Guidava l’auto, «multata» con dieci colpi di frusta

Loading

Najla Haddad, capo della campagna Biladi (mio Paese) per il diritto al voto delle donne in Arabia, al telefono da Gedda commenta a caldo l’ultima notizia: la condanna a dieci frustate di una giovane donna, Shayma Ghassaniya, per aver guidato in luglio nel Regno. Una cosa mai successa nel solo Paese al mondo che proibisce alle sue cittadine di prendere il volante, nonostante non esistano leggi in proposito, solo un vago editto religioso e il rifiuto delle autorità  di rilasciare loro patenti. Una doccia fredda dopo l’annuncio di re Abdullah, domenica, che le saudite potranno votare e candidarsi alle amministrative nel 2015, concessione che la stessa Najla aveva salutato come un «primo passo» nonostante per molti (e molte) sia troppo poco e lontana nel tempo.

«Il giudice di Gedda che ha condannato Shayma alla frusta ha lanciato un chiaro messaggio: voi donne siete sempre sotto il nostro controllo, non illudetevi. Ma è inaccettabile, come lo è il fatto che altre due guidatrici, Najla Hariri e un’altra, rischino ora la stessa condanna», continua Haddad, per la quale poco cambia che Shayma sia ricorsa in appello e la pena per il momento non venga inflitta. Finora, come per gli uomini sorpresi a guidare senza patente, la polizia si limitava a multare le saudite che osavano sfidare il divieto, per altro tutte in possesso (come Shayma) di patente internazionale. Lo scorso 17 giugno erano state più di 200 a farlo: oltre alla multa, se fermate, avevano dovuto firmare un impegno a «non farlo mai più», i mariti (o padri) erano stati convocati in commissariato, qualcuna aveva passato un po’ di giorni in cella. Ma nessun caso era finito in tribunale. E le frustate, previste dalla sharia solo per delitti gravi, non erano state nemmeno immaginate, anche se accanto al fiorire di pagine Facebook delle attiviste, negli ultimi mesi altre ne sono state create dai (tanti) sostenitori delle punizioni corporali per mogli o sorelle dai comportamenti «indecenti», guida compresa.

Proprio su Facebook, Twitter e via sms, la rabbia ieri è esplosa in Arabia. Intanto Mohammad Al Qathani, capo dell’Associazione per i diritti civili, da Riad denunciava l’arresto di un’altra guidatrice e la repressione di una mini-protesta di donne davanti al ministero dell’Istruzione, pure questo un inedito o quasi. «Ma molte di noi, e io concordo, preferiscono non sfidare apertamente il governo, la forza serve poco in questo Paese — sostiene Haddad —. Il che non significa rassegnarsi, anzi: stiamo mandando una petizione a re Abdullah perché intervenga nel caso di Shayma e ne eviti altri, lavoriamo su una nuova campagna. E visto che il diritto al voto è previsto solo per il 2015 abbiamo chiesto al sovrano che parte dei consiglieri che spetterà  a lui nominare nei nuovi consigli comunali, già  nei prossimi giorni, siano donne. Stiamo aspettando la sua risposta».


Related Articles

Illibertà di stampa. La polizia antiterrorismo inglese ferma un giornalista

Loading

Il reporter di The GrayZone Kit Klarenberg detenuto e interrogato per ore all’aeroporto di Luton per le sue inchieste sulla guerra in Ucraina

La Waterloo morale ai confini, così gli Stati inseguono la sovranità perduta

Loading

Da un lato si chiede alla Grecia il rispetto dei trattati, dall’altro uno dei membri fondatori dell’Unione ne calpesta le regole sotto la pressione dell’estrema destra
Ma lo scopo è quello di occultare la crisi di un modello

Viaggiava con il biglietto non timbrato. « Pestato dai vigili »

Loading

Prensley Oviawe ha 49 anni e da 20 vive in Italia. Fermato per un errore dell’obliteratrice viene consegnato ai vigili che lo massacrano di botte

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment