Tornano lungo la Senna centinaia di tende da campeggio per i senza dim

Loading

Le hanno montate due associazioni (Medecins du monde e Les enfants de Don Quichotte), per sensibilizzare sulla condizione degli homeless: 10.000 a Parigi, 90mila in Francia

MILANO – Anche quest’anno a Parigi sono spuntate lungo la Senna le tende dei volontari di due associazioni (Medecins du monde e Les enfants de Don Quichotte), per sensibilizzare sulla condizione dei senza dimora. E, puntuale, si è riacceso il dibattito politico bipartisan, in vista dell’imminente corsa elettorale per la conquista dell’Eliseo. Alla promessa del candidato gollista Nicolas Sarkozy (“se verrò eletto nessuno sarà più costretto a dormire sul marciapiede”) ha risposto con una stoccata il numero uno dei socialisti, François Hollande: “Sarkozy ha ragione di scoprire che ci sono senza dimora che la notte dormono fuori. Allora mi domando cosa ha fatto dopo più di quattro anni e mezzo come ministro dell’Interno”. E la voce delle associazioni non si è fatta attendere: “Sarebbe interessante sapere quali misure propone Sarkozy e cosa conta di fare oggi, in qualità di ministro dell’Interno, per evitare che i senza dimora non siano cacciati e si trovino soluzioni durature”, ha dichiarato Graciela Robert di Medecins du monde, L’associazione ha lanciato anche una petizione online per creare rapidamente un numero sufficiente di posti letto duraturi e adatti ai bisogni reali delle persone che vivono in strada.


Related Articles

G8 Genova 2001, la credibilità perduta della polizia

Loading

Ai vari piani del Palazzo farebbero bene a rileggersi le sentenze e a prendere sul serio le ragionevoli considerazioni del pm Enrico Zucca, uno dei pochi funzionari dello Stato usciti a testa alta da queste penose vicende

Lamezia Terme, dieci buste con proiettili per Monti, Fornero politici e direttori di quotidiani nazionali

Loading

Dieci buste, ognuna con bossoli di vario calibro e un volantino contro la manovra zeppo di minacce contro il premier.

Il “don” antimafia e la sua setta. Un romanzo discutibile che fa discutere

Loading

“I Buoni” di Luca Rastello racconta di un’organizzazione di volontariato guidata da un prete di grande tempra e carisma, icona di una diversità morale che, dietro le quinte, è il suo rovescio. Un libro cattivo, soprattutto letterariamente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment