La Grecia sotto tutela «comanda» l’Unione

Loading

In un’Atene con il cen­tro blin­dato, con la cir­co­la­zione bloc­cata, l’Unione euro­pea ha cele­brato ieri in un edi­fi­cio tutto nuovo l’inizio del seme­stre di pre­si­denza  del Con­si­glio euro­peo da parte della Gre­cia, paese sotto tutela della troika. Una situa­zione sim­bo­lica, con gli alti papa­veri della Ue pro­tetti da cor­doni di poli­zia, per paura delle rea­zioni dei cit­ta­dini: “pre­si­denza, povertà, memo­ran­dum”, ha tito­lato un quo­ti­diano, con la vera agenda di un seme­stre di pre­si­denza dimez­zato – sarà in effetti di tre mesi, visto che a mag­gio ci sono le ele­zioni euro­pee, che rimet­te­ranno tutto in gioco – che sarà fatta di disoc­cu­pa­zione, dif­fi­cile uscita dalla reces­sione e incer­tezza sul futuro. Ale­xis Tsi­pras, di Syriza, ha rifiu­tato di par­te­ci­pare alla ceri­mo­nia, per pro­te­stare con­tro l’austerità impo­sta ad Atene ormai da sei anni e che ha por­tato a un calo del pil del 25% e una caduta del red­dito medio del 30%, con una disoc­cu­pa­zione che rimane tra le più ele­vate in Europa. Ma la Ue mostra sod­di­sfa­zione, visto che le pre­vi­sioni par­lano di una “ripresa” dello 0,6% in Gre­cia per il 2014. La Gre­cia spen­derà poco per la pre­si­denza – 50 milioni di euro (a titolo di para­gone, nel 2008, il seme­stre era costato alla Fran­cia 170 milioni). Per rispar­miare, tutte le riu­nioni di mini­stri avranno luogo ad Atene e il sot­to­se­gre­ta­rio agli affari euro­pei, Dimi­tri Kour­kou­las, ha tenuto a pre­ci­sare che la pre­si­denza sarà “sotto il segno dell’austerità”.

Il primo mini­stro greco, Anto­nis Sama­ras, spera che la Gre­cia diventi “un paese come gli altri” gra­zie a que­sta pre­si­denza, che non evi­terà pero’ nuovi dik­tat della troika (Ue, Bce e Fmi), che a metà gen­naio sbar­cherà di nuovo ad Atene, per deci­dere se ci sarà biso­gno di un terzo piano di aiuti. La pre­vi­sta visita di una dele­ga­zione del par­la­mento euro­peo que­sta set­ti­mana, desti­nata ad inda­gare sull’attività della troika, è stata riman­data sine die. Mal­grado il titolo sim­bo­lico di “pre­si­denza del Con­si­glio seme­strale”, il rischio di default della Gre­cia non è escluso: a metà anno, il paese man­cherà di finan­zia­menti, dovrà tro­vare 11 miliardi di euro per non fare fal­li­mento. Sulla Gre­cia pesa il debito, che è salito al 175% del pil e i pre­stiti che ha otte­nuto a caro prezzo sociale, 260 miliardi dal 2010, da rim­bor­sare (mal­grado la can­cel­la­zione di 107 miliardi di debito di inve­sti­tori pri­vati, vale a dire la più grande ristrut­tu­ra­zione della sto­ria). Ad aprile sono pre­vi­ste discus­sioni sul debito. Il mini­stro delle finanze, Yan­nis Stur­na­ras, esclude un hair cut, men­tre spera di poter otte­nere tempi più lun­ghi per rim­bor­sare, a tassi di inte­resse meno elevati.

La Gre­cia punta sulla pre­si­denza per miglio­rare la pro­pria posi­zione di paria d’Europa, il paese che ha rischiato l’esclusione dall’euro. Il mini­stro degli esteri, Evan­ge­los Veni­ze­los, ha assi­cu­rato che la Gre­cia assi­cu­rerà la pre­si­denza con “un senso acuto delle pro­prie respon­sa­bi­lità”. Veni­ze­los intende met­tere l’accento soprat­tutto sul patto per la cre­scita, in par­ti­co­lare sull’occupazione gio­va­nile (i miseri 6 miliardi stan­ziati l’anno scorso) e sull’Unione ban­ca­ria. Atene insi­ste anche sui tassi di inte­resse, che, mal­grado la dimi­nu­zione dello spread di que­sti giorni, restano per la Gre­cia più del dop­pio di quelli tede­schi. Infine, la pre­si­denza greca, che su que­sto fronte sarà seguita dall’Italia che suc­ce­derà ad Atene nella rota­zione seme­strale alla testa del Con­si­glio, si inte­res­serà in par­ti­co­lare alla gestione dei flussi migra­tori, in un’Europa dove la repres­sione resta il solo abbozzo di poli­tica comune (Fron­tex e Euro­sur), senza pro­getti né soli­da­rietà di fronte al dramma degli sbarchi.

Le ele­zioni euro­pee avranno luogo (tra il 22 e il 25 mag­gio), durante la pre­si­denza greca. E la minac­cia di un grosso risul­tato di Alba Dorata in Gre­cia, dove avranno con­tem­po­ra­nea­mente luogo anche le muni­ci­pali, getta un’ombra pesante non solo su Atene, ma su tutta l’Europa, in preda alla delu­sione e al rigetto dell’Unione euro­pea, che rischia di tra­dursi un po’ dap­per­tutto nelle urne con un’impennata dell’estrema destra.


Related Articles

L’iniezione che serve a Pechino

Loading

Cina. Liquidità? No, socialismo. Per far ripartire il Paese bisognerebbe seguire il programma di Jeremy Corbyn, che auspica un «Q.E. for the people»

Perché Chavez?

Loading

Domenica il Venezuela torna alle urne per concedere o meno un nuovo mandato al presidente più calunniato del mondo. Ma il leader della rivoluzione bolivariana andrebbe giudicato per le azioni: aveva promesso che avrebbe lavorato a favore dei più poveri e così ha fatto

Kingston fulmini la regina

Loading

Domani, cinquanta anni fa, il popolo giamaicano ammainava l’Union Jack britannica e issava sui tetti di Kingston la bandiera gialla, verde e nera dell’indipendenza.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment