Fermo l’indotto Alcoa, operai del Sulcis senza cassa integrazione

Loading

I 500 sono i «dimenticati» della vertenza Alcoa: lavoravano nelle imprese esterne, il 31 dicembre la fabbrica è stata chiusa. I dipendenti della multinazionale americana — anche loro 500 — sperano ancora in una (assai poco probabile) ripresa delle trattative per la vendita dello stabilimento. «Ma loro almeno hanno la cassa integrazione — protesta Manolo Mureddu, portavoce degli operai — possono sperare di tirare avanti in attesa di una soluzione. A noi niente, neanche un sussidio. Attenzione: siamo pronti a tutto». Il cunicolo è angusto, ad altezza d’uomo, l’umidità  fa grondare le pareti, gli operai si stringono l’un altro per ripararsi dal gelo.
Un segnale di rabbia e sconforto ormai fuori controllo è arrivato poche ore dopo l’occupazione del cunicolo. Sempre a Serbariu, Serafino Biffa, uno dei 500, si è arrampicato martedì su una torre ridotta a un ammasso di ruggine. Voleva buttarsi giù: «Non ho più un euro per far mangiare i miei figli». I compagni sono riusciti ad afferrarlo, lui ha avuto una crisi cardiaca ed è stato ricoverato all’ospedale. Dimesso dopo qualche giorno, è subito ritornato all’ingresso delle gallerie: «Lottiamo per il pane e la dignità . Non possiamo arrenderci».
Per la cassa integrazione uno spiraglio potrebbe aprirsi mercoledì, a Roma ci sarà  una riunione al ministero dello Sviluppo economico e si discuterà  del «piano Sulcis», un pacchetto di progetti e risorse per più di 500 milioni di euro (fondi statali, regionali e Unione Europea) da destinare a interventi infrastrutturali (strade, porti, recupero ambientale) nel Sulcis Iglesiente, la provincia più povera d’Italia. Ma molti progetti sono ancora in una fase di preparazione, è difficile che gli interventi possano partire subito e per la cassa integrazione il via libera dovrà  venire dal ministero del lavoro, che ha tagliato di 40 milioni i fondi destinati alla Sardegna per la cassa integrazione in deroga. Avrebbero dovuto essere utilizzati per coprire gli ultimi mesi del 2012; per quest’anno, ancora nessuna certezza.
«Una soluzione devono trovarla — afferma ancora Mureddu — lo hanno assicurato i ministri Passera e Barca quando sono venuti proprio qui a Serbariu a novembre, così come è stata trovata per la Vynils di Porto Torres, per altre aree di crisi e per i nostri colleghi dell’Alcoa. Noi lavoravamo accanto a loro nella fabbrica. Perché dobbiamo essere trattati diversamente?».
L’Alcoa è ferma da due settimane, dentro sono rimasti una trentina di operai per guardiania e operazioni di sicurezza, le imprese esterne sono una decina, lavoravano tutte esclusivamente per l’Alcoa: «Se non ci sono prospettive — Mureddu riferisce i propositi dei titolari — ci hanno già  detto che licenzieranno tutti».
Alberto Pinna


Related Articles

Obbligati a tutelare la città 

Loading

Il gip Todisco: chi gestisce il siderurgico ha continuato nell’attività  inquinante calpestando le più elementari regole della sicurezza La Procura «Gravissima emergenza: i nostri morti non sono di serie B» Un’inchiesta senza precedenti. Si estenderà  anche ad altre industrie inquinanti: Cementir, Agip, Eni e poi a Brindisi

Maya e Enel, tentativo di dialogo

Loading

Il documento arriva dal Guatemala ed è firmato dalle «municipalità  indigene e autorità  ancestrali» della zona di San Juan Cotzal, nella regione montagnosa del Quiché. Porta la data del 31 giugno: presenta le proposte delle comunità  native maya-ixil all’azienda italiana Enel.

Articolo 18. Una norma nata per caso che ha resistito 45 anni

Loading

L’estensione della norma decisa in Senato dopo gli scioperi del ‘69

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment