L’Inps vede rosso, perdite per 12 miliardi

Loading

ROMA — Conti in rosso per 14,4 miliardi nel 2013 e 12 miliardi nel 2014. Ma il 43% in meno di nuove pensioni erogate lo scorso anno e un altro 8% in meno quest’anno. Due aspetti della stessa medaglia: lo stato di salute dell’Inps e dei pensionati. Da una parte l’Istituto paga ancora la fusione con Inpdap ed Enpals, di qui i buchi. Dall’altro, la riforma Fornero è entrata a pieno regime e sempre più lavoratori devono rimandare la quiescenza. Entrambi i fattori – uniti allo stanziamento contabile operato dalla legge di Stabilità pari a 25,2 miliardi – serviranno a mantenere in attivo il patrimonio che nel 2014 avrà però ancora il segno meno (-4,5 miliardi).
«Il sistema previdenziale è perfettamente in equilibrio», ha assicurato ieri l’Inps, commentando i dati del bilancio del 2013 e quello di previsione del 2014, pubblicato in anteprima da Repubblica. it.
Ovvero gli ultimi documenti contabili firmati dal presidente Mastrapasqua che ieri si è dimesso anche dalla vicepresidenza di Equitalia, da Coni Servizi e da Idea Fimit. Per la successione a Mister 25 Poltrone, ieri il governo considerava l’opzione commissario («È una valutazione che stiamo facendo, ma aspettiamo che torni il presidente del Consiglio», chiosava il ministro del Lavoro Giovannini). Ma in queste ore avanza spedita la candidatura di Mauro Marè, 54 anni, docente di economia e presidente dal 2004 di Mefop Spa, una società partecipata dal ministero dell’Economia e da ottanta fondi pensione, fondata nel 1999 proprio per lo sviluppo del “Mercato dei fondi pensione”. Il professor Marè è considerato un uomo vicino alla sinistra (collaboratore di fiducia di Giuliano Amato con cui ha scritto due libri nel 2001 e nel 2007 proprio sulle pensioni e sul pilastro integrativo). Ma che non dispiace alla destra, visto che nel passato ha collaborato anche con Tremonti.
Ieri dunque una nota dell’Inps ha stemperato l’allarme sul rosso nei conti e il rischio ammanco nel patrimonio. Specificando che «il miglioramento di oltre 25 miliardi (quelli stanziati dalla legge di Stabilità, ndr) della situazione patrimoniale sarà rilevato in occasione della prima nota di variazione al bilancio preventivo 2014». Dunque il previsto “buco” da 4 miliardi e mezzo in realtà diventerà un attivo di oltre 20,6 miliardi. La situazione contabile non è comunque tra le più floride, causa crisi e calo della contribuzione, visto anche lo stop alle assunzioni nel settore pubblico e i posti persi per ristrutturazioni e licenziamenti. La stretta Fornero – con requisiti più alti per l’uscita – dà una mano, certo. Gli assegni liquidati sono passati da 1,14 milioni nel 2012 a 649 mila nel 2013 (-43%) e caleranno ancora quest’anno a 597 mila (-8,2%). Senza dimenticare però che la questione esodati (senza lavoro né pensione) non è ancora del tutto risolta. Per quanto riguarda il contributo dei vari fondi, ancora una volta si conferma il paradosso per cui il fondo dei precari (in attivo per 96 miliardi) e quello alimentato dai contributi per ma-lattia, maternità, disoccupazione (in attivo per 179 miliardi) mantengono a galla tutti gli altri (fondo dei lavoratori dipendenti in rosso per 119 miliardi, fondo dei coltivatori diretti -80 miliardi, fondo artigiani -48 miliardi).


Related Articles

La Germania “La Grecia ce la farà “

Loading

Parla il ministro tedesco delle Finanze. Dopodomani la visita della cancelliera a Roma “Ho fiducia nella Grecia I piani di austerità  non creano recessione” Schaeuble: Monti speranza per Italia ed Europa  Le riforme chieste ad Atene sono meno della metà  di quelle accettate a suo tempo da sloveni, slovacchi ed estoni Non andare alle elezioni è stata una buona scelta. Il governo dei tecnici è premiato dai mercati. Mi ricorda Ciampi La Germania non ha né l’intenzione né la capacità  di dominare l’Europa. Più poteri alla Commissione Ue

Intesa Cgil, Cisl e Uil, il contagio delle larghe intese

Loading

Esodati e cig le priorità 

È aria di “larghe intese” anche dalle parti del sindacato. All’indomani dell’insediamento del governo Letta, Cgil, Cisl e Uil non perdono tempo, e “blindano” un accordo per incanalare su vie non troppo agitate il conflitto con l’esecutivo. D’altronde, Raffaele Bonanni è stato sempre, da tempi insospettabili, un campione del “governissimo” di unità  nazionale. 

Lo stato dell’economia

Loading

Intervista all’economista Mariana Mazzucato. In Italia si è rinunciato da tempo a definire un piano di rilancio del sistema industriale. Le partecipazioni statali e la gestione spesso corrotta dei fondi pubblici ha condizionato, anche a sinistra, il dibattito sull’utilità dell’intervento pubblico a sostegno dell’industria

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment