

IL DOSSIER. La crisi delle quattro ruote Fiat chiede le condizioni per produrre in Italia le auto da vendere negli Usa

Ma esiste davvero la lettera di Bce?

Loading

MANOVRA. Il contenuto della manovra del 12 agosto è ormai conosciuto: l’onere dei 45,5 miliardi di sacrifici spalmati nel biennio 2012-2013, per raggiungere il famigerato pareggio di bilancio, graverà  direttamente o indirettamente sulle tasche dei cittadini.

Licenziamenti, avanti tutta: Draghi con Confindustria boccia il compromesso Orlando

Loading

Cancellato il compromesso sull’allungamento al 28 agosto voluto dal ministro Orlando. A 4 giorni dal consiglio dei ministri, le pressioni della destra producono la retromarcia sul testo. Nota serale di palazzo Chigi annuncia la gratuità della cig fino a fine anno per le imprese che non licenziano. Il Pd abbozza: confermata la nostra impostazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment