Fincantieri ritira il piano industriale, stop agli esuberi

Loading

ROMA – «Se queste sono le richieste, allora ritiriamo il piano industriale». Sono passate da poco le 13 e Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, cede «per esorcizzare le tensioni», dice. Un applauso liberatorio esplode come un boato nel corteo dei duemila lavoratori arrivati a Roma da tutta Italia e bloccati a pochi metri dall’Arco di Costantino da decine di agenti in tenuta antisommossa. Il Colosseo sullo sfondo, il cellulare in mano per avvertire le famiglie, una Roma assolata nel ponte di festa. E un unico grido: «Lavoro, lavoro». Per ora, niente chiusure dei cantieri di Sestri Ponente e Castellammare di Stabia. Nessun ridimensionamento di Riva Trigoso. E, soprattutto, salvi i 2.551 posti di lavoro in esubero. Per ora.
«Il piano presentato nei giorni scorsi non era una novità  per nessuno», si difende Bono, spiegando le ragioni del ritiro. «Sono una persona che si assume le proprie responsabilità , ma con gli attacchi subiti da tutte le parti, da destra e sinistra, anche la mia forza viene meno». Il tavolo tra governo, azienda e sindacati dura una mezz’ora. Accanto a Bono, ci sono il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, Maurizio Landini della Fiom e i leader della Fim e della Uilm e anche Cgil, Cisl e Uil, oltre ai rappresentati di Confindustria e di sei dicasteri, dal Lavoro alla Difesa. Per motivi di sicurezza, con i capi di Stato stranieri giunti nella Capitale per il 2 giugno, la riunione si svolge all’Eur, nella sede distaccata del ministero di Romani, in viale Boston. Fuori c’è un gruppo di lavoratori campani, molti in cassa integrazione da un anno. «Se chiude Fincantieri muore Castellammare», si legge sui cartelli. Più in là , il corteo si muove verso il Colosseo. In testa il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, Pd. Ma anche quello di Casarza Ligure, Claudio Muzio, Pdl. E alcuni consiglieri regionali della Liguria, come Edoardo Rixi, della Lega.
«Il ritiro del piano è una grande soddisfazione, ma è solo il primo passo», commenta Giorgio Cremaschi, Fiom. Così, gli altri sindacati. «Aspettiamo di affrontare il rilancio del gruppo, ma intanto è stato rimosso un grosso ostacolo», dice Marta Vincenzi. «Il ritiro del piano ha lo scopo di restituire serenità , ma non esistono ricette miracolose», gela gli entusiasmi la Fincantieri che ribadisce come il piano non fosse «frutto di improvvisazione, ma di riflessione approfondita» delle condizioni del mercato. «Il ritiro era un passaggio obbligato, ma l’85% di ordini in meno su Fincantieri è un dato di fatto», gli fa eco il ministro Romani, che al termine della riunione, in mattinata, è sceso in strada e, megafono alla mano, ha annunciato agli operai campani l’esito del tavolo. «L’obiettivo è trovare nei prossimi mesi soluzioni condivise con livelli occupazionali adeguati», assicura. «E, comunque, anche senza soluzioni condivise non ci sarà  la chiusura di nessuno stabilimento». Il ministro chiede all’azienda «nuove soluzioni industriali», garantendo il sostegno per gli investimenti che si renderanno necessari, la proroga degli ammortizzatori sociali e la ricerca di risorse ulteriori dall’Unione europea. E conferma l’apertura di due tavoli regionali, in Campania e in Liguria.
Si infiamma, intanto, lo scontro politico. Da una parte il Pd che accusa il governo di aver sottovalutato la crisi di Fincantieri. Dall’altra il Pdl che con Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera, pretende una spiegazione dall’ad Bono. «Proprio alla vigilia delle elezioni ha proposto un piano del tutto provocatorio dal punto di vista sociale e adesso lo ritira. Una persona responsabile non lo avrebbe neanche avanzato».

 


Related Articles

Famiglie, il tesoretto è finito

Loading

Tagli alla bolletta del telefono, al carrello delle spesa, alla benzina. È la spending review di casa. Che intacca anche il salvadanaio Famiglie   

Articolo 8, Licenziamenti cosa cambia sul lavoro

Loading

La norma della discordia, i dubbi del Quirinale «Sostegno alla contrattazione collettiva di prossimità »

Reddito e condizioni economiche in Italia (2004-2005)

Loading

Indagine dell’ISTAT su un campione di 22.000 famiglie L’Istat rende disponibili i risultati dell’indagine campionaria “Reddito e condizioni di vita”,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment