Ripresa più forte ma non da noi Lisbona, Moody’s taglia il rating

Loading

ROMA – La ripresa dell’economia mondiale prosegue. Ma in Italia viaggia al rallentatore: il Pil segna nel primo trimestre di quest’anno una crescita dell’1,1%, molto al di sotto della media del +3,2% nelle sette grandi economie del globo. Sono le stime dell’Ocse, nella valutazione che l’organizzazione dei paesi industrializzati effettua tra i due outlook semestrali (a novembre e maggio). Tante le incognite sulla ripresa: disoccupazione, tensioni in Nord Africa e rischi dei debiti sovrani. Proprio ieri è arrivata un’altra bocciatura sul Portogallo: dopo il taglio di metà  marzo, l’agenzia Moody’s ha nuovamente abbassato il rating sovrano. Per l’Italia, l’Ocse stima un prodotto interno lordo in crescita dell’1,1% nel primo trimestre del 2011 e dell’1,3% nel secondo. La stima per i paesi del G7 è rispettivamente del 3,2% e del 2,9%. La locomotiva d’Europa è sempre la Germania (+3,7% nel primo trimestre, +3,4% nel secondo). Negli Usa crescita del 3,1% e del 3,4%. Capitolo a parte per il Giappone che dovrà  affrontare gli effetti del terremoto. L’Ocse lo ha escluso dalla presentazione delle stime, ma ha calcolato che l’impatto negativo sul Pil potrebbe arrivare fino all’1,4%. Tra i fattori di instabilità  sulla ripresa c’è il Portogallo. Ieri Moody’s ha tagliato il rating sul debito sovrano e le grandi banche lusitane hanno annunciato che non compreranno bond. Il rendimento dei titoli decennali è salito oltre il 10% con un differenziale dai bund tedeschi (punto di riferimento del mercato) di oltre il 5%. Tensione sui cambi. Euro debole, a 1,416 sul dollaro. Bce e Fed preparano un aumento del costo del denaro. La Cina lo ha già  fatto: +0,25%, per scongiurare nuove bolle speculative.


Related Articles

I Ligresti voltano le spalle a Unipol

Loading

“Non rinunciamo a manleva e recesso”. Nuova offerta di Sator e Palladio  

Ministero buffo e i dati veri del Jobs Act

Loading

Jobs Act. Il problema di fondo non è solo algebrico, ma anche politico. In Italia si persevera nell’idea che le informazioni statistiche siano un giocattolo ad uso e consumo dei governi

Dalle start up alle semplificazioni In settimana il decreto sviluppo

Loading

 Ai precari paga media di 945 euro, 28% meno che ai lavoratori garantiti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment