Axe­los (Syriza): «Tsipras è stato troppo idealista»

Axe­los (Syriza): «Tsipras è stato troppo idealista»

Loading

«Se c’è un’accusa da fare al governo è quella dell’ingenuità idea­li­sta. Sono andati a nego­ziare con l’Europa di Schau­ble come se fosse l’Europa di Vol­taire. Senza nes­suna pre­pa­ra­zione, senza nes­sun pro­getto e senza pre­pa­rare l’opinione pub­blica greca e anche euro­pea alla durezza dello scon­tro. Prima delle ele­zioni dice­vano che i mer­cati avreb­bero bal­lato al nostro ritmo, dopo le ele­zioni l’accordo sem­brava sem­pre die­tro l’angolo. Erano del tutto impre­pa­rati, mal­grado gli avver­ti­menti. Que­sti sono errori gravi, che vanno sot­to­li­neati e denunciati».

Lou­kas Axe­los, edi­tore e scrit­tore, parla a il mani­fe­sto dopo essersi appena dimesso dalla Segre­te­ria Poli­tica di Syriza ma rima­nendo mem­bro del Comi­tato Cen­trale. Nell’ultima riu­nione fiume, si è schie­rato con la «Piat­ta­forma di Sini­stra» nel con­te­stare la solu­zione del Con­gresso straor­di­na­rio («Un con­gresso farsa che dovrà solo ret­ti­fi­care l’accordo con i cre­di­tori già pas­sato in Parlamento»).

Ma non è un seguace di Panayo­tis Lafa­za­nis. La sua cri­tica al governo non com­prende l’elaborazione di un’«alternativa» all’euro e si con­cen­tra prin­ci­pal­mente sul modo in cui Tsi­pras ha affron­tato la crisi. «Non sono per l’uscita dall’eurozona, anche se cono­sco bene le sue pato­lo­gie ori­gi­na­rie e la dege­ne­ra­zione che ne seguita. Syriza è nato ed è sem­pre stato un par­tito euro­pei­sta. Par­lare ora di ritorno alla dracma è fuori luogo. Il gruppo diri­gente doveva affron­tare il pro­blema dei nostri rap­porti con l’Europa molti anni fa, quando era chiaro che avremmo gover­nato. Non lo ha fatto e ora deve fare i salti mor­tali per giu­sti­fi­care la dura scon­fitta incassata».

Axe­los dirige la rivi­sta «Tetra­dia», roc­ca­forte della sini­stra «patriot­tica e inter­na­zio­na­li­sta» ma anche «pro­fon­da­mente euro­pei­sta» den­tro Syriza.

Ritiene che il governo e i popoli euro­pei che lo hanno soste­nuto abbiano perso una «bat­ta­glia importante».

È con­vinto che ora c’è un peri­colo di «tra­sfor­mi­smo» e imputa non Tsi­pras ma tutto il gruppo diri­gente che sta attorno a lui: «Sono i vec­chi euro­co­mu­ni­sti che ancora ragio­nano in ter­mini ideo­lo­gici. Una pic­cola mino­ranza del vec­chio Syriza del 4% che si com­porta come fosse il pro­prie­ta­rio del 37% otte­nuto a gennaio».

A loro Axe­los imputa anche la scarsa capa­cità rifor­ma­trice del governo: «Se si esclu­dono due o tre mini­stri, tutti gli altri sono del tutto inca­paci e inu­tili. Tsi­pras dovrebbe sosti­tuirli, si deve eman­ci­pare dai vec­chi padroni del par­tito e sacri­fi­care anche qual­che suo amico per­so­nale. Deve par­lare chiaro alla gente e recu­pe­rare la radi­ca­lità del pro­gramma di governo».

Dovrebbe anche «sfrut­tare l’enorme capa­cità di ela­bo­ra­zione teo­rica e pra­tica» della sinistra.

«Sono anni che tutti sot­to­pon­gono studi, pro­po­ste, ela­bo­ra­zioni ma nulla di tutto ciò è stato preso in con­si­de­ra­zione. Come se il governo di sini­stra non ne avesse biso­gno. Eccoli qua i risul­tati. Ed ecco per­ché mi sono dimesso».

Ultima domanda: alla luce dell’ultimo incon­tro del Comi­tato cen­trale, delle parole di Tsi­pras e quella degli altri diri­genti di Syriza, si può affer­mare che ormai il per­corso trac­ciato sem­bra quello che pro­cede verso una scis­sione? Axe­los ci pensa bene prima di rispon­dere: «Certo, se le cose non cam­biano den­tro il par­tito…» ammette sconsolato.



Related Articles

Bankitalia: “L’aumento Bpm si deve fare”

Loading

La Vigilanza esclude il rinvio, forse importo più basso. Voci di un’accelerazione Unicredit. Il vicepresidente lancia l’ipotesi di un passaggio al sistema duale per favorire nuovi soci 

La crisi frena lo shopping natalizio

Loading

Ogni italiano ha speso 48 euro in meno a picco abbigliamento e calzature. In rialzo solo gli acquisti di libri, cd e hi-tech I consumi. Coldiretti: spesi 2,3 miliardi in cibi e bevande per pranzi e cene delle feste, con un calo del 18% rispetto al 2010. Vestiti e scarpe in calo del 18%, mobili e elettrodomestici giù del 24%, mentre i giocattoli segnano un meno 3%. Secondo i dati delle associazioni dei consumatori la spesa media per famiglia si è attestata su 166 euro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment