Italia, spread ai massimi e nei conti del Tesoro si apre un buco di 4 miliardi

Loading

ROMA – L’Italia torna nell’angolo. A tenerla sotto pressione, oltre alla instabilità  politica del governo Berlusconi, la tensione sui mercati e sulle Borse: ieri lo spread Btp-Bund ha raggiunto quota 338 mentre Piazza Affari ha lasciato sul terreno nell’ultima settimana il 5,28 per cento (ieri lo 0,67%). La preoccupazione cresce perché si calcola che la fiammata dei tassi d’interesse peserà  almeno 3,6 miliardi sul bilancio pubblico di quest’anno, mentre le stime del Pil si stanno riducendo.
A pochi giorni dall’appello lanciato da banche, imprese e sindacati sotto la parola d’ordine della «discontinuità » e dopo il varo della manovra da 48 miliardi, operatori e centri studi rifanno i conti. A far paura è la ripresa di settembre: il terzo trimestre, quello estivo, porterà  una bruttissima sorpresa. Se si avvereranno le stime del centro studi Ref tra luglio e settembre il Pil tornerà  con il segno «meno» (per la precisione -0,1 per cento). Un valore «negativo» che non si vedeva dalla seconda metà  del 2009, sull’effetto della crisi dei subprime e il fallimento di Lemman Brothers. Un effetto a “W”.
Ora la variabile che rischia di aprire una nuova posizione critica nei nostri conti è quella tassi d’interesse. Speculazione e attacchi ai Btp italiani hanno portato lo spread, cioè quanto lo Stato paga di più d’interesse sui Btp decennali rispetto ai Bund tedeschi, al 3,4 per cento. Autorevoli centri di ricerca hanno calcolato che, fin da quest’anno, facendo una stima prudenziale di un aumento medio del 2,5 per cento, considerando scadenze e rinnovi a lungo termine e a breve, il costo sarà  di 3,6 miliardi di euro, ovvero la spesa per il servizio del debito pubblico salirà  dai 72 miliardi stimati ai 75,6 miliardi. Come se la crisi si fosse mangiata il 7,5 per cento della manovra recentemente varata. O il triplo di quanto renderà  l’intervento sulle pensioni a regime nel 2014.
Tornando al quadro della crescita, che in queste ore gli analisti studiano, è piuttosto preoccupante: mentre per il 2011 il governo è ancora attestato ad un ottimistico 1,1 per cento, i centri studi italiani, più vicini alle dinamiche del paese, dopo la manovra, vedono nero: il citato Ref parla dello 0,7 per cento, Prometeia dello 0,9 e la Confindustria dice, che in assenza di riforme sul lato dell’offerta, il prossimo anno ci arresteremo allo 0,6 per cento.
Crescite assai fiacche se solo si pensa che quest’anno la locomotiva tedesca arriverà  al 3,5 per cento, la Francia al 2,2 e la media dell’Unione sarà  il doppio dell’Italia, 1,9 per cento. La Banca d’Italia continua a ricordare che dei 7 punti di Pil persi dall’estate del 2009 solo 2 sono stati recuperati. Troppo poco. Tanto più che, ha detto Via Nazionale, in una audizione di Ignazio Visco, nell’aprile scorso, ogni taglio di un punto di spesa pubblica significa mezzo punto di Pil in meno in due anni.
A condizionare l’economia c’è la manovra 2010, che morde su questo, e il recente intervento per il pareggio di bilancio al 2014. Entrambe le misure hanno bloccato gli stipendi degli statali, tagliato le spese a Regioni e Comuni costringendole ad aumentare tasse locali, ticket e tariffe. Dalla Tarsu, alle addizionali Irpef alla Rc auto. Le previsioni parlano di crescita zero nel prossimo biennio del reddito reale disponibile delle famiglie.


Related Articles

Professionisti, tre proposte per il governo

Loading

«Lavoro, fisco e ordini, così la nostra riforma». Domani il Professional day

Credito alle imprese, ecco le misure

Loading

Multe scontate a chi paga subito Il «pacchetto edilizia» con i vincoli sui centri storici. Interventi per l’agricoltura

Amartya Sen: la povertà  è la prima emergenza democratica

Loading

Il Festival dell’economia di Trento ha proposto nei giorni scorsi un’anteprima d’eccezione con la Lectio magistralis del Premio Nobel per l’economia Amartya Sen. L’economista ha così inaugurato la sesta edizione del Festival dell’Economia di Trento che in questi anni è diventato un appuntamento fisso per chiunque, semplice cittadino o addetto ai lavori, voglia capire come va il mondo (e forse quali sarebbero le vie per cambiarlo).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment