Torino, residenza virtuale per l’assistenza ai profughi

Loading

Ieri il consiglio comunale ha approvato la delibera che crea un nuovo indirizzo “fittizio”: via della Casa Comunale 3. Civico dove potrà prendere la residenza chi ha un permesso di soggiorno per motivi di protezione internazionale o umanitaria, così da accedere a servizi essenziali, come l’assistenza sanitaria.
I profughi, più di 500 quelli che si trovano a Torino, 400 dei quali occupano le palazzine dell’ex villaggio olimpico, potranno mandare i figli a scuola, iscriversi a corsi di formazione, firmare contratti di lavoro. Diritti negati senza certificato di residenza.
Il centrodestra si è incatenato in aula per protestare contro la delibera e contro le possibili “discriminazioni” tra rifugiati e italiani nelle graduatorie per le case popolari. Questione poi risolta grazie all’intervento di Fassino e all’approvazione di un emendamento che chiede alla Regione la parità di accesso.
«La residenza virtuale è un atto di civiltà e di buon senso — sottolinea Fassino — con questo atto si evitano discriminazioni nei confronti dei rifugiati politici e si fa in modo che da parte degli italiani non ci sia una percezione di ingiustizia. Riusciremo a gestire meglio la situazione. È sconcertante, però, che la gestione dei rifugiati sia stata scaricata sugli enti locali con strumenti inadeguati e risorse insufficienti da parte di tutti i governi».


Related Articles

L’operaio al lavoro col cartello ‘negro’ imprenditore condannato per razzismo

Loading

L'operaio al lavoro col cartello'negro' imprenditore condannato per razzismo

A Segrate un italiano di 38 anni condannato a due anni e mezzo per i maltrattamenti e gli insulti nei confronti di un cingalese 47enne. Il giudice: “La deriva verso l’inciviltà  non deve fare proseliti”

I pacifisti: «Fermiamo il commercio di armi»

Loading

Tornano in piazza le bandiere arcobaleno per un presidio sotto Montecitorio contro tutte le guerre ma in particolare contro l’intervento

Andrea ucciso dal Tso “Strozzato dai vigili che lo portavano via”

Loading

Torino, doveva essere condotto in ospedale a curarsi Testimoni accusano: preso per il collo finché è caduto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment