Movida violenta, bufera su Alemanno e spuntano i giustizieri fai-da-te

Loading

ROMA – «Nella capitale la situazione è fuori controllo. Che fine ha fatto la sicurezza promessa dal sindaco Gianni Alemanno in campagna elettorale?». A puntare il dito contro l’emergenza movida violenta, dopo l’aggressione di un 29enne nel centro di Roma, sono i deputati Pd Giovanni Melandri e Jean Leonard Touadì. E a percepire la mancanza di legalità  sono gli stessi cittadini che, esasperati dagli schiamazzi notturni e dalle risse al tramonto del sole, hanno deciso di organizzarsi in gruppi di giustizieri fai-da-te.
Ronde per la sicurezza che, in alcuni casi, hanno preso la deriva di pericolosi raid a colpi di mazze da baseball e caschi, come avvenuto, sembrerebbe, in via Leonina. «Alla fine di aprile – racconta il presidente del III municipio di Roma, Dario Marcucci – mi sono arrivate numerose segnalazioni da parte di cittadini preoccupati per la presenza di gruppi che armati di mazze di legno rincorrevano spacciatori e suonatori di bonghi per le strade di San Lorenzo». Un rione, questo, pieno di locali per il popolo della notte. «Ho segnalato i raid alle forze dell’ordine che ormai presidiano il quartiere ogni sera – sottolinea il presidente Marcucci – il problema è dopo le due di notte qui diventa un far west e i residenti, esasperati dagli schiamazzi, cercano di farsi giustizia da soli».
A vigilare, comunque, ci sono gli agenti della Questura di Roma, che ogni giorno presidiano la città  e San Lorenzo. Eppure, nella notte tra martedì e mercoledì la città  è stata teatro di un altro episodio violento. Un 35enne ha raccontato infatti di essere sfuggito «ad un’aggressione omofoba da parte di alcuni giovani armati di bastone», sempre a Roma, all’uscita del Gay Village nel quartiere Eur. Ma il sindaco della capitale, Gianni Alemanno, replica duramente alle accuse. «Roma non è una città  insicura, basta guardare la riduzione del numero dei reati e fare un confronto con le altre capitali. C’è una cultura della violenza – prosegue Alemanno – che esiste in tutte le altre metropoli d’Europa. Ma mettere sul banco degli imputati la nostra amministrazione è solo un teorema politico». Il Campidoglio si costituirà  parte civile contro gli aggressori del giovane aggredito nel rione Monti.
L’opposizione, però, non accenna ad abbassare i toni. «Roma è in balia di se stessa, i cittadini cercano di farsi giustizia da soli» attacca il segretario romano del Pd, Marco Miccoli. «Il problema della sicurezza – aggiunge il vicepresidente del Senato Vannino Chiti, del Pd – non si può affrontare in maniera ideologica» o, sostiene il deputato dell’Udc Lorenzo Cesa, «solo con la propaganda». Ma il sottosegretario all’Interno, Alfredo Mantovano, replica: «Il patto per Roma sicura, sottoscritto nel 2008 con il Comune di Roma, la Provincia e la Regione Lazio, è stato il frutto non di propaganda, ma di una seria e condivisa assunzione di responsabilità ». Il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, si dice però «molto preoccupato per il riproporsi della violenza nella capitale».


Related Articles

Far West Napoli, esecuzione tra la folla

Loading

Assassinato dai killer un parente dei boss. Ferita una passante (La Repubblica, 31 ottobre 2006) La vittima faceva parte del

Tornano le manette in Aula contro lo svuota carceri

Loading

Tensione alla Camera. Passa la fiducia: 347 «sì», 200 «no»

Eter­nit, in attesa del processo bis governo e regione assenti in aula

Loading

Torino. I familiari delle vittime chiedono la vicinanza dello Stato. Il Gup deciderà sulla base della nuova accusa di omicidio volontario

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment