La disoccupazione giovanile supera il 40 per cento. E’ record

Loading

Roma – Sale la disoccupazione giovanile. Come riporta l’Istat, infatti, con riferimento al mese di agosto “tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 667 mila e rappresentano l’11,1% della popolazione in questa fascia d’eta’. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l’incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, e’ pari al 40,1%, in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,5 punti nel confronto tendenziale”.

 Ad agosto 2013 gli occupati “sono 22 milioni 498 mila, sostanzialmente invariati rispetto al mese precedente e in diminuzione dell’1,5% su base annua (-347 mila)”. Il tasso di occupazione, pari al 55,8%, “rimane invariato in termini congiunturali e diminuisce di 0,8 punti percentuali rispetto a dodici mesi prima”. Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 127 mila, “aumenta dell’1,4% rispetto al mese precedente (+42 mila) e del 14,5% su base annua (+395 mila). Il tasso di disoccupazione si attesta al 12,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,5 punti nei dodici mesi. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 667 mila e rappresentano l’11,1% della popolazione in questa fascia d’eta’. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l’incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, e’ pari al 40,1%, in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,5 punti nel confronto tendenziale”.

Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni “diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente (-42 mila unita’) e dello 0,8% rispetto a dodici mesi prima (-113 mila). Il tasso di inattivita’ si attesta al 36,3%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,2 punti su base annua”. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Via al decreto sull’Imu prima casa Ma rischio-rincaro per gli acconti

Loading

Zanonato: nella legge di Stabilità la deducibilità per le imprese

L’Europa apprezza la legge che non c’è

Loading

La commissione scalpita contro l’articolo 18. «Lo slancio della riforma del mercato del lavoro del governo italiano deve essere mantenuto anche in parlamento, che è responsabile della sua rapida adozione», avverte il commissario europeo al Lavoro, Laszlo Andor

Italia penultima per spesa in istruzione

Loading

Ocse. Il nostro Paese destina all’Education l’8% delle sue risorse, peggio solo la Grecia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment