Figli di detenuti: ogni anno 95-105 mila in Italia, 1 milione in Europa

Loading

ROMA – Bambinisenzasbarre, associazione no-profit, apre a Roma la Settimana di Sensibilizzazione Europea, promossa in collaborazione con Eurochips (di cui è membro per l’Italia), con la presentazione in anteprima assoluta dello studioricerca “Quando gli innocenti sono puniti: i figli di genitori detenuti. Un gruppo vulnerabile”. La ricerca, coordinata in Italia da Bambinisenzasbarre, finanziata dall’Unione Europea, è stata diretta dall’Istituto Danese per i Diritti Umani (Dihr), in collaborazione con Eurochips, l’Università  Statale Bicocca di Milano e con il Ministero della Giustizia, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria.

È il primo “libro bianco”, condotto dall’unità  d’Italia ad oggi, sul carcere e i bambini con genitori detenuti: ogni anno 95-105mila in Italia, circa 1 milione in Europa. Lo studio riporta la storia del sistema penitenziario del nostro Paese e fotografa il rapporto fra i minori, la detenzione dei loro genitori e l’amministrazione penitenziaria con testimonianze, analisi, dati esclusivi e grafici. I risultati, diffusi nella conferenza stampa di Roma del 26 maggio, verranno presentati a Bruxelles a parlamentari europei con le raccomandazioni per il legislatore in tema di diritti dei bambini, figli di genitori detenuti.

La conferenza stampa-dibattito vede la partecipazione di Giuliano Amato, Presidente del Comitato per le Celebrazioni dei 150 anni dell’unità  d’Italia, di Anna Finocchiaro, Presidente del gruppo Pd al Senato e membro Commissione Giustizia, di Sebastiano Ardita, Consigliere, Direzione Generale Detenuti e trattamento, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, Ministero di Giustizia, di Luigi Pagano, Provveditore dell’amministrazione penitenziaria della Lombardia, di Mauro Palma, Presidente della Commissione europea per la prevenzione alla tortura e membro del Comitato etico di Bambinisenzasbarre, di Luigi Manconi, Presidente dell’associazione A buon diritto. E’ stata invitata Mara Carfagna, Ministro per le Pari Opportunità . La pubblicazione di questo studio-ricerca sul carcere e i bambini italiani ed europei apre la Settimana di Sensibilizzazione, che si svolge dal 6 al 12 giugno, contemporaneamente nei 14 paesi membri del network, con eventi, conferenze, mostre e con la campagna di comunicazione “Parliamone!”.

Un appuntamento annuale in cui il problema della genitorialità  in carcere viene ampiamente dibattuto e presentato alla società  civile, come problema che coinvolge l’intera comunità  chiamata a tutelare i diritti della sua parte più debole, i bambini, gruppo vulnerabile con particolari bisogni, esposto a possibili disagi psico-affettivi e a rischio di grave esclusione sociale.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Dal primo settembre cancellato il superticket, una vera e propria tassa sulla salute

Loading

Introdotto nel 2011, l’abolizione è diventata legge il 23 dicembre scorso e vale circa 165 milioni di euro nel 2020

Trieste, i portuali rilanciano la protesta: «No all’obbligo per i sanitari»

Loading

In piazza, Puzzer riferisce ai colleghi l’incontro con Patuanelli: «Aspettiamo martedì». Il Coordinamento fatica ad accettare l’attesa, ma il leader assicura: «Non molleremo» E poi: «Abbiamo chiesto le scuse del governo per quello che è successo lunedì, a noi, a Trieste e a tutti gli italiani»

Quando i padri salvano i figli dall’incubo-crisi

Loading

Una ricerca della Banca d’Italia quantifica e spiega questa nuova forma di Welfare familiare In Italia l’ondata di licenziamenti che si è abbattuta sui giovani, in gran parte precari, non si è trasformata in tragedia sociale grazie all’apporto della famiglia di origine con la quale continuano a convivere: 2 milioni “protetti” dalla casa dei genitori. Ma ora anche questa rete di protezione comincia a erodersi. Da noi il tasso di occupazione tra i 25 e i 34 anni è crollato in sette anni dal 70 al 65%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment