L’America di Obama? Per gli arabi è anche peggio di quella di George Bush

Loading

WASHINGTON— «Il nuovo inizio» tra gli Stati Uniti e il mondo arabo è, quanto meno, rimandato. Nelle terre inquiete del Medio Oriente la popolarità  dell’America di Barack Obama è più bassa rispetto agli anni di George W. Bush. È il risultato, spiazzante, di un sondaggio condotto dall’istituto di ricerca Zogby International per conto dell’Istituto Arabo Americano, lobby bipartisan che cura gli interessi della comunità  araba nei circuiti politici di Washington.
 L’indagine è stata condotta nelle ultime settimane, interpellando un campione di circa 4 mila cittadini in sei Paesi: Marocco, Egitto, Libano, Giordania, Arabia Saudita ed Emirati Arabi. Ebbene, la fabbrica del consenso obamiano pare funzionare solo in due Stati. Nel tormentato Libano, dove il tasso di popolarità  dell’attuale amministrazione Usa è cresciuto del 2%. E in Arabia Saudita, l’alleato più solido della regione, 17%in più. L’opinione pubblica di tutti gli altri Paesi boccia il leader della Casa Bianca. Non solo: a parte i sauditi, la maggioranza di tutti gli altri ritiene che «il contributo alla pace» americano nella regione sia addirittura inferiore a quello offerto dall’Iran. In particolare colpisce il dato egiziano. Il 95%degli intervistati si dichiara deluso dalla condotta politica degli Stati Uniti.
 Eppure proprio all’Università  del Cairo, il 4 giugno 2009, Obama aveva pronunciato un discorso dagli accenti kennedyani promettendo, appunto, «un nuovo inizio» nei rapporti tra America e musulmani, «basato sul mutuo interesse e sul mutuo rispetto» .
Gli studenti lo avevano applaudito con grande trasporto. E molti di loro sono stati i protagonisti della rivolta di Piazza Tahrir e della cacciata di Mubarak, partner fedele lautamente finanziato da Washington. Negli ultimi mesi i «nuovi» egiziani hanno cercato una sponda tra le democrazie europee e quella americana. Secondo il sondaggio, evidentemente, non l’hanno trovata. Più in generale, è l’intera politica estera della Casa Bianca a essere messa in discussione.
Negli ultimi 4-5 mesi Obama e il segretario di Stato Hillary Clinton hanno riposizionato gli Stati Uniti, mettendo alla porta gli antichi alleati (o interlocutori) travolti dalla «primavera» : Ben Alì in Tunisia, lo stesso Hosni Mubarak in Egitto, Muhammar Gheddafi in Libia e ora, notizia di ieri, il presidente siriano Bashar al-Assad.
Nel mese di maggio Obama aveva praticamente litigato in pubblico con il premier Benjamin Netanyahu, sostenendo che il suo Paese, Israele, si sarebbe dovuto ritirare entro i confini del 1967 per lasciare spazio allo Stato indi- pendente di Palestina. In parallelo il grande colpo: l’uccisione di Osama Bin-Laden. Ma la chiave di lettura degli arabi non è la stessa di quella largamente diffusa in Occidente. Per esempio la maggior parte dei cittadini scrutinati ritiene che il blitz anti Al-Qaeda sia stato «un’ostentazione di potere» più che una cosa positiva per il mondo musulmano, al di là  del giudizio negativo sul terrorismo fondamentalista. E così la questione palestinese, con «l’occupazione delle terre da parte israeliana» , resta per il 66%«un ostacolo ingombrante sul processo di pace» .
 Alla fine si torna sempre al punto di partenza. Obama in difficoltà  con gli arabi, ma, stando a un sondaggio Gallup, ora il presidente perde punti anche nella comunità  ebraica americana. «Tasso di approvazione» : dal 60%del mese scorso al 46%di questi giorni. Nel 2008, quando arrivò alla Casa Bianca, era pari al 78%.


Related Articles

Francia, il volto nuovo dei socialisti la scelta “antirazzista” di Hollande

Loading

Il segretario del partito sarà  Harlem Désir, padre della Martinica e madre alsaziana.  Uomo di apparato ed ex presidente di “Sos Racisme” prenderà  il posto di Martine Aubry 

Ascanio Celestini aderisce alla campagna di aiuti per il terremoto

Loading

Ascanio Celestini aderisce con un video alla Campagna per sostenere la Mezzaluna Rossa del Kurdistan (Heyva Sor) e le popolazioni colpite dal tremendo sisma che ha provocato decine di migliaia di vittime

TRA I DUE ESERCITI DIVISI DAL NILO

Loading

  IL CAIRO. IL VENERDI della “collera”, decretato dai Fratelli musulmani, è cominciato sul ponte 15 maggio, tra le due sponde del Nilo. È là che ci sono stati i primi morti, per quel che mi è capitato di vedere. Ingrossato dai fedeli usciti dalle moschee, dopo le preghiere del venerdì, il corteo islamista proveniente dai sobborghi nord orientali era diretto a piazza Ramses, nel cuore della capitale, dove era prevista una grande manifestazione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment