LUPI E AGNELLI

Loading

Ma da chi, destra e sinistra, capitale finanziario, produttivo e lavoro dovrebbero salvare un paese alla deriva? Dalla Grande Crisi, naturalmente, dalla mancata crescita, dal rischio di bancarotta. Anche la crisi è diventata una parola magica, addirittura neutrale. E la crescita, un dogma indiscutibile. La coesione invocata da troppi e per scopi opposti è un inganno.
La crisi non è il prodotto del destino ma di scellerate politiche liberiste, non colpisce tutti allo stesso modo ma scatena i suoi effetti devastanti sui più deboli. Pensare di uscirne con un’alleanza contro natura tra chi l’ha provocata e accompagnata e le sue vittime sarebbe una scelta suicida, foriera di un massacro sociale insostenibile.
La coesione necessaria, al contrario, è quella tra le forze sociali alle quali si vorrebbe nuovamente presentare il conto dei danni provocati dal maremoto liberista: giovani senza lavoro né reddito, dunque privati di autonomia e futuro; lavoratori ridotti a pedine del capitale, come d’autunno sugli alberi le foglie; precari già  caduti dall’albero, a cui ogni diritto è negato; cittadini generosamente disponibili a battersi in difesa del bene comune e del territorio, traditi da una politica cinica e autoritaria; pensionati logorati da una vita di lavoro e da quelle tasse che a troppi vengono risparmiate e condonate.
E’ sulla base di queste considerazioni che abbiamo accolto con sollievo la decisione del gruppo dirigente della Cgil, questa volta tempestiva, di indire per il 6 settembre uno sciopero generale contro la manovra classista del governo che colpisce in un’unica direzione e usa la crisi per regolare il conflitto di classe a favore dei più forti. E’ una scelta che lascia aperta una speranza e forse una sponda a chi ormai sente di aver perduto ogni rappresentanza politica e fatica a trovarne una sociale. E’ una scelta coraggiosa che segnala una possibile autonomia da un Pd che ha rotto un equilibrismo per schierarsi contro lo sciopero.
La proclamazione dello sciopero è una netta scelta di campo, potrebbe persino rappresentare un segnale di distensione all’interno della Cgil tra due linee differenti: da un lato chi aveva firmato l’accordo interconfederale Cisl, Uil e Confindustria su contratti e rappresentanza e a seguire un appello comune con banche e imprenditori presentato al governo. Dall’altro lato chi pensa che quei due passaggi abbiano segnato una perdita di autonomia della Cgil e aperto, al tempo stesso, la strada all’aggressione del trio Berlusconi-Tremonti-Sacconi ai diritti dei lavoratori, allo Statuto e alla Costituzione. Ora, esplicitate le opposte ricette anticrisi delle “parti sociali” – Emma Marcegaglia si lamenta per le troppe tasse pagate dai ricchi e si scatena contro le pensioni di anzianità  mentre approfitta a man bassa dei prepensionamenti – che senso avrebbe confermare quell’accordo tra lupi e agnelli, magari attraverso una consultazione dimezzata? Lo sciopero generale è una scelta coraggiosa e impegnativa, se chi lo ha indetto ci crede davvero non può contraddirlo rivendicando un’alleanza contro natura. Altri, da ben diverse sponde, attendono segnali di fumo di risposta dalla Cgil.


Related Articles

La crisi dell’hi-tech: Trony ne licenzia 500, Mediaworld li sposta

Loading

Oggi il tribunale di Milano decide se lasciare aperti 35 negozi. Colossi in sofferenza per la concorrenza di Amazon e del web

Carrefour, il voucher sotto l’albero di Natale

Loading

Commercio. Nel grande ipermercato di Marcon, vicino Mestre, la multinazionale francese ha deciso che le serrande dovranno restare alzate a Santo Stefano e a Capodanno. La Filcams invita a non fare la spesa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment