Giovani, futuro è emigrare

Loading

Nel primo si descrive un popolo che vive di solo presente, «con uno scarso senso della storia e senza visione del futuro; al desiderio si è sostituita la voglia, alle passioni le emozioni, al progetto l’annuncio». «Manca una visione del futuro – sintetizza il presidente Giuseppe De Rita – in Europa i nostri giovani sono quelli che meno hanno intenzione di avviare una propria attività  autonoma (il 27,1% contro una media europea del 42,8%)». Una «crisi antropologica» che si ripercuote sull’economia («la quota di risorse destinate ai consumi aumenta più della quota destinata agli investimenti»), sulle relazioni e lo sviluppo psico-sociale («si allentano le responsabilità  familiari», e «prevale una comunicazione istantanea che fa leva sull’emotività , senza molti spazi di verifica»). Nel rapporto della Fondazione Migrantes, invece, si descrive un popolo che continua a dover emigrare. In particolare sono i giovani tra i 25 e i 34 anni che considerano (il 40%) «una sfortuna» vivere in Italia. «Il male sovrano, per i giovani italiani, è la precarietà  – recita il rapporto – Seguono, nell’ordine, la mancanza di senso civico (20,6%), l’eccessivo livello di corruzione (19,1%), la classe politica (15,2%), la condizione economica (8,6%), il tasso di criminalità  (3,9%) e lo stato del welfare (1,3%)».


Related Articles

L’orgoglio di essere italiani il Paese dei mille campanili riscopre il valore dell’unità 

Loading

Delusi dalla politica, nei momenti di crisi torna la coesione. Su LiMes in edicola martedì l’analisi della ricerca Demos per Intesa Sanpaolo. Metà  dei cittadini afferma di avere un legame forte con la sua nazione, oltre i localismi. La famiglia e il patrimonio artistico sono i punti di riferimento più saldi. Conquistano un posto nella classifica delle virtù la cucina e l’Inno di Mameli Uniti e divisi al tempo stesso.

Terra dei fuochi: quali sono i numeri giusti sui tumori in Campania?

Loading

Sorprendenti i dati presentati ieri sui tumori infantili in Campania, molto diversi da quelli rilevati dall’Istituto superiore di sanità

Ricercatori usa e getta: dopo il dottorato fuori nove su dieci

Loading

Università. Settima indagine annuale dell’associazione dottorandi italiani (Adi) dopo dieci anni di tagli: solo il 9,2% degli assegnisti di ricerca viene data la possibilità di arrivare a un contratto a un contratto indeterminato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment