Ratzinger saluta i giovani Appuntamento in Brasile

Loading

MADRID — Il futuro è a Rio de Janeiro, i brasiliani esultano quando il Papa annuncia la prossima Gmg nel 2013, «spero di potervi incontrare fra due anni», solo due anziché tre perché nel 2014, in Brasile, ci sono i mondiali di calcio e tutto insieme sarebbe un po’ troppo. Ma il futuro, soprattutto, è la missione affidata ai ragazzi che dalla Veglia di sabato hanno passato la notte nella spianata di asfalto e fango («cari amici, vi ho pensato molto in queste ore in cui non ci siamo visti, spero abbiate potuto dormire un po’ e anche pregare!»), e ora assistono alla grande Messa finale con 750 vescovi e 14 mila preti: «Il mondo ha bisogno di Dio, ha bisogno della testimonianza della vostra fede negli ambienti più diversi, incluso dove vi è rifiuto o indifferenza, non è possibile incontrare Cristo e non farlo conoscere agli altri!», scandisce nell’omelia. Prima di esortare i giovani a «camminare con Cristo in comunione nella Chiesa», perché «non si può seguire Gesù da soli» e bisogna guardarsi dalla «tentazione» di «andare per conto proprio» o «vivere la fede secondo la mentalità  individualista che predomina nella società ».
Benedetto XVI ha l’aria felice, i ragazzi applaudono anche re Juan Carlos e la regina Sofia, i giornali
locali parlano della più grande riunione cattolica mai avvenuta in Spagna, ma anche in Europa l’unico parallelo è forse la Gmg di Roma 2000, la Messa a Tor Vergata. Ci sono due milioni di ragazzi, a Madrid, chi non ha potuto raggiungere l’aeroporto dei Cuatro Vientos ha seguito la messa dai maxischermi in città . Tra preghiere, balli e giochi, pigiati come sardine sul terreno duro e fradicio per l’acquazzone di sabato sera, infradiciati essi stessi, non è che in realtà  abbiano dormito poi tanto. Molesti, alle 7,30, «Buenas dias, Cuatro Vientos!», gli altoparlanti che ancora funzionavano — in alcuni settori non si sentiva nulla — hanno dato la sveglia a una distesa di facce assonnate e gioiose. Nonostante la stanchezza, nonostante il caldo (2.500 pellegrini assistiti per malore, un centinaio portati in ospedale), nonostante tutto. La generazione dei social network — qui la media era 22 anni — la notte aveva dato l’allarme via Facebook sulla mancanza di bottiglie d’acqua e ora, poco prima dell’arrivo del Papa, moltiplica su Twitter la delusione della giornata: «Mancano le ostie, non potremo fare la comunione…». Incidenti organizzativi: la pioggia ha abbattuto o infradiciato le tende che custodivano le particole consacrate, ieri mattina si è cercato di suddividere quelle che restavano ma solo una minoranza ha potuto fare l’eucarestia. Del resto sabato sera s’era bagnato pure il Papa («ma si è mostrato deciso a restare», ha spiegato padre Lombardi), il telone copriva poco o nulla ed è stato rimosso per sicurezza, una torretta è caduta ferendo 7 spagnoli.
Però bisognava sentirlo, di là  dai cori festosi, il silenzio intenso dei ragazzi nell’ascoltare il Pontefice o seguire la Messa. Il matrimonio, le vocazioni, la fede. Benedetto XVI aveva riassunto il senso della Gmg in una frase dal «Parmenide» di Platone: «Cerca la verità  mentre sei giovane perché, se non lo farai, poi ti scapperà  dalle mani». La «grazia di Cristo» fa «crollare i muri» ed «elimina le frontiere» che «il peccato innalza tra popoli e generazioni». Di qui l’invito a una «testimonianza audace» da «diffondere in ogni angolo del mondo» guardando «con fiducia» al futuro perché la Chiesa è «guidata dalla Provvidenza» e quindi «rimane giovane», ha concluso la sera dopo aver ringraziato i 40 mila volontari e prima di salire sull’aereo verso Roma: pregando tra l’altro «per gli sposi, le famiglie» e «coloro che non trovano lavoro». Il saluto al re («Maestà , il Papa si è sentito molto bene in Spagna») si è accompagnato ad un ultimo messaggio al Paese: «La Spagna è una grande nazione che, in una convivenza sanamente aperta, pluralistica e rispettosa, sa e può progredire senza rinunciare alla sua anima profondamente religiosa e cattolica».


Related Articles

Migranti, scontro a Bruxelles. Roma frena sui 3 miliardi per Ankara

Loading

L’Italia non ha ancora versato la sua quota di 300 milioni. Si profilano nuove tensioni con la Germania di Schäuble

Il vento di Parigi può cambiare le scelte europee

Loading

Oggi i cittadini francesi sono chiamati a scegliere non solo il loro presidente della Repubblica ma anche il profilo delle scelte che peseranno nella grande crisi della zona dell’euro. La vittoria del presidente uscente Sarkozy significherebbe probabilmente una tendenziale continuità  delle politiche economiche. Nel caso di vittoria di Hollande, invece, l’apertura di una fase nuova segnata da un più equilibrato rapporto tra linea di rigore e politiche per la crescita e gli investimenti.

Morti in carcere: quando lo Stato indaga su se stesso, secondo la CEDU

Loading

Quando una indagine sulla morte di una persona detenuta si può dire una “indagine giusta”? Quando lo “stato che indaga

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment